.
Annunci online

Lo “schiaffo” benvenuto di Draghi alla cancelliera Merkel

Con uno “schiaffo” benvenuto alla cancelliera Merkel, che ieri [*] si era dichiarata contraria all’illimitatezza degli acquisti di bond da parte della BCE, oggi – finalmente! – il presidente della BCE, Mario Draghi, ha annunciata la decisione quasi unanime (ha votato contro soltanto il governatore della Bundesbank) della BCE di acquisto illimitato di titoli pubblici sul mercato secondario, l’unica soluzione veramente efficace e per giunta paradossalmente meno onerosa per calmierare gli spread, ormai ingiustificati guardando ai fondamentali e che costituiscono un intollerabile vantaggio competitivo per alcuni Paesi (in particolare la Germania) a danno di altri (tra cui l'Italia).

[*] La Bce pensa ad acquisti illimitati di bond sovrani. Ma la Merkel dice no                              05 settembre 2012                                                                                                                              Il piano anti-spread messo a punto dal presidente della Bce Mario Draghi prevede acquisti illimitati di titoli di stato che verranno sterilizzati. È quanto riporta Bloomberg citando due funzionari della stessa Banca centrale europea. I dettagli potrebbero essere resi noti domani dal presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi. Nelle ultime ore, tra le ipotesi, c'era anche quella di porre un tetto (segreto o pubblico) per delimitare la capacità di intervento sui debiti sovrani da parte dell'organismo della Bce. Secondo l' Il Sole 24Ore - leggi su http://24o.it/hDmmP

Allego: l’articolo di “Repubblica” sulla decisione della BCE; la dichiarazione, di oggi, del premier Monti; il commento opportuno, di ieri, di Massimo Giannini; e, infine, riporto il mio quesito rivolto al premier Monti, tre mesi fa, tramite “Repubblica”. 

CRISI                                                                                                                                                  Draghi: "Al via piano anti spread. Acquisto di bond sarà illimitato"                                                Il presidente della Banca centrale europea annuncia il via libera al meccanismo per                  raffreddare i differenziali, che incassa un solo voto di dissenso. Rivendica l'autonomia              dell'istituto, ma precisa che chi farà ricorso all'Esm dovrà rispettare impegni. E ribadisce          "Euro irreversibile"                                                                                                                                6 settembre 2012                                                                                                                                 http://www.repubblica.it/economia/2012/09/06/news/draghi-42050231/

6 settembre 2012                                                                                                                                  Monti: ''Nel Parlamento ribolle insofferenza verso la Germania''                                                All'incontro del Ppe a Fiesole interviene il nostro premier e dice: "Nel Parlamento italiano ci sono due gruppi, uno di centro e uno di centrodestra che afferiscono alla famiglia del Ppe e anche della Cdu". Ebbene , prosegue, "dall'inizio del mio governo a oggi nel Parlamento in generale, ma anche in quei due gruppi che avevano come punto di riferimento piu alto la Germania e chi la governa, è un bollire e ribollire del tasso di insofferenza verso la Germania e il governo tedesco". E questo è avvenuto "nel giro di quattro, cinque mesi"                                http://video.repubblica.it/dossier/crisi-euro-merkozy/monti-nel-parlamento-ribolle-insofferenza-vero-la-germania/104499?video 

5 settembre 2012                                                                                                                                  Giannini: ''A chi giova la patto-mania''                                                                                          E' una sindrome che attanaglia tutti i governi, quando l'agenda sembra svuotarsi. Ma sul tavolo dell'alleanza invocata oggi, quella per la produttività, manca qualcosa di molto concreto: i soldi. Il commento del vicedirettore di Repubblica, Massimo Giannini                        http://video.repubblica.it/economia-e-finanza/giannini-a-chi-giova-la-patto-mania/104417/102797 

