.
Annunci online

CURIOSITA' SESSUALI REPRESSE E SVILUPPO INTELLETTUALE/2

 

Riporto un breve stralcio dall’opera “Aforismi e pensieri” di Sigmund Freud - Newton Compton, Tascabili Economici, Roma, 1994.
 
“Tutti i fattori che danneggiano lo sviluppo sessuale presentano i loro effetti determinando una regressione, ossia un ritorno a fasi anteriori dello sviluppo. Spesso la precocità sessuale corre parallela allo sviluppo intellettuale precoce.(…).
Se la curiosità del bambino troverà adeguata soddisfazione a ciascun livello di apprendimento, non diventerà mai eccessiva. Dunque, il fanciullo dovrebbe ricevere una istruzione sui fatti specifici della sessualità umana, con un cenno al suo significato sociale, al termine delle scuole elementari, prima di cominciare le medie, vale a dire prima del compimento del decimo anno di età. Il periodo più adatto per l'istruzione del fanciullo sugli obblighi morali connessi alla soddisfazione materiale dell'istinto, è il tempo della cresima, quando ormai egli ha raggiunto una piena comprensione di tutti i fatti fisici. Secondo il mio modo di vedere, l'unico metodo che tiene conto dello sviluppo del fanciullo, e quindi riesce a evitare eventuali pericoli, è rappresentato da un'istruzione sulla vita sessuale condotta secondo queste direttive, cioè che proceda gradualmente senza alcuna vera interruzione, e la cui iniziativa sia presa dalla scuola.
Più una persona è disposta alla nevrosi, meno può tollerare l'astinenza. Chiunque sia in grado di penetrare le cause determinanti delle malattie nervose si convincerà presto che il loro aumento nella nostra società deriva dall'intensificazione delle restrizioni sessuali.(…)”.
 
Aggiungo alcune considerazioni:
- l'anno scorso ho pubblicato questa discussione in un altro forum, molto frequentato, in maggioranza da donne: si sono registrate pochissime risposte, nonostante il mio invito esplicito a farlo;
- evidentemente si tratta di un argomento “ostico”, che suscita diffidenza, rifiuto, autocensura;
- se dessimo credito all’assunto freudiano – ribadito anche più in generale nell’opera sopra citata - che l’assenza di “curiosità” intellettuale – riportato esplicitamente nel titolo dell’argomento di questa discussione - è correlata alla repressione delle curiosità sessuali da piccoli, dovremmo un po’ arbitrariamente dedurre una densità impressionante di “repressi” nei frequentatori e frequentatrici di quel forum;
- la mia personale valutazione, frutto dell’osservazione empirica, è che – l’ho già scritto – le osservazioni di Freud siano, nonostante la vulgata della diffusa liberazione sessuale, ancora attuali. Esse andrebbero meditate e suggerire un approccio scientifico, a-ideologico sull’utilità di un’istruzione sessuale adeguata, in un'età anticipata rispetto alle indicazioni di Freud (lunedì – per par condicio - pubblicherò uno stralcio dello scritto di un teologo), sia per ridurre l’incidenza delle malattie nervose, sia per agevolare in ognuno - e ognuna soprattutto - lo sviluppo del massimo potenziale intellettuale.
 
 
Puntate precedenti:
post/1 http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2558195.html

CURIOSITA' SESSUALI REPRESSE E SVILUPPO INTELLETTUALE/1

 

Al 3° punto del mio progetto educativo (v. “Rivoluzione culturale - Progetto educativo” http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2580796.html ) ho indicato l’opportunità di:
3. EDUCARE A DARE UN’INFORMAZIONE SESSUALE , o meglio, secondo Freud, in particolare per le bambine, una NON REPRESSIONE DELLE “CURIOSITA’ SESSUALI (ovviamente quando queste saranno esplicitate).
Ora, anche con riferimento a recenti discussioni sul ruolo delle donne, vorrei farne oggetto di uno specifico argomento di discussione, pubblicando una serie di 'post'.

