.
Annunci online

Bersani con cattiveria all’attacco di Renzi


FUOCO AMICO

Bersani, ‘Renzi pensa ai suoi amici capitalisti e non agli italiani’

‘Abbiamo perso pezzi di industria, mancano milioni di posti di lavoro’


Bersani: “Pensiamo ai 6 milioni di posti di lavoro che mancano e poi al voto di ottobre”

L’ex segretario del Pd spiega al premier che non può dimenticare l’economia e pensare solo al referendum. Intervista di Giorgio Meletti, Il Fatto Quotidiano

Pubblicato il 27 maggio 2016 in Partito



Le ultime dichiarazioni di Pier Luigi Bersani su Renzi sono state pesantissime ed hanno prodotto, da una parte, un nutrito dibattito in rete, e, dall’altra, una reazione tiepida, anzi fredda, del resto della minoranza PD (Cuperlo e Speranza), che non se la sono sentita di seguire Bersani, rischiando di superare il punto di non ritorno che li avrebbe portati alla scissione.

Constato che troppo tardi il gentiluomo Bersani ha forse capito che una congrua dose di “cattiveria” è un elemento fondamentale di un leader politico, come gli avevo suggerito nel 2010:

“una leadership che negli ultimi due mesi è visibilmente cresciuta”

E’ vero, ma il miglioramento di Bersani non è soltanto degli ultimi 2 mesi, ma è stato un crescendo negli ultimi 2 anni, soprattutto in fatto di determinazione (io uso definirla "cattiveria", che in “PD-Obama” gli “suggerivo” 2 anni fa, con scandalo di qualche anima pia), che poi piano piano, mettendo gradualmente la sordina alla sua bonomia caratteriale, ha anche di conseguenza migliorato l'efficacia delle sue "performance" comunicative. (Cfr. L’esito fausto delle elezioni primarie del Centrosinistra).


La questione Bersani-Renzi è abbastanza chiara. Provo allora a spiegarla come la vedo io, nel merito e seguendo il filo delle critiche di Bersani a Renzi, in sintesi ma compiutamente, ché posso ulteriormente motivare quasi punto per punto (avendo tempo, ho scritto decine di articoli nel mio blog e centinaia di commenti in giro per il web).

Innanzitutto, dico che io non condivido la scelta del galantuomo Bersani di non lasciare il PD del destrorso Renzi, e di limitarsi a denunciare, stando all'interno del partito, che Renzi, essendo un destrorso, ha sposato ovviamente gli interessi dei Marchionne e degli Squinzi; ed essendo - pare - un massone, ha sposato gli interessi dell'élite finanziaria che gravita nei - e attorno ai - consessi latomistici; ed essendo un contaballe contrabbanda la misera e del tutto insufficiente flessibilità ottenuta dall’UE per un grosso e risolutivo successo; ed essendo un Edipo nato e pasciuto ha un'irrefrenabile pulsione a... rottamare chi gli si oppone; ed essendo sveglio e tosto ma di mediocre visione è incapace di erigere un piano con contenuti e respiro strategico.

Anche se - va detto - egli fece errori gravi nella gestione della campagna elettorale, che gli fecero perdere - pare - il 5% dei voti nell'ultima settimana prima delle elezioni, gli elettori non bocciarono Bersani, ma egli per coerenza con se stesso rifiutò di allearsi col pregiudicato Berlusconi e così, stante il divieto statutario di M5S di allearsi con chicchessia, rinunciò alla sua legittima ambizione di diventare PdC.

Che però ora gli dà almeno il diritto di dire la sua e criticare - oggettivamente, nel merito! - gli errori e le carenze delle scelte (o non scelte) di Renzi.

Lo spregiudicato Renzi non ebbe alcuna remora, invece, prima a defenestrare slealmente il debole Letta e poi ad allearsi col pregiudicato predetto per diventare, mai votato da nessuno, PdC e governare grazie ai voti guadagnati dalla coalizione di Bersani: alla Camera 345 seggi su 630, e una maggioranza relativa al Senato (cfr. http://www.ilpost.it/2013/02/26/seggi-camera-senato-elezioni-2013/), facendo per giunta cose spesso opposte al programma (“Italia bene comune”) su cui il PD ha preso i voti, incluso il mio, tradendo così il rapporto di lealtà col proprio elettorato.


Ad una disamina non superficiale dei provvedimenti del governo Renzi, c'è ben altro che il c.d. Jobs Act. Occorrerebbe a) quantificare la distribuzione dei pesi e dei vantaggi per le classi e i ceti di ciò che ha fatto e soprattutto di ciò che non ha fatto il governo dei due massoni Renzi-Padoan; e b) esaminare le differenze tra il programma elettorale col quale il PD (candidato Bersani) ha chiesto e ottenuto il voto e vinto - checché se ne dica - le elezioni e i provvedimenti di legge adottati dal governo Renzi.

Sotto entrambi i profili, con qualche eccezione per un paio di misure iniziali di Renzi, il bilancio è impietoso, e una persona onesta come Bersani, che per coerenza rifiutò l'alleanza con il pregiudicato Berlusconi e rinunciò così alla sua legittima aspirazione a diventare PdC, ha non solo il diritto ma anche il dovere di chiederne conto allo spregiudicato, sleale e destrorso Renzi.


***


Sul costo delle decontribuzioni (a favore degli imprenditori) e sui loro effetti, ecco una stima:


Il Jobs Act e il costo della nuova occupazione: una stima

Marta Fana e Michele Raitano 4 maggio 2016

Marta Fana e Michele Raitano si propongono di stimare quanto inciderà sul bilancio pubblico la decontribuzione sul costo del lavoro prevista dalla Legge di Stabilità per il 2015. A questo scopo, essi formulano diverse ipotesi su variabili rilevanti fini del calcolo, come la durata media dei nuovi contratti e la distribuzione delle retribuzioni. La conclusione alla quale giungono è che il costo lordo per il bilancio pubblico nel triennio di sgravio oscillerà, a seconda delle ipotesi, tra i 22 e i 14 miliardi.


Sugli effetti delle cosiddette riforme strutturali, ecco un’analisi:


SONO LE RIFORME STRUTTURALI LA VERA SOLUZIONE?

Amedeo Panci 27 maggio 2016


Su uno dei modi in cui si estrinseca la cattiveria di Renzi, infine, ecco il giudizio di un esperto:


Marcello Foa sulle minacce di Renzi ai giornalisti (dal minuto 36:30 circa)



Post e articoli collegati:


Caro Pier Luigi Bersani


Bersani vs Renzi



1. Berlusconi-Renzi, interpretazione psicologica di un incontro scandaloso


2. Bersani vs Renzi, il competente e onesto segretario gentiluomo e lo sfidante coraggioso e tosto


3. Il tappo gerontocratico al naturale, fisiologico, salutare ricambio generazionale


4. I 700+1 conservatori dello status quo


5. Se vince Renzi…


6. Il probabile effetto-valanga della ‘rottamazione’ renziana


7. Bersani vs Renzi: economia mista o liberismo?


8. Tra Bersani e Renzi il gioco si fa duro


9. L’esito fausto delle elezioni primarie del Centrosinistra


RITRATTO

La metamorfosi di Pier Luigi Bersani: il mite ex segratario Pd ora è una furia

Chiede di abbassare i toni e di modificare l’Italicum. Si indigna, si dice stupito. E anche se i renziani non gli concedono nulla, l'esponente della minoranza dem non molla

DI LUCA SAPPINO

27 maggio 2016



**********



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd bersani renzi

permalink | inviato da magnagrecia il 29/5/2016 alle 17:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

Ricchi e poveri


Carlo Clericetti  26 MAG 2016

Usa, per il 90% reddito fermo da 40 anni


Ricchi e poveri

Si tratta semplicemente della antichissima guerra tra i ricchi e i poveri, ed i ricchi, resisi conto che nel “trentennio d’oro” erano diventati meno ricchi ed i poveri meno poveri, dopo averlo fortemente voluto, pianificato, organizzato ed attuato a partire dalla fine degli anni '70 del secolo scorso, hanno stravinto. Controllando, com'era nei loro piani, in primo luogo l'università e la tv, veicoli principe dell’“indottrinamento” delle élite e della “manipolazione” delle masse.[1]


Neo-liberismo

Università che hanno approntato la base teorica della rivincita del ceto dominante: il neo-liberismo, che è l’ideologia al soldo dei ricchi e dei potenti, una religione[2] fallace[3] propalata dai loro sacerdoti-utili idioti (docenti universitari, maitre à penser e adepti plagiati).

Tale ideologia domina da 30 anni e ne fanno parte tantissimi che occupano posizioni apicali di Istituzioni pubbliche capaci di incidere anche pesantemente sulla vita di centinaia di milioni di persone.
Soltanto il controllo delle Università e dei media e l’ammuina dei non ricchi rendono possibile il dominio di un’infima minoranza di straricchi potenti, egoisti, bulimici e spietati sul resto dell’umanità.
E, soprattutto, la connivenza o almeno la corrività dei rappresentanti politici, socialisti inclusi.


Unione Europea

Anche l’Unione Europea è stata marchiata a fuoco dallo stigma dello stesso peccato originale: tutta la costruzione europea è determinata, non dal Manifesto di Ventotene del massone progressista Altiero Spinelli e altri, ma dal progetto conservatore e neo-oligarchico dei massoni Kalergi, Monnet, Schumann e altri, con un’impostazione liberistica e deregolamentata del mercato, un parlamento europeo privo di poteri e la prevalenza della burocrazia.

