.
Annunci online

Il 'dio' Corradino Mineo

 

democraziaPdRenzi di Guglielmo Ragozzino
Mineo, Chiti e la democrazia
15/06/2014
Il caso di Corradino Mineo e dei quattordici senatori del Pd che si sono autosospesi ha aperto una breccia nel partito di Matteo Renzi. Eppure è l'articolo 67 della Costituzione a dire che ”ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”
http://sbilanciamoci.info/Sezioni/italie/Mineo-Chiti-e-la-democrazia-24998

 

In teoria tutto giusto, ma osservo:

1. Sono incline a pensare che Corradino Mineo, come tutti i Siciliani (Tomasi di Lampedusa insegna), si creda un dio.[1]

2. Corradino Mineo ha forse tutto il diritto di sentirsi un dio e di pretendere di imporre la sua tesi minoritaria all’intero gruppo parlamentare del PD, ma, specularmente, anche Renzi - à la guerre comme à la guerre – ha il diritto, se può, di sostituirlo alla Commissione parlamentare.[2]

3. La RAI [3] – come forse è noto – è un covo di raccomandati incapaci, organici gonfiati, strutture decentrate ridondanti, sprechi e compensi milionari: il suggerimento di Renzi della vendita di una quota di RaiWay,[4] secondo me, va interpretato come il noto detto del parlare a nuora perché suocera intenda. Ma temo che Corradino Mineo, avendolo visto all’opera come parte attiva nell’indecorosa canea promossa dai giornalisti di centrodestra contro il contributo di solidarietà sui redditi elevati deciso dal governo Berlusconi-Tremonti, sia piuttosto refrattario ad un’analisi obiettiva quando si tratti di soldi “propri”: propri perché, avendovi lavorato per 40 anni ed essendo egli per giunta un dio, si identifica nella RAI (come nel Senato).

[1] E' il principe di Salina che parla (ne Il Gattopardo): “Rimasero [gli ufficiali inglesi, ndr] estasiati dal panorama, della irruenza della luce; confessarono però che erano stati pietrificati osservando lo squallore, la vetustà, il sudiciume delle strade di accesso. (…) Vengono [i garibaldini, ndr] per insegnarci le buone creanze ma non lo potranno fare, perché noi siamo dèi.(…) i Siciliani non vorranno mai migliorare per la semplice ragione che credono di essere perfetti (…).”
Ma è da leggere, ovviamente, in senso opposto: in Ricordi della casa dei morti, Dostoevskij scrive: “Di certo si doveva credere un uomo molto intelligente, come accade per solito a tutti gli uomini ottusi e limitati”.
http://it.wikipedia.org/wiki/Il_Gattopardo
[2]http://it.wikipedia.org/wiki/1%C2%AA_Commissione_permanente_del_Senato
[3] http://it.wikipedia.org/wiki/Rai
[4] http://it.wikipedia.org/wiki/Rai_Way

 

Appendice


Riporto la lettera che inviai nel 2011 a Corradino Mineo, allora direttore di Rainews24. Ad oggi, non ho ricevuto nessuna risposta:

 

Oggetto:

Le pensioni e l'equità

21/11/2011
01:49

Da:

vhttp://posta-static.iol.it/cp/images/default/en/mail/smart/addcontact.gif

A:

<rainews24@rai.it> 

Egr. Direttore Mineo,

Anche stasera su “Rainews” (ma succede su quasi tutti i media, inclusi i 
giornali e le tv supposti di sinistra) avete parlato di necessità di riformare 
le pensioni, mentre, come Lei sa bene, finora  i ricchi l’hanno fatta quasi 
franca, e i giornalisti, capitanati da direttori ed editorialisti di giornale 
di destra, Belpietro, Sechi, Bechis, Porro, ecc., cui si sono aggregati anche 
alcuni di sinistra, come Lei e Menichini, hanno montato una vera e propria 
canea contro il contributo di solidarietà, che li colpiva direttamente.

