.
Annunci online

Anche Olivier Blanchard è vittima della BUFALA mondiale che la recessione italiana sia stata causata dal Governo Monti



Errori di previsione del Pil durante l’Eurocrisi: quali cause?

di Emiliano Brancaccio e Fabiana De Cristofaro


Alberto Alesina e Francesco Giavazzi (in ordine dimportanza) hanno troppi morti e feriti sulla coscienza a causa della loro teoria ossimorica dell’austerità espansiva fatta propria dalle principali Istituzioni (leggasi troika) ed applicata ai Paesi in crisi economica. Ma anziché ammettere virilmente e onestamente l’errore, di fronte alle evidenze empiriche e alla smentita autorevole e “istituzionale” del FMI, che li ha sbugiardati (soprattutto il primo) a livello mondiale, cospargersi il capo di cenere e sparire dalla scena pubblica rifugiandosi in qualche convento ad espiare la loro colpa, continuano con tigna sovrumana a pontificare da pulpiti prestigiosi e scrivono perfino libri, che poi i media e le università li chiamano a commentare.

Fa benissimo il prof. Brancaccio a criticarli. Quel prof. Brancaccio che però anche lui, come la quasi totalità degli economisti, è rimasto vittima della BUFALA cosmica che la crisi sia stata causata da Monti (cfr. Appendice al primo volume[1]).


Aggiungo che, a giudicare da un suo recente paper (commentato nel sito Economia&Politica dal prof. Pizzuti,[2]  anch’egli – come il 99% degli economisti - vittima della BUFALA su Monti), probabilmente (in effetti, egli nel suo paper non cita Monti, anche se Pizzuti glielo mette nella penna, ma è forse legittimo dedurlo dal momento che scrive “Governo italiano”, al singolare, e cita l’anno 2012, quando al governo c’era Monti) anche Olivier Blanchard, ex capo economista del FMI, è vittima della BUFALA mondiale che la recessione italiana sia stata causata dal Governo Monti, che ha varato soltanto il 19% del totale delle manovre, contro l’81% di Berlusconi.

Blanchard, infatti, scrive:

“At the height of the debt crisis, many politicians and economists argued that sharp fiscal adjustment was necessary and likely to stabilize output. By increasing confidence that countries would repay their debt, the argument went, public borrowing costs would fall, making credit cheaper. Increased confidence and cheaper credit would offset the contractionary impact of fiscal tightening. Prodded by the European Central Bank (ECB) and its European partners, the Italian government tightened its fiscal policy by over 3 percentage points of GDP in 2012. The opposing view was that deficits should be allowed to increase during the recession, until the economy started to recover. Borrowing costs, if they increased, should instead be limited through other means, including intervention by the ECB or the European Stability Mechanism (ESM).”

(All’apice della crisi del debito, molti politici ed economisti sostenevano che era necessario un forte aggiustamento fiscale e che probabilmente avrebbe stabilizzato il prodotto. Aumentando la fiducia che i paesi avrebbero ripagato il loro debito, l'argomentazione ebbe successo, i costi di indebitamento pubblico sarebbero diminuiti, rendendo il credito più economico. Una maggiore fiducia e un credito più economico avrebbero compensato l'impatto restrittivo della stretta fiscale.

Spronato dalla Banca centrale europea (BCE) e dai suoi partner europei, il governo italiano ha rafforzato la sua stretta fiscale di oltre 3 punti percentuali del PIL nel 2012. L’opinione opposta era che i deficit dovessero essere aumentati durante la recessione, fino all'avvio della ripresa economica. I costi di finanziamento, se aumentati, avrebbero invece dovuto essere limitati con altri mezzi, compreso l'intervento della BCE o del Meccanismo europeo di stabilità (MES).).

In realtà, nel 2012 si sono concentrati gli effetti delle tre mastodontiche manovre correttive del Governo Berlusconi, per un ammontare cumulato, relativamente al periodo 2011-2014, quadruplo di quelle del Governo Monti.

Come si può dedurre dalla mia tabella n. 3.[1]

Tabella n. 3 - Valori delle cinque manovre correttive varate dal 2010 al 2012

Governo Berlusconi: DL 78/2010, DL 98/2011 e DL 138/2011; Governo Monti: DL 201/2011 e DL 95/2012 (milioni di euro)

DL

2010

2011

2012

2013

2014

TOTALE

%

DL 78/2010

          36

12.131

25.068

25.033

 -

62.268

22,8

DL98/201 1

 -

  2.108

  5.577

24.406

49.973

82.064

30,1

DL138/2011

 -

     732

22.698

29.859

11.822

65.111

23,8

Tot.Gov.B.