Ma… Contrariamente a quel che sostengono esperti come Barra Caracciolo, che danno un’interpretazione pessimistica e ribaltata, ma poi aggiustano il tiro,[4] a mio avviso gli attuali Trattati europei (TEU e TFUE), vedi in particolare l'art. 3, permetterebbero già ora di concretizzare, in parte, la visione democratica, liberale, solidale, a favore del popolo europeo del Manifesto di Ventotene di Spinelli e NON quella neo-oligarchica, liberista e burocratica dei massoni reazionari Kalergi, Monnet, Schumann. Infatti, “Sono l’Ue e la Bce a non rispettare i trattati europei”.[5]


La presa della Bastiglia

Purtroppo, i partiti e gli intellettuali eterodossi si trastullano con gli inutili appelli e non seguono la strada maestra del ricorso alla legge. Le teste pensanti di stampo progressista - massoni e non - ci sono ancora; ed hanno l'appoggio di milioni di individui chini come me sulla tastiera del pc. Mancavano le braccia per dare l’assalto alla Bastiglia. Ora si può sperare che o i Francesi riprendano la Bastiglia e caccino il mediocre e colluso Hollande, che fa da chaperon[6] alla egemone Merkel, o i Sanders e i Corbyn conquistino democraticamente il potere. E portino, non la ghigliottina per i ricchi, ma semplicemente e “rivoluzionariamente” un nuovo trentennio d’oro, con più giustizia sociale, il ripristino dell’aliquota marginale del 92% d’imposta sui redditi (decisa negli anni cinquanta del secolo scorso dal conservatore Eisenhower!), un’imposta patrimoniale sia ordinaria che straordinaria sui ricchi per semplice equità, e la riduzione della finanza – adeguatamente ri-disciplinata[7] - da padrona del mondo al suo ruolo ancillare dell’economia.



[2] La religione neo-liberista


[3] L’economia neoclassica: una pseudoscienza. Una discussione tra Sylos Labini e Boldrin


[4] Helicopter money. Le soluzioni nascoste, ma non troppo, nei "poteri impliciti"

di Quarantotto

01 Maggio 2016


[5] Sono l’Ue e la Bce a non rispettare i trattati europei


[6] UE, classifica (personale) dei mediocri


[7] Bill Clinton, il liberista

Pubblicato da keynesblog il 16 maggio 2016



**********




Maria Teresa Meli invoca il Vesuvio contro le case abusive


Meli choc: che il Vesuvio si riprenda le case messe là dai napoletani

Giovedì 19 Maggio 2016, 16:55 - Ultimo aggiornamento: 19-05-2016 16:59 


DEDICATO A TUTTI COLORO, NAPOLETANI E NON, CHE IGNORANO E SOTTOVALUTANO IL RISCHIO VESUVIO


La frase della giornalista del Corriere della sera Maria Teresa Meli “Spero che il Vesuvio si riprenda le case messe là dai napoletani” si riferiva a case costruite sulla spiaggia del Comune di Castelvolturno in provincia di Caserta. Da Internet, si ricava che la distanza tra Castelvolturno ed Ercolano, che è situata ai piedi del Vesuvio, è di 57 Km, che sembra, almeno apparentemente agli occhi di un profano, una distanza di sicurezza.

Non sono un esperto, ma anni fa partecipai ad una visita guidata sul Monte Nuovo vicino Pozzuoli, che come tutta l’area dei Campi Flegrei (molto più vicina del Vesuvio a Castelvolturno…) è un “vulcano attivo in fase di quiescenza” che si formò nel 1538 nel giro di una settimana (https://it.wikipedia.org/wiki/Monte_Nuovo). Arrivati in cima, che poi è un sentiero circolare quasi immerso nella vegetazione che gira attorno al cratere, un vulcanologo che ci accompagnava ci spiegò, tra le altre cose, che a) l’eruzione di Pompei del 79 d.C. non è del grado massimo; e b) ci sono state in passato – come attestano i sedimenti del terreno - eruzioni del Vesuvio che hanno ricoperto di pietre laviche l’avellinese e il beneventano, per cui nessuna zona della Campania – ed anche oltre, aggiunse - poteva dirsi priva di rischi, dipendeva dal grado di esplosività dell’eruzione. Ci disse anche che secondo lui (che, francamente, a me profano sembrò appartenere alla categoria dei pessimisti se non dei… catastrofisti) non c’è certezza che il Vesuvio, che – va detto – è uno dei vulcani attivi più controllati, “preavverta”, come si sente dire, con alcuni giorni di anticipo dell’imminenza di un’eruzione.

Dalla voce di Wikipedia, trovo la conferma che l’indice di esplosività pliniana non è il valore massimo.


Sulla frase della Meli, si è innescata la solita diatriba Napoletani vs Tutti, di sapore più o meno razzistico e alimentata dal complesso di superiorità dei non napoletani e dal complesso d'inferiorità dei napoletani e meridionali in generale, che si accompagna immancabilmente a una proporzionale permalosità. Permettetemi di confidarvi che anche a me, campano e residente a Napoli, con un elevato senso estetico, è capitato talvolta di albergare per un attimo nella mia mente un pensiero analogo a quello della Meli nel vedere la numerosità che sconfina nella pazzia, la invasività che rasenta la violenza bruta e l’assurdità che evoca il sado-masochismo degli obbrobri urbanistici ed edilizi che infestano la Campania una volta felix e il resto del Sud.



Post collegato:


Dialogo sulla Calabria, sul Mezzogiorno



**********




Fubini del Corriere della Sera disinforma sul debito pubblico per parare il culo ai ricchi


parare il culo

loc.v. CO volg., proteggere, tutelare qcn. da un rischio: ha fatto un grosso errore, ma i suoi soci gli hanno parato il culo.


DEBITO PUBBLICO

La Banca d’Italia e il sollievo al debito con le nuove mosse della Bce

Gli acquisti di Btp della Banca centrale varranno a regime 215 miliardi. Più consistenti
i risparmi di spesa per gli interessi. Ma è una finestra di opportunità a durata limitata

Federico Fubini   29 marzo 2016


Dell’articolo di Fubini riporto la conclusione, che a mio avviso rappresenta plasticamente il ruolo del Corriere della Sera e dei Fubini,[1] quello di DISINFORMARE e di parare il sedere ai ricchi:

[1] Gli utili idioti dei ricchi del Corriere della Sera


Il governo ha l’ultima occasione per ridurre la spesa e le tasse

Niente di tutto questo risolve il problema del debito, ma il governo italiano oggi ha l’ultima occasione per ridurre la spesa e le tasse, e ridistribuire queste ultime in modo da rendere l’intero sistema più efficiente prima che la magia della Bce svanisca. Se sprecasse l’occasione distribuendo risorse a pioggia e dimenticando la spesa, il contraccolpo arriverebbe con l’esaurirsi del quantitative easing. Le faglie oggi in movimento aprirebbero nuove voragini nell’economia. Già oggi gli italiani vedono assorbiti in interessi sul debito pubblico ben nove euro ogni cento pagati in tasse, più che in Grecia. E gli investitori esteri ormai si tengono sempre più a distanza: ormai detengono solo il 39% dello stock dei titoli del Tesoro, uno dei livelli in assoluto più bassi d’Europa. La Bce e la Banca d’Italia oggi aprono una finestra. Solo l’Italia può approfittarne, oppure no".


Quindi, secondo Fubini, 1. La quota di titoli pubblici italiani detenuti da investitori esteri è pari al 39% del totale; 2. Questo indica che c’è una fuga degli investitori esteri dai titoli di Stato italiani; e 3. Occorre approfittare delle attuali condizioni favorevoli secondo lui irripetibili determinate dal QE della BCE e tagliare le tasse tagliando la spesa pubblica per rendere l’Italia più efficiente (di equità Fubini non parla).

Vediamo allora punto per punto la validità delle tesi di Fubini.


1. Quota del debito pubblico detenuto da investitori esteri

Dall'ultimo bollettino della Banca d'Italia, nell’ambito delle sue pubblicazioni mensili che riportano i dati relativi al fabbisogno e al debito lordo delle Amministrazioni pubbliche[2]

[2] https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/finanza-pubblica/, in alto a destra si può scegliere l’anno, il dato “non residenti” fino al 2012 è nella tavola 5, dal 2013 nella tavola 8, ma poiché ciascun anno arriva al mese di ottobre ho preso il 2011 per ricavare il 2009 e il 2010, il 2013 per ricavare il 2011 e il 2012, e il 2016 per ricavare il 2014 e il 2015)

Finanza pubblica, fabbisogno e debito  https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/finanza-pubblica/2016-finanza-pubblica/suppl_24_16.pdf, tavola 8, risulta che, al 28 febbraio 2016, la quota del debito pubblico in mano a non residenti ammonta a 745.012 milioni di €, pari al 33,6% del totale di 2.214.784€, quota sostanzialmente stabile da alcuni anni intorno ad 1/3 del totale, anzi in leggera risalita nell’ultimo biennio.[3]

[3] 2009 744.405 milioni di € su un totale di 1.763.628 pari al 42,2%; 2010 811.208 su 1.842.826 pari al 44,0%; 2011 730.301 su 1.907.612 pari al 38,3%; 2012 695.432 su 1.989.431 pari al 34,9%; 2013 658.683 su 2.069.692 pari al 31,8%; 2014 716.328 su 2.135.902 pari al 33,5%; 2015 740.283 su 2.171.671 pari al 34,1%.