E’ superfluo notare che troppo spesso, in un Paese stortignaccolo come il 
nostro, si appronta un tavolo con le solite 3 gambe che riguardano i ceti meno 
abbienti, “dimenticando” o riducendo le dimensioni della quarta, che riguarda i 
più abbienti. 
E’ perciò colpevole, Dott. Mineo, contribuire ad alimentare la solita 
disinformazione ed ammuina da “utili idioti” dei ricchi.

Come quella che l’età di pensionamento a 67 anni si raggiungerà nel 2026 
(sic!), come ha dichiarato anche la vostra ospite Prof.ssa Fiorella Kostoris, 
intervistata dal vostro loquacissimo tuttologo Mino Fuccillo, altrettanto 
disinformato.

Le confesso che – passi per Fuccillo - sorprende che la professoressa Kostoris 
– di solito così chiara, precisa e puntuale - abbia fatto un’affermazione non 
rispondente al vero (ho già provveduto a scriverglielo).

Mi permetto di segnalarLe che le pensioni di vecchiaia sono in linea 
addirittura col “benchmark” europeo  (cfr. note [5] e [6] del ‘post’ allegato 
[*]), Infatti, dopo le 7 riforme dal 1992 (cfr. nota [1]), includendo la 
“finestra” mobile di 12 mesi, gli uomini ora vanno in pensione di vecchiaia già 
a 66 anni (+ 1 mese, anche in tutti gli altri casi), nel 2013 a 66 e 3 mesi e, nel 
2021, già a 67 anni, per l’esattezza 66 anni e 11 mesi; anche le donne del 
pubblico impiego andranno a 66 anni e 11 mesi nel 2021; quelle del settore 
privato, invece, nel 2021 andranno a 64 anni e 8 mesi e nel 2026 a 67 anni e 4 
mesi. Il che forse spiega l’equivoco, causato da una carente comunicazione del 
governo nella lettera alla UE (corretta poi nelle precisazioni): cioè, nel 
2026, le donne del settore privato raggiungeranno il limite dei 67 anni, come 
tutti gli altri!

Mi permetto, poi, di rammentarLe che la lettera della BCE: 1) indica soltanto 
le pensioni di anzianità e, per la vecchiaia, le donne del settore privato; ma 
2) aggiunge di riformare il sistema degli ammortizzatori sociali, forse perché 
Draghi, oltre che della situazione delle pensioni, è ben consapevole che ci 
sono milioni di lavoratori privi completamente di tutele, ivi compresi 
centinaia di migliaia di over 50 e decine di migliaia di pensionandi 
disoccupati o comunque inattivi.

In conclusione, Egr. Direttore, concretamente, al sottoscritto – costretto 
dalla crisi economica e per causa di forza maggiore ad interrompere l’attività 
- le manovre correttive per il risanamento dei conti pubblici (non dell’INPS, i 
cui conti sono in attivo ed in equilibrio fino al 2050) stanno comportando 
quest’anno un mancato introito pensionistico di vecchiaia di quasi 20 mila € (o 
forse più); ai ricchi, ai loro utili idioti ed a voi giornalisti che chiedono 
le riforme per gli altri ad ogni piè sospinto, molto meno o addirittura nulla.

[*] APPUNTO DOPO LE LETTERE DELLA BCE AL GOVERNO E DEL GOVERNO ALL’UE
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2695770.html

Cordialmente,

 

Articolo collegato:
 
Perché la Rai deve cambiare
07.06.14
Roberto Perotti
Le accuse alla Rai sono sempre le stesse da decenni: politicizzazione, cattiva amministrazione, sprechi, raccomandazioni.  Bisogna andare oltre queste critiche qualitative. Ecco perché la Rai deve dimagrire. E di ben più di 150 milioni.
http://t.contactlab.it/c/1000009/3734/47310867/34798


Sfoglia maggio        luglio
temi della settimana

pd governo monti riforma delle pensioni fornero bce fake news germania imposta patrimoniale economia renzi pensioni curiosita' sessuali commissione europea bersani berlusconi debito pubblico crisi economica ue bufale banca d'italia sessualità



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0