.
Annunci online

Renzi l’asfaltatore con le piume sul cappello

 
E' arrivato l'asfaltatore, senza piume sul cappello
Giorgio Salerno
Martedì 28 Gennaio 2014
http://www.sinistrainrete.info/index.php?option=com_content&view=article&id=3373:giorgio-salerno-e-arrivato-lasfaltatore-senza-piume-sul-cappello&catid=82:politica-italiana&Itemid=58
 
Premetto che io ho sempre votato PCI-PDS-DS-PD, mai Renzi.
Mi limito ad osservare:
 
«La svolta della sinistra. Renzi riceve Berlusconi e lo riconosce come primo e legittimo interlocutore».
Falso, è stato il secondo, il primo è stato Grillo, che si è chiamato subito fuori.
Una volta che M5S, checché ora ne dica, si è chiamato fuori, il concreto e tosto Renzi, determinato a far seguire alle parole i fatti (sua caratteristica fondamentale), giocoforza - giocoforza - si è dovuto rivolgere a SB, che saprà cucinarsi a fuoco lento, io prevedo (amen!). Vedremo, comunque, ma i numeri sono numeri, nel bene e nel male.
 
“Il buon Niki Vendola è avvertito”
Niki Vendola? Riferimento furbesco. Vendola ha fatto una scissione per separarsi dagli intelligentoni di estrema sinistra, tutti primedonne malati di narcisismo, succubi della loro ideologia, alieni dalla concretezza, incapaci per questo di unirsi tra loro, che un giorno sì e l’altro pure si dissociavano dall’ottimo governo Prodi di cui facevano parte. Renzi su questo ha ragione da vendere; basta col ricatto dei partitini di estrema sinistra, non Vendola.
 
“Matteo Renzi nasce in una famiglia cattolica e democristiana…”
La vera nobilitade del tosto, concreto, coraggioso e leale Renzi
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2802737.html
 
“La "profonda sintonia" rivelatasi nell'incontro del Nazareno”
Questo, invece, è stato un capolavoro di Renzi, per cucinarsi l’avversario. Come spiegava l’ambasciatore USA, Berlusconi è uno che basta incensarlo un po’ che si può ottenere tutto da lui.
 
Conclusione: né Renzi né l’Italicum sono perfetti, ma spesso il meglio è nemico del bene. Un grande partito ha una leadership forte. Francamente, fa impressione constatare che gli intelligentoni di estrema sinistra sono pacifisti e aborrono i leader forti, ma quando vanno al potere diventano guerrafondai e dittatori.
 
PS:
Differenza tra ‘destri’ e ‘sinistri’
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2585732.html
Berlusconi-Renzi, interpretazione psicologica di un incontro scandaloso
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2684132.html
 

Aggiornamento

Toti alla Gelmini: “Non sa come sganciarsi da Renzi. Ha capito che è un abbraccio mortale”.
05 aprile 2014
http://video.repubblica.it/dossier/mediaset-sentenza-cassazione/fuorionda-toti-gelmini-il-cavaliere-non-sa-cosa-fare-con-renzi-ed-e-angosciato-per-il-10/161639/160131  

La lana Letta e la seta Prodi

 
Descrizione: Carlo Patrignani
Carlo Patrignani
Giornalista e scrittore
Tiro a bersaglio su Letta: il déjà vu del 2007 su Prodi
Pubblicato: 04/11/2013 12:25
http://www.huffingtonpost.it/carlo-patrignani/tiro-a-bersaglio-su-letta-il-deja-vu-del-2007-su-prodi_b_4200166.html
 
Non confondiamo la lana con la seta [*]
 
Descrizione: http://www.huffingtonpost.it/images/conversations/default_avatar.png
Vincesko
36 Fans

3 obiezioni:
1) A differenza del governo Prodi, la nascita del governo Letta (col PDL) è stata decisa da un solo uomo, Napolitano, in barba alla volontà espressa, prima, dalla maggioranza di ben 3,2 milioni di elettori in libere elezioni primarie, e, poi, dalla maggioranza relativa dell’intero elettorato.
2) Vendola (SEL), a differenza di Bertinotti (RC), è all’opposizione.
3) Il 2° Governo Prodi è stato, sulla base dei dati (risanò i conti pubblici, scassati dal precedente governo di Cdx, in 22 mesi, adottando misure severe ma eque), pur con una maggioranza risicatissima al Senato, uno dei migliori governi degli ultimi 30 anni; quello Letta, il risanamento dei conti se lo è trovato già fatto e, a giudicare dalla decisione di calare le brache sull’abolizione iniqua e incongrua dell’IMU (anche ai ricchi), con tutti i problemi nella ricerca affannosa di risorse finanziarie che ora vediamo, è finora uno dei peggiori.
 