         36

14.971

53.343

79.298

61.795

     209.443

76,7

DL201/2011

 -

 -

20.243

21.319

21.432

62.994

23,1

DL95/2012*

 -

 -

     603

       16

      27

     646

  0,2

Tot.Gov.M.

 -

 -

20.846

21.335

21.459

63.640

23,3

TOTALE

        36

14.971

74.189

   100.633

83.254

     273.083

100,0

  %

 -

  5,5

  27,2

  36,9

  30,5

100,0


 *Minori spese per 20.326 milioni nel triennio 2012-14 sono compensate da minori entrate per 19.680. 

(Fonte: elaborazione mia su dati del Servizio Studi della Camera o del Senato)


Da essa, elaborata su dati del Servizio Studi della Camera dei Deputati, si evince che:

(i) “spronato” è un eufemismo (si vedano gli importi e i tempi di attuazione imposti dai veri e propri diktat dellUE e della lettera del 5/8/2011 della BCE al governo Berlusconi, costretto poi a dimettersi[1]), il che forse conferma che Blanchard si riferisce a Monti, che subentra a Berlusconi all’esito di un complotto sui generis orchestrato su input iniziale di Sarkozy-Merkel;[1]

(ii) Blanchard sottostima la manovra di bilancio 2012;

(iii) nel 2012, impattarono sia la manovra del governo Monti, sia quelle varate in precedenza dal governo Berlusconi, per un totale (esclusa la legge di stabilità 2011, che nel 2012 impatta per 2,8 mld[3]) di 74.189 milioni (pari a circa 4,6 punti di Pil), di cui Berlusconi 53.343 mln e Monti 20.846 mln.


PS: Do il link all’articolo originale di Blanchard:

“The Italian Budget: A Case of Contractionary Fiscal Expansion?”

Olivier Blanchard (PIIE) and Jeromin Zettelmeyer (PIIE)

October 25, 2018 5:45 PM


**********





Lettera ai Professori Brancaccio e Cottarelli sulle loro fake news su Monti e la riforma Fornero




Pubblico la lettera che ho inviato il 26 gennaio scorso a Emiliano Brancaccio e Carlo Cottarelli, dopo avere ascoltato i loro interventi alla trasmissione radiofonica di Radio1 Radio anch’io, nel corso della quale (all'inizio, il conduttore Giorgio Zanchini legge un mio sms, anche se lo arricchisce di una premessa inesistente), tenendo bellamente in non cale le mie molteplici segnalazioni, hanno dato la stura alle loro tesi erronee che a provocare la recessione sia stato Monti e ad allungare l’età di pensionamento sia stata la riforma Fornero. Ad oggi, non ho ricevuto nessuna risposta da Emiliano Brancaccio; mentre Carlo Cottarelli, come al solito, mi ha risposto subito, ma per carità di patria – visto che era influenzato – vi risparmio ciò che mi ha brevemente scritto.


Grande recessione: non Monti ma Berlusconi. Pensioni: non Fornero ma Sacconi

Da:  v

26/1/2018  15:15


Egregi Professori Brancaccio e Cottarelli,

Alla trasmissione di Radio Anch’io di stamane, nonostante le mie varie e-mail, avete di nuovo incolpato Monti della recessione, come fanno (quasi) tutti da sei anni, inclusi – pare – tutti i docenti di Economia. Dimostrando che siete ancora vittime della potentissima propaganda berlusconiana e del Cdx. Nulla di più falso, a causare la grande recessione è stato Berlusconi!

Manovre correttive

Basta riportare le cifre riepilogative, infatti, per poter dedurre che il Governo Monti, in un quasi equivalente lasso di tempo (1 anno e mezzo), ha varato solo il 19% dei 330 mld cumulati delle manovre correttive decise nella scorsa legislatura, contro l’81% del Governo Berlusconi, ed è stato molto più equo (vedi IMU, patrimonialina sui depositi, TTF). Potete ri-trovare l’analisi completa e le prove documentali nel documento di 18 pagine in cui ho ricostruito le vicende politico-economiche della scorsa legislatura, con notizie e nessi forse sorprendenti.[1]

Riepilogo delle manovre correttive (importi cumulati da inizio legislatura):

- governo Berlusconi-Tremonti 266,3 mld (80,8%);

- governo Monti 63,2 mld (19,2%);

Totale 329,5 mld (100,0%).

Come si vede facilmente, Berlusconi ha battuto Monti per 4 a 1. Se si considera anche l'iniquità delle misure (che amplifica gli effetti recessivi, poiché si colpiscono di più i percettori di reddito ad alta propensione al consumo: ad esempio, Berlusconi ha tagliato la spesa sociale, destinata ai poveri, del 90%[1]), anche di più. E' importante considerare, infine, che tutte le misure strutturali (tagli miliardari alla previdenza, alla sanità, alla scuola, ecc.) valgono tuttora.