Quindi, dai dati della Banca d’Italia, il dato effettivo è inferiore di cinque punti percentuali al 39% indicato da Fubini (che è invece in linea con il valore consuntivato nel 2011) e giudicato da lui allarmante perché indicativo di fuga dai titoli di Stato italiani degli investitori esteri.


2. Fuga degli investitori esteri dai titoli di Stato italiani

La quota di debito pubblico italiano detenuto dall’estero non si è contratta negli ultimi tre anni, evidentemente Fubini o lo ignora o ha scritto una balla per sorreggere la sua tesi. Dagli stessi dati della Banca d’Italia esposti sopra, risulta che la fuga dai titoli di Stato italiani (ma, rispetto al 2009, non in valore assoluto, bensì soltanto in percentuale sul totale) è avvenuta ben prima di quanto afferma Fubini e cioè in piena crisi economica nel triennio 2011-2013,[3] e fu senz’altro effetto della crisi di fiducia dei mercati finanziari, però indotta, a ben guardare i dati, più dalla cattiva fama del governo Berlusconi e dall’attacco della speculazione finanziaria mondiale che aveva scommesso sul fallimento dell’Euro, agevolata dalla quasi latitanza della BCE, che dai fondamentali macroeconomici dopo il mastodontico risanamento dei conti pubblici effettuato a partire dal 2010 dopo la crisi della Grecia, per 4/5 dal governo Berlusconi e 1/5 dal governo Monti.[4]

[4] Il lavoro ‘sporco’ del governo Berlusconi-Tremonti

Riepilogo delle manovre correttive (importi cumulati da inizio legislatura):

- governo Berlusconi-Tremonti 266,3 mld (80,8%);

- governo Monti 63,2 mld (19,2%);

Totale 329,5 mld (100,0%).

Infatti, nel luglio del 2012, bastò una semplice frase, il famoso “whatever it takes” del presidente della BCE Draghi, a fermarla, senza spendere un Euro. A dimostrazione del fatto che il debito pubblico, se si ha alle spalle una banca centrale degna di questo nome (FED, BoJ, BoE, ecc. e com'è l'attuale BCE, dopo un’inerzia di sei anni rispetto alle altre!)[5] non è un grosso problema. 

[5] Replica alla risposta della BCE alla petizione sulla BCE

Il debito pubblico italiano è molto elevato, ma, grazie ai sacrifici degli Italiani, soprattutto i poveri cristi, e alla BCE che fa finalmente il suo dovere e lo dovrà continuare a fare, in parte, anche in futuro, gli interessi passivi sono calati sia in valore assoluto (da un picco di 84 mld nel 2012 a 70 mld nel 2015) che come incidenza sul Pil (dal 5,2% al 4,2%).

Inoltre, come dimostra ampiamente il Giappone che pur avendo un debito pubblico monstre pari quasi al 250% del Pil paga un tasso d’interesse irrisorio, si può senza dubbio aggiungere che è meglio che il debito pubblico sia in mani italiane anziché straniere, tipo la Deutsche Bank, le cui vendite nel 1° semestre 2011 di titoli di Stato italiani[6] innescarono la speculazione mondiale sul debito pubblico italiano e la febbre da spread, con conseguente necessità di varare manovre correttive pesantissime e inique (segnatamente del governo Berlusconi-Tremonti) a carico in grandissima parte dei poveri cristi.

[6] La Procura di Trani, Deutsche Bank e Mario Seminerio, il terzo più “stupido” d’Italia


3. Taglio della spesa pubblica per tagliare le tasse e aumentare l’efficienza dell’Italia

In recessione ridurre il debito non è una priorità, anzi è dannoso. Inoltre, poiché ogni anno c’è un deficit, il debito pubblico ovviamente non può che crescere in termini assoluti, come avviene da almeno 20 anni, quindi, come spiega anche Padoan, vedi l’ultima diatriba con il bugiardo Weidmann,[7] occorre, oltre che aumentare l’inflazione (al livello dell’obiettivo statutario della BCE: poco sotto il 2%) per ridurre l’onere reale del debito (e il QE da solo, checché ne dicano i neo-liberisti, come si vede non è capace di ottenerlo), preoccuparsi e intervenire solo sul rapporto debito/Pil, intervenendo sul denominatore (i.e. crescita).

Ma non basta una politica monetaria espansiva (tassi bassi e QE), occorre anche una politica fiscale espansiva da parte degli Stati (o dell'UE), ma la Commissione europea (lèggi: Germania) non vuole. Come spiega anche Martin Wolf (in ritardo di 3 anni rispetto ad altri), il problema dell'Eurozona è la GERMANIA.[8]

[8] È la Germania il più grande problema dell'Eurozona

di Martin Wolf 12 maggio 2016

E i 7 o 9 mld annui di Fubini, prodotti dal calo dei tassi sul debito pubblico, come egli presumo sappia benissimo ma fa finta per parare il culo ai ricchi, sono drammaticamente insufficienti per rendere più efficiente il Paese (e l'equità?) e incentivare la crescita; perfino un neo-liberista (un po’ pentito, come tantissimi altri neo-liberisti) come Giavazzi scriveva tre anni fa sul Corriere, assieme al suo sodale Alesina, di uno shock di 50 mld, anche se a modo suo, cioè sbagliato[9]. Che comunque si possono ricavare da un mix di misure purché eque, che cioè chiamino a contribuire soprattutto i ricchi introducendo un’imposta patrimoniale straordinaria (vedi ad esempio Piano taglia-debito per la crescita  http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2792930.html  oppure (se in avaria) http://vincesko.blogspot.com/2015/06/piano-taglia-debito-per-la-crescita.html).

E’ vero che un’imposta patrimoniale straordinaria sui ricchi darebbe un beneficio solo temporaneo, ma comunque, primo, sarebbe intanto una misura di equità visto che l’onere del risanamento mastodontico è stato addossato in grandissima parte sui NON ricchi (parlo anche per esperienza personale); secondo, ci darebbe, oltre che l’agio di non sottostare ai ricatti dei creditori, il tempo - visti i vincoli esterni che impediscono di manovrare sul cambio e di aumentare il deficit - di migliorare l’efficienza del sistema-Paese: aumento della produttività e riqualificazione – NON riduzione - della spesa pubblica, la cui componente principale, la spesa pensionistica, dopo le ben 8 riforme delle pensioni dal 1992, è giudicata dalla Commissione europea e dagli esperti (anche finanziari!) tra le meno preoccupanti e più sostenibili nel lungo termine[10]

[10] Lettera ai media, al Governo, al PD e ai sindacati: le pensioni e Carlo Cottarelli http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2833739.html  oppure http://vincesko.blogspot.com/2015/06/lettera-ai-media-al-governo-al-pd-e-ai.html

Né in recessione va ridotta la spesa pubblica poiché è una misura pro-ciclica e quindi aggrava la crisi, spesa che peraltro non è comparativamente elevata rispetto agli altri Paesi dell’Unione europea,[11] e questo Fubini dovrebbe saperlo; essa quindi va solo riqualificata, stornando quote di essa da capitoli improduttivi a produttivi, i.e. investimenti in infrastrutture e in settori mirati.

[11] La spesa pubblica non va tagliata

La spesa pubblica, infatti, è COMPLESSIVAMENTE in linea con la media UE e l’Italia è OGGETTIVAMENTE (cioè in base ai dati) il Paese più virtuoso poiché da 20 anni (tranne due) fa registrare un avanzo primario (al netto degli interessi passivi) talvolta anche consistente ed è uno dei pochissimi Paesi che rispetta il limite del 3% del deficit/Pil (cfr., più sopra, Piano taglia-debito per la crescita).


[9] Data l'importanza dell'argomento, ho posto questa nota alla fine e suggerisco di leggere con attenzione l'articolo di Alesina e Giavazzi, la risposta di Fassina, la replica di Alesina e Giavazzi e il mio commento:


DEFICIT, TAGLIO DELLE TASSE E CRESCITA

La prigionia dei numeri

Alberto Alesina e Francesco Giavazzi  24 settembre 2013


DISPUTE

I tagli «impossibili», le spese eccessive

Stefano Fassina   25 settembre 2013

NB: In calce c’è la replica di Alesina e Giavazzi (sacerdoti dell’ossimorica austerità espansiva che tanti danni ha causato ai poveri cristi poiché è stata presa a base dalla Commissione europea e dal FMI (che però poi tre anni fa si è pentito e ha invitato a cambiare la politica economica in senso keynesiano (cfr. ad esempio Il FMI, gli investimenti pubblici si ripagano da soli   http://keynesblog.com/2014/10/09/il-fmi-gli-investimenti-pubblici-si-ripagano-da-soli/) per imporre l’austerità economica e le cosiddette riforme strutturali, i. e. deflazione dei salari e dei diritti) che si fanno forti della tesi FMI, poi rivelatasi errata per ammissione dello stesso FMI, per bocca del suo capo economista Blanchard, dei moltiplicatori taglio spesa/taglio tasse (cfr. Il Fondo Monetario insiste: sull’austerità ci siamo sbagliati 8 gennaio 2013   http://keynesblog.com/2013/01/08/il-fondo-monetario-insiste-sullausterita-ci-siamo-sbagliati/). Al riguardo vedi anche questo mio commento (in Dialogo su John Maynard Giavazzi (o quasi)  http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2817550.html  oppure  http://vincesko.blogspot.com/2015/07/dialogo-su-john-maynard-giavazzi-o-quasi.html):

3) A proposito di errori e di moltiplicatori, faccio rilevare che, nel 1° articolo del Corriere che ho linkato, Giavazzi e Alesina scrivono:

“Punto primo. Tutti gli studi (sia accademici che del Fondo monetario internazionale che della Commissione europea) concordano sul fatto che gli aggiustamenti fiscali fatti aumentando le aliquote hanno creato recessioni più forti di quelli che hanno operato riducendo le spese. Non solo: la spirale di aumenti di aliquote, recessione, riduzione di gettito, tende a creare un circolo vizioso in cui l’economia si avvita in una recessione sempre più grave. Quella di cui leggiamo è una manovra fatta per tre quarti di maggiori tasse e solo per un quarto di minori spese”.