Inviato il 11/6/2012 alle 23:54
domandeamonti@repubblica.it
Egr. Sig. Presidente,
Come non si possono fare le nozze coi fichi secchi, così non si può stimolare la crescita senza risorse finanziarie. La crisi economica è dura e sarà lunga (almeno 15 anni), poiché riflette il riequilibrio in ambito planetario della produzione, della ricchezza e del benessere. Occorre perciò un punto di vista da economia di “guerra”.
Passera e Squinzi ovviamente lo sanno bene, altrettanto Alesina e Giavazzi o il “Corriere della Sera”, ma fanno gli gnorri o gli utili idioti (gli riesce sempre molto bene quando si tratta di tutelare i poteri forti).
Provo a sintetizzare:
1) E’ stata varata, con la Monti-Fornero, l'ottava riforma delle pensioni dal 1992, (cfr. [1] nota 1). Tutte insieme produrranno nei prossimi decenni risparmi per centinaia di miliardi. Neppure un centesimo di questi ingentissimi risparmi è previsto andrà a ridurre le disuguaglianze o finanziare ammortizzatori sociali universali - rispettivamente, tra le maggiori (cfr. [1], nota 11) e tra i più bassi in ambito OCSE, come rammentato più volte (anche nella Lettera della BCE, cfr. [1], nota 4) da Mario Draghi -, o finanziare direttamente la crescita, ma alimenterà l’avanzo primario.
2) I risparmi dalla “spending revuew”, che possono venire non certamente dalla ulteriore riduzione delle auto blu (che avrebbe però un valore simbolico), ma da una significativa riduzione della voce “beni e servizi”, che cifra complessivamente 140 mld (ci sta pensando il commissario Enrico Bondi), e dai trasferimenti/agevolazioni fiscali alle imprese ed ai redditi alti, serviranno ad evitare l’aumento dell’IVA.
3) Le risorse per la crescita (e per la riduzione del debito e conseguente riduzione degli interessi) possono venire soltanto prendendoli da quelli che i soldi ce li hanno, dopo che gli oltre 200 mld di manovre finanziarie varate negli ultimi 2 anni sono stati addossati in gran parte sui ceti medio-bassi e persino sui poveri (la spesa sociale dei Comuni e delle Regioni è stata tagliata dal governo Berlusconi-Tremonti del 90%), e cioè:
– all’interno, a) dall'introduzione di un'imposta patrimoniale ordinaria (e/o prestito forzoso) sui grandi patrimoni, proposta persino, nel settembre scorso, dalle associazioni degli imprenditori (cfr. [1], nota 16), proprio come contropartita della riforma del lavoro e delle pensioni di anzianità; ma, come si dice, "passata la festa, gabbato lo santo"; b) dalla ritassazione una tantum dei capitali scudati e dalla tassazione di quelli esportati in Svizzera; c) da una maggiore contribuzione dei redditi alti ai servizi pubblici; d) da un aumento dell’IVA sui beni di lusso; e) dalla lotta all’evasione fiscale e contributiva; f) da una lotta alle false indennità d’invalidità (la cui spesa è pari complessivamente a 16 mld, incluse le indennità di accompagnamento);
- all’esterno (UE), a) dal varo dei project bond e degli EuroUnionBond (v.[1], nota 12); e b) dall’introduzione della TTF, approvata nel lontano marzo  2011 dal Parlamento europeo (v. [1], nota 13).
[1] APPUNTO DOPO LE LETTERE DELLA BCE AL GOVERNOE DEL GOVERNO ALL’UE    
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2695770.html 
(firma)
PS: E’ un anno che uso definire la cancelliera Merkel una "bottegaia", leader di un Paese di "bottegai", per giunta arroganti, come li definiva Primo Levi (ne "La tregua").
E’ giusto che noi dobbiamo completare i compiti a casa, all’appello manca ancora, appunto, un’imposta patrimoniale sui grandi patrimoni o la lotta alla corruzione ed all’inefficienza della PA, che è una delle chiavi di volta dello sviluppo del Paese.
Tuttavia, i tornanti della storia, come quello attuale, sarebbe meglio affrontarli avendo alla guida degli statisti, non dei "bottegai". Purtroppo in Germania non c'è ora un Kohl, ma una Merkel. [2]
[2] “Le promesse da marinaio della “bottegaia” Merkel”
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2739381.html

  

Post e articoli collegati:

Il solito Olli Rehn, l’amico del giaguaro                                                                                          http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2744430.html

L’Europa riparte da qui                                                                                                                    http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2745490.html

Le determinanti dello spread                                                                                                            http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2746466.html

Il chiagne e fotte dei furbi “bottegai” tedeschi                                                                                http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2747517.html

I facitori dello spread                                                                                                                        http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2748019.html

Lo spread e gli ‘amici del giaguaro’                                                                                                  http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2748385.html

Carlo Clericetti “Lo strano caso del dr. Draghi e mr Buba”  (10/08/2012) http://www.eguaglianzaeliberta.it/articolo.asp?id=1540

“Lo spread che vale una legislatura”  (30/08/2012)                                                                           http://www.eguaglianzaeliberta.it/articolo.asp?id=1542, in cui tra l’altro scrive:                              “Dunque: richiedere l’intervento “è indispensabile”; il memorandum è “un passaggio obbligato”; potrebbe essere lo stesso Monti a formularne le condizioni, cosa del tutto credibile vista la sua consonanza tanto con la Merkel che con Draghi, che del resto negli ultimi tempi marciano perfettamente uniti”. 

 

 

   

 



Sfoglia agosto        ottobre
temi della settimana

pd debito pubblico curiosita' sessuali crisi economica draghi pensioni fake news renzi riforma delle pensioni fornero sessualità banca d'italia berlusconi bce ue imposta patrimoniale sviluppo intellettuale bersani germania economia governo monti



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1480660 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0