Pensioni

Avete anche citato, come fan tutti, soltanto la riforma delle pensioni Fornero. Permettetemi, allora di ri-ri-ri-osservare.

Dal 1992, le riforme delle pensioni, considerando un'unica riforma le norme emanate da Sacconi nel 2010 e 2011 (oltre che nel 2009, col DL 78/2009), sono state 7 (Amato, 1992; Dini, 1995; Prodi, 1997; Berlusconi/Maroni, 2004; Prodi/Damiano, 2007; Berlusconi/Sacconi, 2010 e 2011; Monti-Fornero, 2011).

La riforma delle pensioni Fornero è solo l’ultima delle sette riforme e non la più severa, sia dal punto di vista delle norme e dei conseguenti effetti sull’allungamento dell’età di pensionamento, sia sotto il profilo del risparmio cumulato al 2060 dalle quattro riforme dal 2004 (Maroni, 2004, il cui ‘scalone’ fu abolito da Damiano; Damiano, 2007, le cui “quote” furono abolite da Fornero; SACCONI, 2010 e 2011; e Fornero, 2011), stimato dalla Ragioneria Generale dello Stato (RGS) in 1.000 mld (60% del Pil), di cui meno di un terzo attribuito alla riforma Fornero, chissà perché l’unica citata (anche dalla Corte dei Conti), il che significa che la quota prevalente dei residui 2/3, ben maggiore del meno di un terzo, è ascrivibile alla riforma SACCONI (della quale peraltro RGS omette la L. 148/2011 - la terza sulle pensioni, dopo la L. 122/2010 e la L. 111/2011 -, che estese la “finestra” di 12 mesi al comparto della scuola http://tuttoprevidenza.it/wp-content/uploads/2014/03/Numero-30-settembre-2011.pdf), mai citata da nessuno, neppure dalla Corte dei Conti e da RGS.[2]

Ad essa vengono attribuite erroneamente o furbescamente (ad esempio dall’On. Matteo Salvini,[3] che votò la severissima legge SACCONI nel 2010 e 2011, e, per ignoranza o malafede, decidano loro, da sette noti esperti di previdenza - Cazzola, Giannino, Boeri, Garibaldi, Ichino, Damiano, Sacconi -, oltre ISTAT, EUROSTAT, UPB e INPS[4]) misure severe della riforma SACCONI, in particolare l’incisivo meccanismo dell’adeguamento automatico all’aspettativa di vita, in realtà introdotto dal comma 12bis dell’art. 12 della L. 122/2010, che al comma 12ter ha prescritto all’ISTAT di considerare nel calcolo dell’aspettativa di vita soltanto gli aumenti e non anche le diminuzioni.

La stessa professoressa Fornero ha alimentato coraggiosamente e autolesionisticamente la sua nomea di cattiva, (i) sia appropriandosi di misure decise da altri: formalmente, dell'aumento dell'età base di pensionamento di vecchiaia a 66 anni, deciso già da Damiano (4 mesi in media) e SACCONI (8 mesi) con la cosiddetta “finestra” (i.e. differimento dell'erogazione), che, di fatto, di provvedimenti già implementati dal ministro SACCONI, in particolare l'adeguamento automatico, o da Dini, il metodo contributivo; (ii) sia non rinviando tutti gli intervistatori ai veri autori.

Specularmente, ha influito sulla vulgata il senatore Sacconi, col suo lungo silenzio, rotto solo recentemente con la sua conferenza stampa congiunta con l'onorevole Damiano, presso una sala del Parlamento, dove per iscritto ha attestato che l'adeguamento automatico all'aspettativa di vita era stato deciso dalla riforma Fornero, mentre verbalmente ha dichiarato di esserne lui l'autore.[4]

Com’è noto, l’On. Salvini della Lega Nord e Luigi Di Maio di M5S stanno proponendo l’abolizione della riforma delle pensioni Fornero per ridurre l’età di pensionamento (anticipato) a 41 anni, proposta rilanciata con grande enfasi da tutti i media.