Com’è noto, a) l’FMI ha ora ribaltato la sua convinzione sul moltiplicatore delle tasse e della spesa; b) un fatto analogo è successo per la tesi di Reinhardt e Rogoff; (i cui studi sono un punto di riferimento e uno dei fondamenti teorici degli interventi dell’FMI e non solo): c’è sì una relazione tra debito pubblico e crescita, ma nel senso che è il rallentamento della crescita che fa salire il debito pubblico: praticamente l’opposto; e infine c) è stata messa in discussione la formula applicata dalla Commissione Europea sulla disoccupazione strutturale per il calcolo del deficit strutturale.[1 2]



Articolo collegato:


Ho trovato oggi, 9/2/2017, questo articolo di critica ad un altro articolo di Fubini sul debito pubblico (http://www.corriere.it/economia/16_febbraio_19/veto-renzi-berlino-partita-banche-147263b6-d67e-11e5-8e4b-2c56813c9298.shtml).


Il Corriere della Sera, Monti, l’ossessione per il debito e la religione sbagliata

Michele Arnese  -   



**********


Dialogo ‘terapeutico’ tra un antimontiano preconcetto e me, antimontiano razionale


Riporto il dialogo “terapeutico” tra un antimontiano preconcetto e me, antimontiano razionale, svoltosi nello scorso mese di aprile in calce a questo articolo di Carlo Clericetti su Repubblica:


Carlo Clericetti  -  27 APR 2016

La malafede del banchiere anti-euro



Le banche tedesche e francesi hanno stampato moneta (virtuale) a tonnellate, inondando di soldi finti che non avevano (--> leva finanziaria) l'Europa intera, in particolare Grecia, Spagna, Irlanda e altri. L'Italia no, perché ai tempi Fazio (guarda chi mi tocca difendere!) impedì alle banche tedesche e francesi di mettere piede in Italia (purtroppo la classe dirigente italiana, non solo bancaria, era/è quella che era/è... Fiorani & co. compresi). Con questa massa di soldi finti a costo zero o quasi (almeno rispetto a quello che costava il denaro fino a pochi anni prima) hanno creato una bolla gigantesca nei paesi suddetti. In Germania no: Schroeder aveva già ucciso la domanda interna (e infatti a livello di infrastrutture e non solo oggi la Germania sta letteralmente cadendo a pezzi: spesa pubblica zero, milioni di persone sotto i piani Hartz e così via... La Germania produce, esporta, ha una bilancia commerciale fortemente in attivo ma non è il paese di Bengodi). In Francia meno che in Germania, la Francia era più debole.
Poi al momento dello scoppio della bolla le banche tedesche e francesi hanno rivoluto indietro soldi veri in cambio dei soldi finti. E li hanno rivoluti indietro subito. Risultato finale: i debiti privati sono diventati debiti pubblici, la spesa pubblica è stata compressa ovunque, laddove la troika è potuta arrivare ha fatto salsicce (e solo per questo dovremmo fare una statua a Monti in ogni piazza: ci ha quasi ammazzati lui, ma se fosse arrivata la troika sarebbe stato molto peggio) e oggi le banche tedesche vanno in giro a dire agli altri cosa dovrebbero fare. Mentre sono ancora piene di titoli tossici fino al collo che non sanno come e dove piazzare.
La vera bomba a orologeria sono ancora oggi le banche tedesche.
In tutto questo l'Italia è un paese in buone condizioni:
- ha un debito pubblico alto ma siede su un tesoro (es. artistico) che ha un valore decine di volte superiore al debito pubblico stesso
- ha sempre ripagato i propri debiti con puntualità, anche quando i tassi erano stratosferici: da questo punto di vista è il debitore ideale per eccellenza
- è un paese produttivo, che produce ed esporta a rotta di collo, nonostante tutti i suoi problemi interni (corruzione e ridistribuzione del reddito)
- ha un sistema bancario che nonostante di vari Fiorani, Verdini & co è abbastanza solido, anche grazie alla lungimiranza dei risparmiatori italiani nel corso dei decenni precedenti
I problemi dell'Italia sono quasi esclusivamente interni. Ma ci piace e ci fa comodo pensare il contrario. Siamo talmente tanto ricchi di tutto che, nonostante da decenni la nostra classe dirigente stia depredando tutte le risorse su cui riesce a mettere le mani (grazie alla nostra complicità), siamo ancora in piedi.


  vmvinceskij 28 aprile 2016 alle 18:34

@fb0172 ( 28 aprile 2016 alle 15:33)
Citazione: (e solo per questo dovremmo fare una statua a Monti in ogni piazza: ci ha quasi ammazzati lui, ma se fosse arrivata la troika sarebbe stato molto peggio)”.

Fesseria al quadrato:
1. Riepilogo delle manovre correttive varate nella scorsa legislatura, le cui misure strutturali valgono tuttora (importi cumulati):
- governo Berlusconi-Tremonti 266,3 mld;
- governo Monti 63,2 mld;
Totale 329,5 mld.
Berlusconi batte Monti 4 a 1.
2. Come si vede dalle cifre qui sopra, la troika ha operato – da lontano – prima che arrivasse Monti, che ha soltanto completato l’opera nella misura del 20% ed in maniera molto più equa di Berlusconi (anche sulle pensioni).

Vincesko


@vmvinceskij 28 aprile 2016 alle 18:34

Non è (solo) una questione di numeri assoluti ma anche di tempi: Berlusconi in 4 anni, Monti in poco più di un mese!
La secchiata di acqua gelata di Monti mirava a distruggere la domanda interna per fare in modo di eliminare l'emorragia di soldi data dall'import e spingere sull'export, per quelli che fossero sopravvissuti. Insomma a farci diventare più "tedeschi", arrivando quasi 10 anni dopo, a livello "filosofico", a quanto fatto da Schroeder in Germania.
Ma come tutti i tecnici ha completamente trascurato (volontariamente o involontariamente?) l'aspetto psicologico che le sue misure avrebbero avuto. Ovvero uccidere la domanda tout court perché oggi stai male ma domani starai sicuramente peggio e dopodomani ancora peggio!
E un modo per rendere il futuro più incerto è quello di intervenire sui tempi delle pensioni con un bello scalone (risparmi nell'immediato ma la paghi cara con un crollo della fiducia), spazzare via sanità e scuola (il futuro), raddoppiare le tasse sull'unico investimento effettuato dai cittadini nel tempo (la casa) il tutto lasciando inalterati i diritti acquisiti, lasciando esenzioni dalle tasse di cui sopra per i soliti noti (Vaticano per immobili commerciali, costruttori, ...) e in generale dando il messaggio che tutto ciò è solo per tamponare, che domani arriverà di peggio e che tu cittadino sei solo, sei destinato a essere solamente "umiliato e offeso". Non che i governi successivi abbiano fatto di meglio in quanto a messaggi dirompenti (una sola voce, per quanto finanziariamente irrilevante per le tasche dei cittadini: la mini-IMU retroattiva! Poche decine di euro, ma tanti tanti danni!).
Se io cittadino ho la certezza che domani starò peggio, che la sanità verrà tagliata, che la scuola dei miei figli/nipoti verrà tagliata, che le pensioni verranno tagliate (nonostante i contributi salati che pago), che le tasse verranno sicuramente aumentate e soprattutto che verranno aumentate in corso d'anno senza che io possa sapere il primo di gennaio quante tasse pagherò nel corso dell'anno, ma peggio ancora mi arriveranno le tasse retroattive l'anno successivo, che fiducia posso avere? Se calo tutto questo in mezzo a una crisi di domanda epocale, dove la produzione è praticamente a costo zero, dove i "magazzini" sono pieni di "merce" che non si vende, dove tutto è merce (dalle case agli alimentari, dalla sanità alla scuola, dai detersivi all'abbigliamento, dal lavoro alla pensione...), poi non ci si può lamentare che ci sia una crisi di fiducia epocale e che in tutto ciò abbiano buon gioco i populisti e quelli che cash alla mano fanno affari comprando a prezzo di saldo. Perché da che mondo è mondo i soldi non si fanno nei momenti di boom ma nei momenti di crisi, dove chi è liquido arriva e compra tutto a prezzi scontati, per poi vedere le quotazioni risalire nei momenti di boom, quando invece la ricchezza viene redistribuita (ma chi ha acquistato a prezzi bassi si ritrova con rendimenti a 2-3 zeri...).


  vmvinceskij 29 aprile 2016 alle 15:08

@fb0172 (29 aprile 2016 alle 10:33)
Citazione “Non è (solo) una questione di numeri assoluti ma anche di tempi: Berlusconi in 4 anni, Monti in poco più di un mese!

