.
Annunci online

Dialogo breve con Alfonso Gianni sul programma del PD, il reddito minimo garantito, la questione femminile ed altro

 
Riporto una breve discussione, svoltasi alla fine del mese di dicembre scorso, tra Alfonso Gianni e me sul suo blog in Huffington Post. Anche in questo dialogo, come faccio da 4 anni dacché frequento Internet, ho sostenuto la necessità del varo sia del reddito minimo garantito (Rmg), sia di un piano corposo di alloggi pubblici, prendendo i soldi da una imposta patrimoniale.
 
 
Alfonso Gianni
L'Agenda Monti Sotto l'Albero di Natale
Pubblicato: 27/12/2012 11:00
http://www.huffingtonpost.it/alfonso-gianni/lagenda-monti-sotto-lalbe_b_2366242.html?utm_hp_ref=italy
 
 
Vincesko
13 Fan
00:27 su 28/12/2012
E' regola elementare delle analisi non comparare dati non omogenei. La Carta d'intenti (lo dice la parola stessa) del Csx non è comparabile con l'Agenda Monti, che anche se di appena 25 pagine è già un programma politico abbastanza dettagliato. Se Alfonso Gianni smettesse per qualche minuto gli abiti dell'intelligentone di estrema sinistra e si informasse adeguatamente, riuscirebbe forse a sapere che il Segretario Bersani, subito dopo le scorse primarie, dichiarò che il secondo passo era l'elaborazione del programma, dal che si ricava la conferma che la Carta d'Intenti non lo è. Poi, le dimissioni del premier ha scombussolato la "road map" (1. primarie; 2. elaborazione del programma; 3. scelta delle alleanze, in coerenza col programma; e 4. primarie di collegio per la scelta dei candidati), imponendo la precedenza alle primarie per la scelta dei parlamentari. (continua/1)
 
Vincesko
13 Fan
00:25 su 28/12/2012
(segue/2)
In primo luogo, osservo che soltanto una forzatura "ideologica" da bastian contrario può far affermare che il "Reddito di cittadinanza" (che, per inciso, esiste in tutti i Paesi UE, tranne Italia, Grecia e Ungheria) non faccia parte delle proposte del Csx, che Monti furbescamente ha mutuato. Anche perché persino nella famosa lettera della BCE del 5/8/2011, che è stata la vera ‘guideline’ del governo Monti, è raccomandato il rafforzamento degli ammortizzatori sociali, nonché dei servizi per l'impiego, unica misura non ancora attuata (al riguardo, la proposta Ichino, a ben vedere, è meglio sia della legge Fornero sia dell'attuale assetto sostenuto dalla CGIL e dagli altri sindacati). 
Inoltre, va rimarcata dell'Agenda Monti la proposta dell'imposta patrimoniale, mutuata anch'essa dal programma di Csx, alla quale però andrebbe aggiunto un prestito forzoso su una platea selezionata per la riduzione celere del debito pubblico e dei relativi, ingenti interessi passivi (misura proposta, tra gli altri, da Veltroni-Morando al Lingotto2, da Fitoussi, da Giannino). 
Infine, va sottolineato l'inserimento nell'Agenda Monti della questione femminile, che assieme alla PA costituisce il problema prioritario e strategico italiano, obiettivo che è contenuto, se non ancora compiutamente nel programma del PD, nella Lettera di PDnetwork alla Segreteria Naz. ed ai Gruppi parlamentari del PD (cfr. http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2593370.html , nota 18).
 
 
Descrizione: foto
Blogger di HuffPost
Alfonso Gianni
20 Fan
19:08 su 28/12/2012
Non ho scritto che l'agenda Monti e la carta di intenti sono la stessa cosa, nè nella forma nè nei contenuti. Ho verificato però che le distanze non sono enormi. Anzi ci sono dei precisi punti di incontro, come la fedeltà al fiscal compact recentemente ribadita con ancora più forza da Bersani al Financial Times. In secondo luogo ribadisco che il del reddito di cittadinanza non è citato in nessun punto della carta di intenti. Che nel csx se ne parli è vero ed anche ovvio, non che esista una proposta precisa al riguardo, Comunque anche se vi fosse non è stata ritenuta degna di comparire tra gli intenti da cui deriverebbe l'articolazione del programma (se ci sarà). In terzo luogo non c'è traccia di patrimoniale nè di qui nè di là, se a questo termine si dà un significato proprio cioè di un'imposta soggettiva su tutti i beni immobiliari e mobiliari in capo a una persona fisica (fatte salve le eventuali franchige, come nella proposta della Cgil che considero la migliore in circolazione). Non si tratta quindi di essere più o meno intelligenti. Si tratta di legegre quello che c'è scritto, non quello che si vorrebbe fare intendere, sapendo che in politica le parole hanno il loro peso.
 