 
[*] Mmiscà* 'a lana cu 'a seta.
Ad litteram: mischiare la lana con la seta; idest: creare artificiose confusioni o proporre paragoni inconferenti quando nonproponibili. Frase solitamente usata nella forma di esortativo negativo: nunammiscammo 'a lana cu 'a seta! (non mischiamo la lana con la seta!).*mmiscà=confondere, mescolare dal b. lat.: misculare >misclare
Campania
http://www.dialettando.com/regioni/pages/proverbi_dialetto.lasso?cerca=&regione=Campania&saltarec=240&results_curpage=25
 
 
Post collegato:
Letta, Epifani e Saccomanni, un trio di calabrache
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2791048.html 

Bersani, Vendola e Renzi, tre linguaggi per tre candidati


Dopo aver letto questo articolo del professor Massimo Arcangeli su Repubblica, in cui egli fa un esame comparativo della capacità linguistica e comunicativa dei tre candidati alle primarie e boccia impietosamente sia Bersani, sia – un po’ meno - Vendola, mentre esprime un giudizio molto favorevole su Renzi, che io mi permetto di non condividere, nel complesso, quasi per niente:
Bersani, Vendola e Renzi, tre linguaggi per tre candidati
di Massimo Arcangeli
http://www.repubblica.it/politica/2012/10/22/news/bersani_vendola_e_renzi_tre_linguaggi_per_tre_candidati-44866363/
ritengo utile, per smentire anche il prof. Arcangeli, che presumo non sia particolarmente esperto di comunicazione (ma, anche per supposti esperti, non è che andasse e vada molto meglio, vedi appresso), riproporre questo mio lungo post del 2010, (che ho già allegato in “Se il PD non avesse avuto forza attrattiva invincibile”  http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2752582.html e in “Bersani vs Renzi, il competente e onesto segretario gentiluomo e lo sfidante coraggioso e tosto” http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2753331.html):
“La capacità comunicativa ed empatica di Pierluigi Bersani”    http://partitodemocratico.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2564322 (se questo link non è attivo, cliccare qui  http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2764036.html),
stralciandone qui la parte iniziale:
Riservato a coloro che hanno tempo (e voglia) di leggere.
Come preannunciato, provo a fare un'analisi critica sulla capacità empatica (e comunicativa) di Bersani, ed invece di fare un saggio, di cui non sarei capace, lo faccio riportando una serie di vecchi articoli corredati di qualche mia considerazione di segno talora positivo, talaltra negativo, pubblicati in un altro forum tra giugno ed agosto. […] 
e quella conclusiva degli altri due post predetti:
Sulla capacità comunicativa di Bersani, riporto anche questi 2 miei commenti sul blog di Alexander Stille, su "Repubblica":
http://stille.blogautore.repubblica.it/2010/11/20/fini-vs-bersani/ 

·  vincesko 20 novembre 2010 alle 18:34
Il giudizio contenuto nel ‘post’  è in parte giusto, in parte errato.
In parte giusto, perché effettivamente Pierluigi Bersani – per ragioni caratteriali e di educazione – non sembra possedere una grande capacità comunicativa, secondo i canoni ormai imperanti.
In parte errata, perché essa dipende dalla situazione ambientale in cui egli si esprime: elevata, nelle assemblee di partito, nei convegni “tranquilli” e nei dibattiti di natura tecnica; bassa, nelle interviste volanti per strada (ma sta migliorando), nei dibattiti accesi con interlocutori maleducati, o quando, come nella trasmissione di Fazio, è soverchiato dall’emozione.
Poiché questo problema è molto dibattuto anche nell’ambito della base del PD, proprio ieri ho ‘postato’  questo mio commento in PDNetwork (“La capacità comunicativa ed empatica di Pierluigi Bersani” http://partitodemocratico.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2564322 ), al quale rimando coloro che hanno tempo e voglia di leggere una selezione di “performance” bersaniane, relative al periodo giugno-agosto 2010, corredate di qualche mia chiosa critica, di segno talora positivo, talaltra negativo.
Infine, vorrei fare tre osservazioni: 1. ho notato che, in generale, il giudizio su Bersani è influenzato dal fattore pregiudizio, positivo o negativo; 2. Francesca è forse anch’ella vittima di pregiudizio – negativo -, poiché ha basato il suo giudizio sul discorso “aumento delle tasse”; 3. Bersani e Fini (come tutti i politici) vanno giudicati non tanto per quello che dicono e per come lo dicono, ma per quello che fanno in concreto. 