Avviso preliminare: sono 5 anni che a) a me antimontiano, tocca difendere Monti sulle manovre finanziarie correttive e sulle pensioni; b) segnalando che le manovre di Berlusconi sono state il quadruplo di quelle di Monti e molto più inique, incluse le riforme delle pensioni; e c) sono dati che pare ignorino tutti, proprio tutti.

Oltre a ignorare del tutto i dati e a ripetere le solite accuse a Monti in gran parte infondate (effetto della DISINFORMAZIONE berlusconiana e della pigrizia mentale degli Italiani, che per questo cadono facilmente vittime dei manipolatori), sei anche… maleducato: mi sottovaluti troppo (!), vuoi che io abbia fatto un errore così marchiano e non abbia tenuto conto del rispettivo periodo a cui si riferiscono?
Il tempo è sostanzialmente equivalente: un anno e mezzo, perché il grosso delle manovre correttive di Berlusconi è stato varato dopo la crisi della Grecia, cioè a partire dal 2010.
LE CIFRE. Le manovre correttive, dopo la crisi greca, sono state: • 2010, DL 78/2010 di 24,9 mld; • 2011 (a parte la legge di stabilità 2011), due del governo Berlusconi-Tremonti (DL 98/2011 e DL 138/2011, 80+60 mld), (con la scopertura di 15 mld, che Tremonti si riprometteva di coprire, la cosiddetta clausola di salvaguardia, con la delega fiscale, – cosa che ha poi dovuto fare Monti – aumentando l’IVA), e una del governo Monti (DL 201/2011, c.d. decreto salva-Italia), che cifra 32 mld “lordi” (10 sono stati “restituiti” in sussidi e incentivi); • 2012, DL 95/2012 di circa 20 mld. Quindi in totale esse assommano, rispettivamente: - Governo Berlusconi: 25+80+60 = tot. 165 mld; - Governo Monti: 22+20 = tot. 42 mld. Se si considerano gli effetti cumulati da inizio legislatura (fonte: “Il Sole 24 ore”), sono: - Governo Berlusconi-Tremonti 266,3 mld; - Governo Monti 63,2 mld. Totale 329,5 mld. Cioè (ed è un calcolo che sa fare anche un bambino), per i sacrifici imposti agli Italiani e gli effetti recessivi Berlusconi batte Monti 4 a 1. Per l'equità e le variabili extra-tecnico-contabili (immagine e scandali), è anche peggio.

Per il resto (IMU, distruzione della domanda, ecc.), ripeto, si tratta di accuse in gran parte radicalmente infondate, frutto o di pregiudizio o/e di pigrizia mentale o/e di manipolazione disinformativa. Ho avuto decine di discussioni su questo argomento, una delle ultime, abbastanza articolata, si è svolta in questo blog, in calce a:http://clericetti.blogautore.repubblica.it/2016/01/21/morire-per-bruxelles/, che ti invito a leggere con attenzione, poiché non ho voglia ora di ripetermi.

Vincesko


  vmvinceskij 29 aprile 2016 alle 15:22

PS:
Per agevolare la ricerca, do il link al 1° commento della discussione:
http://clericetti.blogautore.repubblica.it/2016/01/21/morire-per-bruxelles/#comment-3153


@vmvinceskij (varii ed eventuali in ordine di tempo)

Delle politiche fiscali dei governi Berlusconi penso tutto il male possibile, comprese varie manovre finanziarie "posticipate" al 2013 tanto per lasciare un bel paletto pronto per l'eventuale governo successivo.
L'introduzione/anticipo dell'IMU il governo Monti l'ha fatta partire con la manovra 2011, ovvero in meno di un mese dall'insediamento (novembre 2011). Lo stesso per la "riforma Fornero", arrivata prima della fine del 2011.
I due principali provvedimenti che hanno "ucciso psicologicamente" la domanda interna in Italia. Le cose andavano male da prima? Eccome! Le cose sono migliorate dopo? No di certo, anche se nell'emergenza il governo Monti ci ha probabilmente salvato il fondoschiena, vista come è andata alla Grecia con l'arrivo della troika (i.e. della Germania) che ha finito di spolpare un paese allo sbando.
L'Italia si è salvata grazie al governo Monti? Si, probabilmente si. I governi Berlusconi hanno fatto più danni e in maniera più "classista"? Certamente si. E quindi? Vogliamo negare la secchiata di acqua gelata arrivata con i provvedimenti del governo Monti nel giro di un mese? E questo a prescindere dai numeri assoluti in miliardi di euro.
Per un miliardario l'aumento dell'ICI/IMU del 60% da un giorno all'altro e l'eliminazione di alcune esenzioni ha avuto probabilmente l'effetto di un solletico sotto i piedi. Per un cittadino che aveva una sola proprietà, magari mezza casa ereditata nella quale nemmeno abitava, si è trattato spesso di tirare fuori dall'oggi al domani l'equivalente dello stipendio di un mese. Il che sommato all'incertezza sul futuro con il messaggio arrivato nel giro di un mese (pensioni, scuola, sanità, imposte locali... Il "ieri stavate malino, oggi state male, domani starete peggio, dopodomani ancora peggio") ha fatto il resto. Tremonti era stato più abile e il controllo sulla stampa aveva fatto il resto? Possibile, ma non si può far finta di non vedere che in quel momento preciso chi ha potuto ha tenuto il borsello bel chiuso, con un effetto di controreazione, di feedback, pesantissimo. Più psicologico che reale? Forse, anche se l'IMU per parecchi è stata una bella botta (esempio: mezza casa ereditata; per chi non ci vive dentro conta "seconda casa", anche se non ha altre proprietà e vive in affitto, con relativo esborso di più di 1000 euro l'anno anche se dentro ci vive il genitore superstite... Costruttori con decine di appartamenti in vendita a prezzi artificialmente alti non pagavano l'IMU...).
Ho rivisto il video dell'intervista a Monti da lei linkato: Monti ha ammesso candidamente che "noi" (Europa?) "stiamo distruggendo la domanda interna attraverso il consolidamento fiscale". La Germania l'aveva fatto prima (governi Schroeder), facendo sostanzialmente dumping nei confronti del resto dell'Europa. GLi altri, messi alle strette per ripianare i debiti delle banche tedesche, hanno dovuto fare lo stesso, accodandosi. Monti ha fatto capire chiaramente che in quel modo stava tirando addosso alla Germania, sfidandola a creare domanda interna perché con il consolidamento fiscale gli italiani avrebbero comprato meno prodotti tedeschi. Cosa che la classe dirigente tedesca, avendo spinto l'export in area extra-UE, si è ben guardata dal fare visto che sta lucrando ampiamente dalla situazione attuale. I nodi verranno al pettine anche per la Germania, ma per ora ha le spalle coperte, grazie alla capacità della classe dirigente tedesca di "infiltrare" le istituzioni europee di funzionari tedeschi a tutti i livelli (v. lo scandalo WV: magicamente i limiti alle emissioni sono stati raddoppiati nel giro di poche settimane dallo scoppio dello scandalo. Se lo scandalo fosse scoppiato a causa della Fiat avremmo avuto funzionari "europei" in tutte le fabbriche italiane...).
P.S. Per cortesia la prossima volta si tenga gli insulti. Stiamo discutendo pacificamente su fatti accaduti anni fa. Il "maleducato" nei miei confronti mi sembra quanto meno ingeneroso. Posso avere idee diverse dalle sue, posso vedere le cose, interpretare gli avvenimenti in maniera diversa da quello che fa lei, ma non mi ritengo né maleducato né intellettualmente disonesto. E non mi arrogo di certo l'aura di "portatore di verità assolute".


  vmvinceskij 30 aprile 2016 alle 22:59

fb0172 (30 aprile 2016 alle 19:31)

Maleducato
Il maleducato è preceduto da puntini sospensivi, che stanno per tono scherzoso, ironico (cfr. diz. Treccani online).

Ammuina
Non fare ammuina, qui non è questione di “verità assolute”, ma di cercarsi e analizzare i numeri, prima di sparare frasi ridicole come “nel giro di un mese” o “Monti ci ha salvato il fondoschiena” o a “prescindere dai numeri assoluti in miliardi di euro” (sic!). Tu, oltre a non cercarti i numeri, rifiuti maleducatamente e irrazionalmente di prenderne atto quando ti vengono generosamente serviti su un piatto d’argento. Perché? Datti una risposta da solo.
Te l’ho detto, sono 5 anni che mi tocca difendere Monti e, nella stragrande maggioranza dei casi, ho incontrato delle resistenze terribili, anche in docenti universitari di Economia che si suppone siano persone razionali e adusi a maneggiare numeri, a prendere atto delle cifre e dell’enorme sproporzione tra le manovre di Berlusconi e quelle di Monti (4 a 1). Probabile effetto non soltanto di un enorme pregiudizio ma anche di tigna (dispiace ammettere di essere stati manipolati e per tanto tempo). Quindi la tua reazione non mi meraviglia, né mi meravigliano le spiegazioni strampalate che adduci. La più grossa delle quali, finora mai oppostami, è che Monti abbia fatto tutto “nel giro di un mese”, perfino la riforma Fornero (sic!), che secondo gli esperti produrrà i suoi effetti soprattutto dopo il 2020!