 
Vincesko
13 Fan
21:10 su 28/12/2012
1) Dove avrei affermato che Lei ha “scritto che l'agenda Monti e la carta di intenti sono la stessa cosa”? Io ho affermato che sono dati non omogenei, quindi non comparabili. Occorre quindi aspettare il programma del Csx.
2) “Le distanze non sono enormi” a) per alcune proposte, cioè quelle che Monti ha mutuato dal Csx; b) perché alcune proposte riflettono provvedimenti oggettivamente necessari, beninteso in un’ottica di Csx, non da intelligentoni sovrastati dall’ideologia; c) per altre, le distanze ci sono, o meglio ci saranno quando sarà disponibile il programma del Csx.
3) Il quale programma presumibilmente non sconterà più tutti gli effetti di condizionamento e dello spread e della prudenza del neofita e “comunista” Bersani in funzione dell’esigenza inevitabile di “accreditarsi” agli occhi dei poteri forti, soprattutto di quelli che muovono capitali speculativi megagalattici. (continua/1)
 
Vincesko
13 Fan
21:09 su 28/12/2012
(segue/2)
4) L’imposta patrimoniale (cfr. Dossier Imposta patrimoniale http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2670796.html ) ha subito alterne vicende, ma è una misura doverosissima proposta da parecchi e quindi Bersani la varerà, se non altro perché, dopo ben 330 mld di manovre correttive addossate in massima parte sul ceto medio-basso e persino sui poveri (col taglio della spesa sociale), i ricchi sono gli unici ad averli,i soldi. 
5) Ho scritto ‘intelligentoni’, come sono tutti quelli di estrema sinistra, ai quali non va mai bene niente e che, non avendo risolto il rapporto edipico, perdono tempo ad “ammazzare” tutti i giorni il loro padre: una iattura per l’Italia. Ci vuole intelligenza e pragmatismo. E la perfezione non è di questo mondo. E non ce l’ha neppure la CGIL, visto che non sostiene il Reddito di cittadinanza perché le farebbe perdere potere (cfr. Lettera PDnetwork, nota 9). Rmg che non potrà essere di 700 €/mese, anche se l’UE lo indica pari al 60% del salario: occorre essere realistici perché come Lei sa i disoccupati sono quasi 3 milioni e gli inattivi sono ora 14 milioni, in massima parte concentrati al Sud, ma affiancare al Rmg la casa ad affitto sociale. (continua/2)
 
Vincesko
13 Fan
21:08 su 28/12/2012
(segue/3)
PS: Sistema di ammortizzatori sociali universale:
TRE MISURE ANTI-CRISI INDISPENSABILI
La crisi epocale in atto sarà dura e lunga almeno 15 anni. Occorrono TRE MISURE INDISPENSABILI: 1) un reddito minimo garantito (Rmg) o reddito di cittadinanza,opportunamente disciplinato (com'è in tutti gli altri Paesi UE, tranne Grecia e Ungheria) di 2 livelli: uno di 1° livello, poniamo, di 300 € per quelli che non hanno contributi versati negli ultimi 2 anni, ed uno di 2° livello, poniamo di 500 € per gli altri che invece li hanno versati; 2) una casa ad affitto sociale (vale a dire 100-150 € al mese), attraverso un piano corposo pluriennale di alloggi pubblici di qualità, almeno 25.000 all’anno - negli ultimi 20 anni si sono costruiti, a causa del predominio degli immobiliaristi e dei costruttori, 1/10 di alloggi pubblici rispetto agli altri Paesi europei più evoluti; e 3) l’obbligo ai datori di lavoro di pagare un precario di più di quello stabile (i precari sono almeno 4 milioni, 7 milioni se includiamo le partite IVA più o meno fasulle, oltre ai familiari, quindi in totale oltre 10 milioni di persone coinvolte direttamente o indirettamente), così uno riuscirebbe almeno a sopravvivere, si potrebbe sottrarre al ricatto di un lavoro purchessia pagato poco o punto e sarebbe un po' più sereno, anziché sovrastato da un sentimento di spada di Damocle di SELEZIONE NATURALE DARWINIANA.
 