 
Per iniziare, riporto uno stralcio di quanto scrive Sigmund Freud, in “La morale sessuale ‘civile’ e il nervosismo moderno” *:
(…) In generale, la nostra civiltà è costruita sulla repressione delle pulsioni. Ciascun individuo ha ceduto qualche parte delle sue possessioni – qualche parte del senso di onnipotenza o delle inclinazioni aggressive o vendicative della sua personalità. Da questi contributi è sorto il possesso comune della proprietà materiale e ideale della civiltà. Oltre alle esigenze della vita, sono stati, senza dubbio, i sentimenti familiari derivati dall’erotismo ad avere indotto i singoli individui a fare questa rinuncia. Nel corso dell’evoluzione civile la rinuncia è stata di carattere progressivo. I singoli passi furono sanzionati dalla religione; la parte di soddisfazione pulsionale a cui ogni persona aveva rinunciato veniva offerta come sacrificio alla Divinità, e la proprietà comune così acquistata fu dichiarata “sacra”. L’uomo il quale, in conseguenza della sua costituzione ostinata, non può accettare la repressione della pulsione, diventa un “criminale”, un “fuorilegge”, agli occhi della società – a meno che la sua posizione sociale o le sue eccezionali capacità non gli consentano di imporsi ad essa come un grande uomo, un “eroe”. [cfr. concetto analogo in Delitto e castigo, dove costituisce uno dei “moventi” psicologici del delitto  http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2589028.html , e in Guerra e pace: per entrambi la figura di riferimento è Napoleone, ndr]
La pulsione sessuale (…) mette straordinarie quantità di forze a disposizione dell’attività civile e lo fa in virtù della caratteristica particolarmente marcata che gli permette di sostituire i suoi scopi senza che vi sia materialmente una diminuzione d’intensità. Questa capacità di cambiare il suo scopo originariamente sessuale con un altro, non più sessuale ma in relazione psichica col primo scopo, è detta capacità di sublimazione. (…)
L’educazione proibisce alle donne di interessarsi intellettualmente di problemi sessuali, benché provino tuttavia un’estrema curiosità per essi, e le intimorisce condannando tale curiosità come non femminile e come segno di disposizione peccaminosa. In questo modo rifuggono da qualsiasi forma di pensiero e il sapere perde ai loro occhi ogni valore. La proibizione di pensare si estende oltre il campo sessuale in parte per una associazione inevitabile e in parte automaticamente, come avviene tra gli uomini per la proibizione di pensare intorno alla religione, o tra i sudditi fedeli per la proibizione di pensare intorno alla lealtà. Non credo che la “deficienza mentale fisiologica” delle donne si possa spiegare con la contrapposizione biologica tra lavoro intellettuale e attività sessuale, come asserisce Moebius in un’opera su cui si è ampiamente disputato. Penso che l’indubbia inferiorità intellettuale di tante donne possa piuttosto farsi risalire all’inibizione di pensare resa necessaria dalla repressione sessuale. (…)”.
S. Freud

 
* Titolo originale: “Die “kulturelle” Sexualmoral und die moderne Nervositat”. Pubblicato la prima volta in Sexual-Probleme, 4, 1908. Traduzione di Cecilia Grassi e Jean Sanders; opere 1905-1921; Newton.

 
Commento:
1. C’è correlazione tra libertà d’informazione sessuale e sviluppo intellettuale?
2. Nella scuola, l’educazione (ma, più semplicemente, si dovrebbe parlare di informazione) sessuale non è contemplata. Le iniziative di dirigenti di scuola o singoli insegnanti in tema di informazione sessuale pare trovino – a leggere i giornali – la ferma e costante opposizione dei genitori, addirittura anche quando essa è destinata ai genitori stessi (*), e sono quindi rare.
(*) http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/04/26/nel-liceo-le-lezioni-di-sesso-per.html
3. L’Italia sembra sia l’unico Paese della UE che non fornisce statistiche, all’organismo preposto a livello europeo (Eurostat), sull’educazione sessuale dei giovani.
4. Sharon Maxwell, psicologa americana, tratta l’argomento in un suo libro di grande successo ed “è ormai diventata una star, specializzata in lezioni di sesso per bambini. Dopo aver tentato di rispondere alle domande piccanti del figlio, questa psicologa americana ha infatti deciso di trasformare l' istintivo imbarazzo in una sfida professionale. Dieci anni fa ha iniziato organizzando centinaia di corsi e incontri di educazione sessuale nelle scuole. Il successo è stato tale che ha pubblicato un manuale diventato bestseller, "The Talk", in cui invita i genitori ad affrontare il tema del sesso già alle elementari e spiega come superare il disagio. Nostro, non loro”. Accludo l’articolo integrale: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/04/03/sesso-perche-va-insegnato-insieme-alle-tabelline.html
5. Sono ancora attuali le considerazioni di Freud sull’argomento? A mio avviso, sulla base della mia esperienza (che però non include gli attuali under 20), sì. Sarebbe utile sentire il parere degli amici e delle amiche di questo forum.

 
 


 

Sfoglia dicembre        febbraio
temi della settimana

curiosita' sessuali debito pubblico germania renzi governo monti pd imposta patrimoniale sessualità ue riforma delle pensioni fornero sviluppo intellettuale commissione europea bce fake news berlusconi pensioni banca d'italia economia italia bersani



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0