IMU
Dopo, per ridicolaggine, viene quanto scrivi sull’IMU: decisa da Berlusconi, Monti l’ha – meritoriamente, per equità e perché in nessun altro Paese la prima casa è esente - soltanto reintrodotta sulla prima casa e aumentata. Non si può ragionare sui casi singoli. Traggo dal mio post “I dati consuntivi del MEF confermano il piagnisteo sull’IMU:
- il valore medio dell’IMU prima casa è stato pari a 225 €;
- l’85% dei contribuenti ha versato fino a 400 €; l’8% circa da 400 a 600 €; e il 6,8% oltre 600 €;
- l’introito complessivo dell’IMU (fabbricati, terreni, aree edificabili e fabbricati rurali) è stato pari a23,7 mld;
- di cui circa 4 mld relativi all’abitazione principale; hanno effettuato versamenti circa 17,8 milioni di contribuenti.
- l’IMU sui fabbricati diversi dall’abitazione principale (esclusi i terreni, le aree edificabili ed i fabbricati rurali) è stata pari a 17,9 mld €;
- in questo caso, i contribuenti sono stati 16 milioni, di cui 15,3 di persone fisiche, per un importo medio di 736 €, e 700 mila altri, per un importo medio di 9.313 €;
- infine, l’IMU sui terreni, sulle aree edificabili e sui fabbricati rurali è stata di 1,7 mld, per un valore medio pari rispettivamente a 209, 680 e 217 €.
Vanno sottolineati, inoltre, due ulteriori dati:
- nel 2011, l’Italia era il paese con la più bassa tassazione della proprietà immobiliare tra i principali paesi OCSE;
- lo scostamento tra rendite e valori di mercato, pari in media a 3,7 volte prima dell’introduzione dell’IMU, si è ridotto, per effetto della rivalutazione del 60% delle rendite catastali, a circa 2,3 volte dopo l’introduzione dell’IMU.
Infine, tu lamenti di aver pagato, per colpa di Monti, 1.000€ in un anno (suddivisi in 2 rate semestrali posticipate), mentre centinaia di migliaia di persone, semmai in affitto, per colpa di Berlusconi, hanno dovuto “pagare”, in un solo anno, 10, 20 o 30 volte tanto!

Pensioni: Sacconi vs Fornero
Traggo dal mio post Lettera ai media, al governo, al PD e ai sindacati: le pensioni e Carlo Cottarelli (http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2833739.html  oppure

http://vincesko.blogspot.com/2015/06/lettera-ai-media-al-governo-al-pd-e-ai.html):
Le riforme di Sacconi (2010 e 2011) sono più corpose, immediate e recessive di quella Fornero; in sintesi, esse hanno introdotto:
• “finestra” ( = differimento dell’erogazione) di 12 mesi per tutti i lavoratori dipendenti pubblici e privati o 18 mesi per tutti quelli autonomi;
• allungamento, senza gradualità, di 5 anni (+ “finestra”) dell’età di pensionamento di vecchiaia delle lavoratrici dipendenti pubbliche per equipararle a tutti gli altri a 65 anni (più finestra), tranne le lavoratrici private; e
• adeguamento triennale all’aspettativa di vita, che ha portato finora l’età di pensionamento di vecchiaia a 66 anni e 7 mesi e la porterà a 67 entro il 2021, che è benchmark in UE28, cioè prima della Germania e molto prima della Francia (dopo il 2018, in forza della legge Fornero, l’adeguamento anziché triennale sarà biennale).
La riforma Fornero (2011) ha stabilito, principalmente:
• metodo contributivo pro-rata per tutti (vale a dire solo per quelli che erano precedentemente esclusi, cioè coloro che nel 1995 avevano già 18 anni di contributi versati), a decorrere dall'1.1.2012;
• aumento di un anno delle pensioni di anzianità (ridenominate “anticipate”); e
• allungamento graduale entro il 2018 dell’età di pensionamento di vecchiaia delle dipendenti private da 60 anni a 65 (più finestra), per allinearle a tutti gli altri,
i cui effetti si avranno soprattutto a partire dal 2020.
NB: La legge Fornero ha opportunamente eliminato la “finestra” di 12 o 18 mesi sostituendola con un allungamento corrispondente dell’età baseed equiparando i lavoratori autonomi ai lavoratori dipendenti, ma l’allungamento (già recato dalla riforma Sacconi) è solo formale.

Distruzione della domanda
Anche qui, avevi scritto - come tanti altri - una sciocchezza, mi aspettavo che l’avresti ammesso e che ti saresti scusato.

Conclusione
In conclusione (sulla base dei dati e al netto degli effetti psicologici molto difficilmente quantificabili), sia per l’enorme sproporzione tra i rispettivi ammontari delle manovre di Berlusconi e Monti, sia per il fatto che tra il varo di una manovra correttiva corposa, ricca di provvedimenti sia dal lato della spesa che da quello delle entrate, e la riscossione passano almeno 6 mesi (è successo anche per l’IMU, divisa in 2 tranche semestrali posticipate), per non parlare delle pensioni, i cui provvedimenti, in particolare l’estensione del metodo contributivo, hanno sempre un’efficacia nel lungo periodo, gli effetti recessivi prodottisi nel 2012, ecc. sono figli delle manovre di Berlusconi o totalmente o almeno in un rapporto di 4 a 1, vale a dire in ragione almeno dell’80%.

Vincesko


@vmvinceskij 30 aprile 2016 alle 22:59

Lei continua a sciorinare numeri e numeri.
Grazie.
Io continuo a essere persuaso che l'impatto "psicologico" del Governo Monti sia stato maggiore di quello dei numeri. Sugli effetti di quelle manovre mi dispiace ma rimango della mia idea. Le manovre dei governi Berlusconi non hanno avuto il tempo di dispiegare i loro effetti: buona parte sarebbero entrate in vigore "dopo", dopo la fine della legislatura, lasciando un bel paletto in mezzo ai piedi (eufemismo) del governo successivo. E per l'italiano abituato a rimandare, a vivere nel futuro, quello bastava in quel momento. Le manovre del governo Monti hanno avuto un effetto immediato e sono state attuate in brevissimo tempo. Parte di quelle erano anticipi di provvedimenti già presi per il futuro? Parte. E parte no: li entra il gioco la politica, che non è solo numeri (anche se poi senza numeri non può andare molto lontano). Monti è un politico molto più raffinato e lucido della maggior parte dei politici presenti in Parlamento. E' un politico di lungo corso e non è necessario essere politici di cariche elettive a suffragio universale per esserlo. Monti sapeva perfettamente quali sarebbero stati gli effetti delle sue manovre e quale sarebbe stato l'effetto di manovre analoghe in tutta Europa ("l'intervista alla CNN"). E sapeva che l'unico modo per far ripartire il sistema è "europeo". E per farlo è necessario che l'Europa si dia una mossa politicamente (v. "Why Nations Fail: The Origins of Power, Prosperity, and Poverty" di Daron Acemoglu et al). Esattamente quello che la classe dirigente tedesca del dopo Kohl non vuole (banche e industrie tedesche in primis: mercato comune senza pagare dazio politicamente), esattamente quello che la classe dirigente francese del dopo Mitterand non vuole, esattamente quello che la classe dirigente dei vari staterelli inutili del centro-nord Europa non vuole. Per non parlare della classe dirigente italiana. Come pure buona parte delle potenze "disinteressate" che abbiamo attorno.
I governi Berlusconi hanno fatto "danni"? Hanno attuato una politica pesantemente classista ("il figlio dell'operaio vs. il figlio del professionista" che in realtà voleva solo dire "il figlio del ricco vs. il figlio del povero", ché ci sono anche professionisti che non sono ricchi)? Ma certamente, non sarò io a metterlo in dubbio. Le politiche dei governi di tutta Europa hanno fatto altrettanto? Ma certamente: ovunque sono stati tagliati stato sociale, scuole, sanità. Uccidendo la domanda di futuro.
Ma Berlusconi è stato anche un abile piazzista (aiutato in questo dal controllo quasi totale dei mezzi di informazione), uno che "sa", "annusa" quale sia la potenza della psicologia per vendere, soprattutto per vendere quello che non c'è: il futuro. E senza l'effetto psicologico purtroppo non ci sarà MAI alcuna ripresa: fin quando non avremo fiducia nel futuro non ci saranno investimenti. Di oggi su questo giornale:

Il sistema è fermo perché è stata uccisa la domanda interna. Anche politica, non solo economica. Viviamo di numeri ma non siamo solo numeri (v. le critiche all'homo economicus espresse a più riprese nei suoi libri dal prof Gallino). E in questo il governo Monti ha avuto un ruolo importante, inversamente proporzionale alla durata del suo governo, che realmente è stata di pochi mesi, diciamo il primo quarto della durata complessiva, fino alla primavera del 2012. Il resto è stata una lunga agonia proseguita poi con i governi Letta e Renzi. E senza riforme realmente inclusive, che riportino il Parlamento al centro, con una selezione reale della classe dirigente (il contrario della riforma Boschi-Renzi che mette al centro di tutto il capo del partito di maggioranza relativa), per il futuro non andrà meglio. Almeno a livello locale. Lo stesso andrebbe fatto a livello europeo: includendo i cittadini europei in un progetto comune dal quale possano pretendere e ricevere risposte. Gli americani 250 anni fa dicevano "no taxation without representation". Ecco, noi abbiamo solo la prima. Sia a livello locale che a livello europeo. E questo è il motivo per cui sia la prima che la seconda sono destinate a fallire.


  vmvinceskij 1 maggio 2016 alle 20:58

Calcio tra i denti e pane e acqua

Citazione: “Le manovre dei governi Berlusconi non hanno avuto il tempo di dispiegare i loro effetti: buona parte sarebbero entrate in vigore "dopo", dopo la fine della legislatura, lasciando un bel paletto in mezzo ai piedi (eufemismo) del governo successivo”.

