.
Annunci online

Cinque osservazioni a “Un fronte pop”

 
democrazia, sinistra di Giorgio Airaudo , Giulio Marcon
Un Fronte Pop
23/02/2015
Come possiamo costruire in Italia una forza politica analoga a Syriza e Podemos? Iniziamo da una cornice che tenga insieme forze politiche e mobilitazioni sociali, una reinvenzione del Fronte popolare. Con cinque campagne: contro l’austerità e il Jobs act, per i diritti, la pace, l’ambiente
http://www.sbilanciamoci.info/Sezioni/alter/Un-Fronte-Pop-28602
 
1. Citazione: “Possiamo puntare a una moltiplicazione di mobilitazioni, vertenze locali e di categorie, intrecciate alle manifestazioni contro gli F35, lo Sblocca Italia, la Tav, le trivelle nell’Adriatico, le mafie, la crisi ambientale”.
Io, dopo oltre 40 anni di PCI-PDS-DS-PD, alle scorse elezioni europee ho votato per “L’Altra Europa per Tsipras”, ma non voterei mai per un nuovo partito che basasse il suo programma su sciocchezze sesquipedali come l’opposizione ideologica, a prescindere, ad un buco in una montagna come la Tav o anche alle trivelle nell’Adriatico, visto che in quest’ultimo caso lo farebbe comunque – ma interamente ed esclusivamente – la Croazia.
 
2. “uscendo dall’individualismo e dall’ubriacatura del mercato di questi trent’anni liberisti
Neo-liberisti, poiché ardisco pensare che anche il padre del liberismo, Adam Smith, avrebbe da ridire sul neo-liberismo.
 
3. “Quale può essere la “via italiana” a una politica del cambiamento che ci avvicini ai risultati di Syriza e Podemos?
La via italiana non può che basarsi, prima di tutto, su un motto socialista come “Libertà e giustizia sociale”.
 
4.“Serve ricomporre la divisione che abbiamo ereditato tra “coalizione sociale” e “coalizione politica”, tra sinistra sociale e sinistra politica, senza scorciatoie leaderistiche”.
Questo è il vero punto debole di qualunque partito di sinistra italiano e la cartina di tornasole per prevederne l’esito: il rapporto psicologico con la leadership. Primo, perché qualunque organizzazione – e il partito è un’organizzazione di uomini accomunati da ideali ed obiettivi concreti - per il suo successo ha bisogno di un leader. Secondo, perché non esiste – come anche Syriza e Podemos (e M5S e PD) dimostrano plasticamente – un grande partito di sinistra senza un leader forte, ben visibile, concreto, empatico, capace di comunicare (anche il sorriso fa parte di una buona comunicazione, per questo un Landini è escluso). Terzo, perché la scelta politica è anch’essa frutto della struttura psicologica, e l’elettore di sinistra (in misura crescente man mano che si procede verso il limite estremo) ha “strutturalmente” un rapporto conflittuale con l’autorità paterna. E quindi con la leadership.
 
5. Infine, il nome e il programma sono importanti. Quelli proposti nell’articolo a me sembrano inadeguati. Ma è una carenza ovviabile, molto più del leader e dei luoghi (reali e virtuali) in cui potersi incontrare e partecipare democraticamente, concretamente ed umilmente, smettendo la presunzione saccente, il benaltrismo e soprattutto l’“assassinio” quotidiano del proprio padre (o madre). Vasto programma.
 
 
Appendice
 
un fronte pop
ezio tomelleri
Martedì, 24 Febbraio 2015 18:33:26
La vostra proposta è necessaria urgente e matura almeno tra le persone di sinistra. L'unico limite che vedo sta nelle timidezze di alcuni dei soggetti politici che dovrebbero aggregarsi: in particolare la sinistra del P.D che non riesce ancora a sganciarsi dall'abbraccio mortale di Renzi e delle sue politiche , e le organizzazioni a sinistra che ancora non vedono l'urgenza di abbandonare steccati spesso insignificanti.Tra i punti dell'agenda che voi proponete penso che meriti un posto particolare la lotta contro la riforma delle pensioni Fornero. per permettere a qualche giovane in più di lavorare,qualche vecchio di andarsene prima del funerale e per costruire un sistema che dia realmente la possibilità di avere pensioni decenti.
 
Risposta a @ezio tomelleri
Vincesko
Martedì, 24 Febbraio 2015 20:53:38
@ezio tomelleri
Citazione: “lotta contro la riforma delle pensioni Fornero. per permettere a qualche giovane in più di lavorare,qualche vecchio di andarsene prima del funerale e per costruire un sistema che dia realmente la possibilità di avere pensioni decenti”.
Ti segnalo allora che sbagli bersaglio per 2/3. La legge Fornero ha solo completato ciò a cui per 2/3 aveva già provveduto Sacconi, nel 2010 e 2011 (e prima di lui in piccola parte Damiano, nel 2007).
 
 
Post collegati:
 
Differenza tra ‘destri’ e ‘sinistri’
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2585732.html

Analisi quali-quantitative/13/TAV
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2662791.html

 

Sfoglia febbraio        aprile
temi della settimana

ue bersani sessualità draghi banca d'italia pensioni berlusconi economia riforma delle pensioni fornero curiosita' sessuali governo monti imposta patrimoniale renzi pd crisi economica bce debito pubblico germania commissione europea bufale



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto2318248 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0