·  vincesko 13 dicembre 2010 alle 16:26
Se ne è accorto finalmente anche un esperto di comunicazione come Curzio Maltese che l’efficacia comunicativa di Pierluigi Bersani dipende dal luogo e dalle modalità in cui egli si può esprimere (cfr. qui il mio commento del 20.11 ore 18:34).
“(...) Nel suo bel discorso Bersani, assai più efficace in piazza che in televisione, ha rivendicato con orgoglio la diversità del Pd. (…)”.
http://www.repubblica.it/politica/2010/12/12/news/maltese_manifestzione-10097911

Infine, allego:

Pier Luigi Bersani at the Renaissance Conference in Paris, 17.03.2012
http://www.youtube.com/watch?v=HTc1S9eaVPQ

 

Post scriptum: se riuscirò a trovare l'indirizzo e-mail del prof. Arcangeli, gli invierò volentieri questo post ed oso prevedere che la sua lettura e la visione del video complete ed attente gli faranno mutare almeno un poco il giudizio su Bersani. Anche per la proprietà di linguaggio, poiché secondo me è uno dei politici con la maggiore padronanza della lingua italiana (non ho mai trovato un suo errore finora, a differenza ad esempio del premier attuale - ma anche degli altri prima di lui - per il quale sono arrivato addirittura già a tre).

 

 

 

Meglio il ‘porcellum’, corretto da primarie di collegio

12 ottobre 2012                                                                                                                                   Realpolitik sì, ma anche un po’ di verità                                                                                          Stefano Menichini                                                                                                                               http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/137730/realpolitik_s%C3%AC_ma_anche_un_po_di_verita

 

Non ne capisco molto, ma arrivati a questo punto non è meglio il "porcellum", [1] corretto da elezioni primarie di collegio per la scelta dei candidati del PD?

Col premio di maggioranza, ci liberiamo sia di Monti che di Casini.

Poi, né Vendola (che fece apposta una scissione per allontanarsi dall'intelligentone Ferrero [2] ed è governatore in carica al 2° mandato, quindi amministratore esperto e pragmatico), né Di Pietro (già efficiente ministro, altrettanto pragmatico) costituirebbero assieme al PD una "coalizione di governo da brividi", come scrive il direttore Menichini nell’editoriale, anzi sarebbero garanzia di una politica efficiente, vincolata comunque agli impegni assunti dall'Italia in sede UE, ma rigorosamente socialdemocratica (in senso europeo), cioè equa verso i più deboli (che ormai sono parecchi milioni e cresceranno di numero).

[1] http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_Calderoli

[2] L’MpS di Vendola nacque da una scissione con RC, per intraprendere un “percorso nuovo”, poi confluito e continuato in SEL                                                                                                        http://it.wikipedia.org/wiki/Sinistra_Ecologia_Libert%C3%A0


Articoli collegati:
21 settembre 2012   Il segretario non ci risponde   Sebastiano Vassallo
http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/137290/il_segretario_non_ci_risponde
La nuova riforma beffa il centrosinistra
http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/137743/la_nuova_riforma_beffa_il_centrosinistra 
  
 






Sfoglia gennaio        marzo
temi della settimana

berlusconi fake news debito pubblico banca d'italia bufale imposta patrimoniale ue pensioni renzi pd bce riforma delle pensioni fornero germania curiosita' sessuali commissione europea sessualità economia governo monti crisi economica bersani



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0