Fesseria sesquipedale e patetica. Anzi pazzesca: tu, forse, sei matto (ci mancavano qua…) ed hai – come Berlusconi e Weidmann – problemi col principio di realtà. Quel che è certo, invece, è che non hai mai letto i testi delle 3 (tre) manovre correttive, oltre alla legge di stabilità 2011, varate dal governo Berlusconi nel periodo maggio 2010-agosto 2011 e le relative relazioni tecniche. Non hai neppure letto – della discussione precedente che ti ho indicato - il mio post Il lavoro ‘sporco’ del governo Berlusconi-Tremonti e soprattutto, al suo interno, l’articolo (col dettaglio di tutte le manovre sia di Berlusconi che di Monti) del “Sole 24 ore” su cui è basato (http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-07-16/quattro-anni-manovre-fisco-063630.shtml).
Ti suggerisco caldamente – perché potrebbe essere pericoloso… - di non farti sentire dai milioni di persone che, ad opera del governo Berlusconi, da un giorno all’altro, o si videro bloccato il rinnovo del contratto nazionale (i quasi 3 milioni e mezzo di dipendenti pubblici) o non rinnovato il contratto di lavoro individuale (il 50% di tutti i lavoratori precari pubblici) o procrastinato il pensionamento di almeno 1 (un) anno, perdendo almeno 13 mensilità di pensione, pari a 10 o 20 o 30 mila € o più di mancato introito (decine, forse centinaia di migliaia di pensionandi disoccupati o inattivi) o tagliata, prima del 75% (DL 78 del 31.5.2010) e poi di un ulteriore 15% (DL 98 del 6.07.2011), la spesa sociale dei Comuni e delle Regioni (milioni di poveri: LSU, ragazze-madri, ex carcerati, sussidiati costo affitto, ex drogati, ecc.) o tagliata di alcuni miliardi la spesa sanitaria e scolastica; ecc. ecc.
Ma tu - vedo -, oltre a non informarti ed essere inutilmente logorroico, sei del tutto incapace di ammettere che sei un ignorante, ti sei sbagliato e scusarti. Non mi meraviglia, voi che odiate i numeri (almeno il 95% degli Italiani), siete tutti così, fatti con lo stampo. E mammoni permalosi e piagnucolosi. Perciò odiate l’ICI/IMU/TASI, la casa viene subito dopo la mammina. E’ inutile opporvi dei numeri e dei fatti. E’ un problema di educazione, perciò – lo confesso… - ho introdotto fin dall’inizio il termine “maleducato”. Che si può risolvere soltanto con un’adeguata… ri-educazione: un calcio tra i denti e pane e acqua finché non ammettete che 4 è il quadruplo di 1, per cui il cattivone che ha messo davvero le mani nelle tasche degli Italiani e ha distrutto la domanda interna è stato, di gran lunga, soprattutto Berlusconi e non Monti, e che l’ICI/IMU/TASI, che serve a finanziare i servizi locali, è cosa buona e giusta. E Monti ha fatto benissimo a reintrodurla sulla prima casa e ad aumentarla. Peccato non sia riuscito a introdurre anche un’imposta patrimoniale sui ricchi, usciti quasi esenti dalla macelleria sociale perpetrata, in particolar modo da Berlusconi, sui non ricchi.

Vincesko


@vmvinceskij 1 maggio 2016 alle 20:58

La invito ancora una volta alla calma e a un maggiore contegno. Evidentemente è abituato insultare le persone, ma per questo non posso farci nulla: ognuno ha l'educazione che ha. E non ho intenzione di seguirla su questa china.

Le piacciono i numeri? Anche a me, molto (anche se quasi 30 anni fa all'economia ho preferito la matematica e la fisica: un modo diverso di giocare con i numeri).
Per quanto riguarda ad esempio la manovra 08/2011 del governo Berlusconi, su questo link può trovare uno specchietto riassuntivo degli effetti negli anni:

Come può vedere i numeri dicono che per il 2012 (28 miliardi) la manovra sarebbe stata circa la metà rispetto agli anni 2013 (54 miliardi) e 2014 (59 miliardi, quasi 60). L'anno 2013 avrebbe comunque visto le elezioni prima della metà dell'anno, per cui il "paletto" tra i piedi del successivo governo sarebbe stato di 114 miliardi sui 142 miliardi totali della manovra spalmati in 3 anni.
La manovra 2010 era fatta per l'80% delle maggiori entrate di recupero dall'evasione fiscale, ovvero ancora una volta in sostanza un procrastinare in attesa di tempi migliori (8 miliardi dall'evasione fiscale non li avrebbe trovati alcun governo, di qui la quasi certezza di una manovra successiva... Un procrastinare appunto). Il resto erano tagli.

Ho cercato di portare la discussione sugli effetti psicologici della manovra Monti, che ha anticipato e inasprito quanto previsto dalle manovre Berlusconi, aggiungendoci del suo. Vuole parlare di numeri? Parliamo di numeri. Possibilmente senza dare di matto.


  vmvinceskij 2 maggio 2016 alle 16:09

@fb0172 (2 maggio 2016 alle 12:50)
Hai fatto un passo in avanti; come vedi i miei "insulti" sono terapeutici. Ma troppo poco, sei un po’ inguaiato, hai bisogno di una lunga terapia...
Continui a raccontar balle, per autoconvincerti, dandoti anche maldestramente la zappa sui piedi.
Primo, come risulta dalla tabella che hai allegato, l’effetto per il solo 2012 delle manovre 2011 di Berlusconi, pari a ben 28 mld, né equivale a un rinvio a dopo la legislatura, come finora l’hai raccontata, né è una bazzecola, come cerchi di contrabbandarla, ma copre quasi interamente l’effetto globale della prima manovra di Monti, i cui effetti, vedi in particolare le pensioni, sono diluiti – non so in che misura - nei lustri successivi.
Secondo, la manovra 2010 non è come tu la racconti, glissando bellamente su ciò che ho scritto sulle categorie colpite, con effetto dal 1.1.2011, dal governo Berlusconi-Tremonti (milioni di Italiani, parecchi privi di reddito, quindi ad altissima propensione al consumo). Essa non è una bazzecola ma supera i 60 mld cumulati (ma in effetti molto di più, poiché le sue misure strutturali, cioè permanenti, valgono tuttora).
DL 78/2010 di 62,2 mld [secondo Il Sole 24 ore]
Arriva il blocco della contrattazione e degli stipendi per i dipendenti pubblici, il taglio delle retribuzioni più alte, l'azzeramento dei gettoni nei cda e la lotta a società di comodo e imprese in «perdita sistemica» [più il procrastinamento di 12 mesi (c.d. finestra mobile, ma in effetti 4 mesi in media erano stati già decisi dalla L. 247/07) dell’erogazione delle pensioni e l’introduzione dell’adeguamento triennale all’aspettativa di vita, nonché il taglio del 75% della spesa sociale dei Comuni e delle Regioni, poi tagliata di un ulteriore 15% dal DL 98/2011, il congelamento del rinnovo del contratto dei quasi 3,5 mln di dipendenti pubblici e il dimezzamento del numero dei lavoratori precari pubblici].
Non sei Aristotele, per smentirmi non bastano le tue affermazioni assiomatiche, devi trovare la stessa tabella degli effetti anche per il 2010. Per non parlare di quelle precedenti, in particolare il DL 112/2008 57,9 mld.
Nella prima grande manovra campeggiano i tagli agli enti territoriali e ai ministeri, la progressiva riduzione degli organici della Pa e della scuola e le imposte su energia, banche e assicurazioni.

Terzo, soprattutto, devi fare la stessa cosa anche per le 2 manovre di Monti, la prima del dicembre 2011 (DL 201/2011 43,3 mld) e la seconda del luglio 2012 (DL 95/2012 19,9 mld), così forse - forse - anche tu ti renderai conto che è privo di senso cronologico, logico, matematico e fattuale affermare, come fai tu, che "Monti ha anticipato (sic!) e inasprito quanto previsto dalle manovre Berlusconi".

Quindi, mi spiace, ti tocca fare ancora uno sforzo, vincendo la tua terribile resistenza.