 
Post e articoli collegati:
 
Sei misure da adottare contro la crisi e per la crescita
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2767761.html
Differenza tra‘destri’ e ‘sinistri’
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2585732.html
La casa è un diritto essenziale
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2761640.html
 
disoccupatiprecariprimo impiegoproposta di leggereddito minimowelfare di Luca Santini
Reddito minimo garantito, la proposta di legge popolare
27/04/2013
La consegna alla Camera della proposta di legge d’iniziativa popolare sul Reddito minimo garantito apre una fase nuova nel rinnovamento delle politiche sociali e di tutela del reddito in Italia. Sbilanciamoci.info apre una discussione
http://sbilanciamoci.info/Sezioni/alter/Reddito-minimo-garantito-la-proposta-di-legge-d-iniziativa-popolare-18109
 
povertàprotezione socialereddito minimo di Armando Travaglini
Reddito minimo, come si potrebbe fare
27/04/2013
Il sostegno al reddito è il buco più grave del welfare italiano. Le lezioni della sperimentazione del Reddito minimo d’inserimento e i costi che avrebbe il reddito minimo garantito
http://sbilanciamoci.info/Sezioni/alter/Reddito-minimo-come-si-potrebbe-fare-18107
 
Un reddito minimo possibile
14.06.13
Massimo BaldiniPaolo BosiSara ColombiniDaniela Mesini e Emanuele Ranci Ortigosa
L’introduzione di un reddito minimo è quanto mai urgente e necessaria. Ma come disegnare la misura? Universalismo selettivo e risorse da recuperare secondo una logica redistributiva sono i criteri guida. L’erogazione monetaria va affiancata da interventi di promozione sociale e lavorativa.
http://t.contactlab.it/c/1000009/3473/43544101/31533
 
Alloggi pubblici.
Dal rapporto della CIES (Tab. 3.4, pag. 101), si ricava che, nel 2009, la spesa per l’housing sociale (case popolari) è, in Italia, appena dello 0,02% sul PIL, contro lo 0,57% della UE27, lo 0,75% della Danimarca, lo 0,65% della Germania, lo 0,20 della Spagna, lo 0,85% della Francia e l’1,47% della Gran Bretagna, con un rapporto tra questi altri Paesi UE e l’Italia, rispettivamente, di 28,5, 37,5, 32,5, 10, 42,5 e 73,5 volte: sono dati che costituiscono un vero scandalo!
Rapporto sulle politiche contro la povertà e l'esclusione sociale 2011 -  2012
 
 

Chi è nato tondo non può morire quadrato

20 novembre 2012   Non torniamo indietro dall’agenda Monti   Marco Follini

http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/138584/non_torniamo_indietro_dallagenda_monti

 

In napoletano si dice: chi è nato tondo non può morire quadrato.

E Monti già mostra, per giunta, segni di defaillance psicologica.

E la mitica Agenda Monti non è altro che la pedissequa riproduzione della Lettera della BCE del 5 agosto 2011 al Governo italiano, [1] della quale sono stati eseguiti tutti i diktat, tranne - guarda caso - il potenziamento degli ammortizzatori sociali e dei servizi per il reimpiego.

liberal interni ed esterni al PD hanno fatto già abbastanza guai, è d'uopo che si fermino per almeno 5 giri, il tempo di una legislatura, e lascino lavorare Bersani, che è persona onesta e capace.

In Italia si è creata una situazione bastarda per l'incompetenza dei governanti di destra e la loro corrività con le peggiori pratiche neo-liberiste e le furbizie di una buona fetta degli imprenditori italiani, in particolare nei servizi, che non fanno investimenti in nuovi prodotti e tecnologie e competono al ribasso sfruttando alla “cinese” le risorse umane: leggete il bellissimo editoriale di venerdì scorso di Ezio Mauro su Repubblica, che descrive bene la situazione generale; gli ho inviato volentieri una email per complimentarmi. [2]

Ma purtroppo, a differenza della Germania e di altri Paesi, manca la cooperazione tra le classi ed i ceti sociali, tutti egoisti, a tirare acqua al proprio mulino. E la sinistra finora è stata al traino, ma, come ho scritto nel mio 'post' sulla globalizzazione, ora pare si sia svegliata; e intanto occorre "bastonare" i liberal del PD (come sto facendo io indefessamente; vedi, da ultimo, ieri, [3] che hanno anche l’inclinazione alla slealtà.


[1] Lettera BCE
http://www.corriere.it/economia/11_settembre_29/trichet_draghi_italiano_405e2be2-ea59-11e0-ae06-4da866778017.shtml
[2] Lettera-commento all’editoriale di Ezio Mauro
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2761918.html 
[3] Carteggio tra il Sen. Pietro Ichino e me
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2762171.html 
 

Articolo collegato:
L’innovazione chiave di successo delle imprese (ma in Italia latita)
http://amato.blogautore.repubblica.it/2012/11/19/linnovazione-chiave-di-successo-delle-imprese-ma-in-italia-latita/

 

 

Sfoglia maggio        luglio
temi della settimana

pensioni riforma delle pensioni fornero curiosita' sessuali commissione europea germania debito pubblico ue bce crisi economica fake news bersani renzi governo monti economia sviluppo intellettuale imposta patrimoniale pd sessualità banca d'italia berlusconi



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0