Ma, se si togliesse la riforma Fornero, rimarrebbe la riforma SACCONI (oltre alle altre cinque precedenti, in particolare la Dini), che nel 2019 porterà l'età della pensione anticipata (uno dei due modi ‘ordinari’ di pensionamento) per gli uomini a 43 anni e 3 mesi e per le donne a 42 anni e 3 mesi, e dell’incremento dai 40 anni del 2010soltanto 1 anno [rectius: 2 anni (1 anno e 3 mesi relativamente ai dipendenti o 1 anno e 9 mesi relativamente agli autonomi, sono di Sacconi (di cui 4 mesi in media di Damiano) e 2 anni sono di Fornero o 1 anno e 6 mesi relativamente agli autonomindr*] per gli uomini – da 41 e 3 mesi a 43 anni e 3 mesi – e soltanto 1 anno per le donne – da 41 anni e 3 mesi a 42 anni e 3 mesi - è dovuto alla riforma Fornero [che ha ridotto la "finestra" per gli autonomi da 18 a 12 mesi, inglobandola nell'età base].[2] [3] [4] [5]


[* Sono stato ingannato per alcuni anni (i) dalla prima lettera di chiarimenti del Governo all'UE (26 ottobre 2011), che, oltre al grave errore dei 67 anni per tutti entro il 2026 in luogo del 2021 (il 2026 valeva soltanto per le lavoratrici private), non esclude le pensioni di anzianità dall’adeguamento all’aspettativa di vita, e poi (ii) dall'uso di testi della legge 122/2010 o di Normattiva, che aggiornano i testi delle leggi, per cui ho attribuito erroneamente a Sacconi l'applicazione dell'adeguamento alla speranza di vita, oltre che alle pensioni di vecchiaia e alle cosiddette “quote” (somma di età anagrafica e anzianità contributiva), poi abolite da Fornero, anche alle pensioni anticipate, ex anzianità (che prescindono dall’età anagrafica), estensione che invece è stata decisa da Fornero, ndr]. 


Stessa cosa per le pensioni di vecchiaia: 67 anni per tutti nel 2019 e poi via via a 70 e oltre.

Per le pensioni di vecchiaia, infatti, la riforma Fornero ha solo (i) accelerato l’allineamento graduale delle donne del settore privato a tutti gli altri (già regolati dalla riforma SACCONI) entro il 2018, già previsto dalla riforma SACCONI entro il 2026 (2023, includendo l’adeguamento automatico); e (ii) reso biennale l’adeguamento triennale automatico SACCONI, a decorrere - come recita la norma - non dal 2019 o dal 2021, come sostengono quasi tutti, ma da quello successivo a quello (triennale) del 2019, cioè dal 2022 (DL 214/2011, art. 24, comma 13 http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legge:2011-12-06;201~art24!vig=); oltre ad aver (iii) soltanto esteso, pro rata dall’1.1.2012, il metodo contributivo a coloro che erano esclusi dalla riforma Dini del 1995, che l’ha introdotto, cioè coloro che al 31.12.1995 avevano già 18 anni di contributi, quindi tutti relativamente anziani.

Infine, va notato che anche l’OCSE – i cui rapporti hanno una risonanza mondiale - diffonde da anni qualche fake news sulle pensioni italiane, fuorviato – come conferma il Prof. Alberto Brambilla - da enti autoctoni (in particolare l’ISTAT).[5]

Egregi Professori Brancaccio e Cottarelli,

Spero di esserVi stato utile e che vogliate contribuire in futuro a contrastare severamente la vulgata imperante, che ha fatto quasi 60 milioni di vittime, sia sulle pensioni che sulle manovre finanziarie della scorsa legislatura e sulle cause della grande recessione.

Cordiali saluti

V.

___________________________

Note:

[1] L'assassinio della verità, chi ha davvero messo le mani nelle tasche degli Italiani e causato la grande recessione

[2] Questo articolo mi è stato chiesto da un sito, dopo una mia segnalazione rettificativa.

Pensioni: l’estremismo di Bankitalia e Corte dei Conti

di Vincesko - 27 October 2017

Qui sotto, c’è anche il grafico della RGS e altre mie osservazioni critiche:

Lettera a Davide Colombo del Sole 24 ore su un suo articolo con qualche fake news sulle pensioni

[3] Lettera n. 2 all’On. Matteo Salvini sulle sue notizie false-fake news-bufale sulla riforma delle pensioni Fornero

[4] Pensioni, la congiura del silenzio di sette noti esperti di previdenza contro Elsa Fornero

[5] Lettera a Stefano Scarpetta dell’OCSE sulla sua fake news sulla spesa pensionistica italiana, sua risposta e mia replica



Post collegati:

Lettera a Carlo Cottarelli, direttore esecutivo del FMI, sua risposta e mia replica

Lettera ai media, al Governo, al PD e ai sindacati: le pensioni e Carlo Cottarelli



**********




Sfoglia febbraio        aprile
temi della settimana

fake news economia pensioni curiosita' sessuali governo monti riforma delle pensioni fornero renzi debito pubblico commissione europea sessualità sviluppo intellettuale pd germania crisi economica imposta patrimoniale banca d'italia ue bersani berlusconi bce



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0