Vincesko


*


Nota conclusiva: a questo punto fb0172 è sparito: o non è riuscito a vincere la sua terribile resistenza o, vintala e divenuto finalmente consapevole dell’evidenza del suo macroscopico errore di giudizio, si è vergognato ed ha avuto paura di… arrossire davanti a tutti.



Post collegati


Tre misfatti quasi sconosciuti del fu governo dei tecnici


Dialogo acceso sulla paranoia verso Monti, l’UE e l’Euro


Dialogo con Beniamino Piccone sui probi Monti e Saccomanni, lo screditato Berlusconi, il calo dello spread e i numeri delle manovre correttive



**********





La Procura di Trani, Deutsche Bank e Mario Seminerio, il terzo più “stupido” d’Italia


Ho riesumato la mia vecchia classifica de “Il più ‘stupido’ d’Italia” in onore di Mario Seminerio, titolare del blog “Phastidio”.


La banca tedesca Deutsche Bank, una delle più grandi banche del mondo, è stata messa sotto accusa dalla piccola Procura di Trani (cfr. http://www.repubblica.it/economia/2016/05/06/news/procura_trani_indaga_su_deutsche_bank_per_manipolazione_mercato-139189526/) per le vendite, e le comunicazioni connesse, dei BTP italiani nel primo semestre del 2011: l’ipotesi accusatoria è di manipolazione del mercato. Rammento che secondo molti analisti la vendita dei titoli di Stato italiani da parte della grossa banca tedesca innescarono l’attacco speculativo dei mercati finanziari all’Italia nel 2011, con una crescita esponenziale dello spread tra i BTP e i Bund tedeschi e il conseguente pericolo concreto di default, che resero necessario il varo in pochissimi mesi di manovre correttive pesantissime e provocarono la caduta del governo Berlusconi, sostituito dal governo Monti.

Questa notizia è stata commentata con la solita spocchia dal noto sito Phastidio.net, che critica la piccola Procura di Trani e assolve la Deutsche Bank:

Delitto di lesa sovranità Pubblicato il 6 maggio 2016

Il titolare di Phastidio, Mario Seminerio, andrebbe benissimo al terzo posto nella mia personale classifica di qualche anno fa de "Il più ‘stupido’ d'Italia" (“stupidi” ad honorem, De Mita, Pannella e Cossiga): quelli che ne sanno sempre una più intelligente degli altri, che vedeva fissi, al 1° posto, Antonio Martino ed, al secondo, Giuliano Amato; il 3° posto era variabile ed è stato via via occupato da: Giuseppe Gargani, Tremonti, Capezzone, ecc.

Traggo soltanto un punto del suo articolo, quello a mio avviso più importante, ed anche illuminante del modo di argomentare di Seminerio, l'acquisto di titoli di Stato italiani da parte della BCE nel 2011, ma ce ne sarebbero anche altri da commentare:

Citazione: “C’era un compratore “pesante”, a dire il vero, ed era la Bce con il suo Securities Markets Program (SMP): gli acquisti alla fine sarebbero ammontati a 110 miliardi di euro, rimasti in portafoglio all’Eurotower”.


La BCE (Trichet), nell’ambito del Securities Market Programme (SMP) volto a raffreddare le tensioni sui titoli pubblici, acquistò, nel 2010, titoli di Stato greci, irlandesi e portoghesi; da agosto 2011 a gennaio 2012, titoli italiani e spagnoli (poco più di 200 mld, che sono ancora in portafoglio alla BCE). Ecco i dati:

Paese…………Valore nominale …...Valore di libro ….Scadenza

……………………..(mld) ……………. (mld) …………(anni)

Irlanda………………..14,2 …………… 13,6……….........4,6

Grecia……………......33,9 …………......30.8.……………3,6

Spagna ………………44,3 ……………..43,7 …………....4,1

Italia………………..102,8 ……….…….99,0 …………....4,5

Portogallo……………22,8 ………….….21,6 ………..…..3,9

Totale ……………...218,0 …….....…...208,7 …………....4,3

Quindi, gli acquisti da parte della BCE sono avvenuti molto dopo le vendite di Deutsche Bank, a partire da agosto 2011 (esattamente il 22 agosto, vedi articolo di Antonio Forte) e solo dopo il varo da parte del governo italiano della seconda di altre due manovre correttive pesantissime per 80+60 mld (DL 98 del 6/7/2011 e DL 138 del 13/8/2011), varate dal governo Berlusconi-Tremonti nell’arco di appena 40 giorni, dopo quella pesantissima del 2010 di 62 mld cumulati (DL 78 del 31.5.2010)Rammento che la famosa lettera-diktat della BCE al governo italiano è del 5.8.2011;[*] lettera che chiedeva pesanti e urgenti interventi al governo italiano proprio per calmare i mercati finanziari; se non ci fosse stata la lettera-diktat, si sarebbe anche potuto pensare ad un “fisiologico” uso degli SMP; essendoci stata la lettera-diktat, si potrebbe invece concludere: se non è ricatto (o “complotto”, come afferma FI[**]) questo, poco ci manca.


[**] Analisi parziale del complotto contro Berlusconi



Post scriptum:


Antefatto


Due anni fa ci fu questa polemica tra Mario Seminerio e Carlo Clericetti:


Mario Seminerio

May 22, 2014


Bundesbank ed aste tedesche, replica di Carlo Clericetti

May 29, 2014


Purtroppo non potetti postare nel sito Phastidio, dove non sono consentiti i commenti (ahi ahi ahi), questo mio commento:


Nel post originario:

1) “In Germania è prassi che l’agenzia federale preposta al collocamento del debito pubblico (la Finanzagenturtrattenga presso di sé parte del controvalore di un’asta. (http://www.deutsche-finanzagentur.de/en/institutional/secondary-market/secondary-market-activities-finance-agency/) Tale controvalore è stato dal 2005 mediamente pari al 20% della singola emissione. Abbastanza per dire che si tratta di caratteristica strutturale del sistema tedesco di classamento del debito pubblico”.


Questa non è un’esimente. All’opposto, c’è l’aggravante della continuazione.


Nella replica:

2) “dire che le banche centrali “possono manovrare le condizioni di liquidità in modo da facilitare il collocamento dei titoli” è esattamente equivalente a suggerire che il secondario è manipolabile, spiacente per la sua sottigliezza”.


Balla! Manipolare (Diz. Treccani):

b. Adattare, volgere in senso favorevole a sé stessi, mediante imbrogli e intrighi, allo scopo di ottenere vantaggi personali: mi fattile notizieml’informazione;mi risultati delle elezioni. Con uso meno proprio, mle massemle coscienze, manovrarle abilmente, agire su di esse soprattutto col presentare la verità, i fatti, le notizie in modo conforme ai proprî interessi.
c. non com. Ordire, macchinare: muna truffaun imbroglio.
http://www.treccani.it/vocabolario/manipolare2/


3) “è molto poco realistico sostenere o suggerire che questa attività condizioni il trend sottostante dei rendimenti di mercato”.


Semi-balla! Che equivale sempre a una balla intera. E allora perché lo fa? Ha tempo da perdere?


4) “che senso ha citare l’Economist, dicendo che “se n’è occupato in passato”, e scordarsi di linkare il pezzo?”


Peccato veniale, il passo dell’articolo era citato per esteso nel post “L’eccezione tedesca nel collocamento dei titoli di stato” di Manfredi De Leo - 07 dicembre 2011 http://www.economiaepolitica.it/index.php/europa-e-mondo/leccezione-tedesca-nel-collocamento-dei-titoli-di-stato/ linkato nel post di Clericetti.


5) “Certo, come no. Capita, peccato e pazienza (tanta)”.


Brutto indizio. Non si scopra troppo…


6) “E’ vero che, alla fine, tutto si risolve in una partita di giro in cui la banca centrale gira i proventi al Tesoro nazionale”.


Quindi, in sostanza, la “monetizzazione” c’è, in particolare se la Banca centrale ricompra i titoli alla scadenza.


7) “E comunque tenga presente che, prima dello sputtanamento, viene sempre l’autosputtanamento”.


Brutto indizio… Appunto…



Appendice


domenicobasile 8 maggio 2016 alle 14:57

@Vincesko

La questione della Buba è complicata e non sono certo di aver capito tutto.

La polemica era scoppiata già nel 2011 quando gli investitori autorizzati cominciarono a trascurare le aste tedesche lasciando nelle mani della Finanzagentur quote rilevanti di inoptato che la Buba pre-optava per rivenderle successivamente sul mercato secondario.
Ovvio che tale pratica (anche se iscritta da lunga data nelle abitudini della Banca) costituiva una violazione palese delle nuove regole in seno all'eurozona.
Infatti, il trattato di Lisbona (2007) aveva definito nell'articolo 123 i vincoli ed i limiti d'azione delle Bcn e della stessa BCE sul mercato primario.
Il "sotterfugio" (comunque inaccettabile) veniva dal fatto che
- la Bundesbank agiva come primary dealer (una specie di agente privilegiato di collocamento) per ripiazzare l'invenduto in piccole quote presso investitori che non avevano partecipato all'asta.
- questa tecnica permetteva al governo di non registrare perdite dirette sul Conto dello Stato e di trasferirle nei conti della Buba che ovviamente rivendeva i titoli a sconto rispetto ai prezzi di mercato.
Secondo me, dato lo sgangherato sistema bancario tedesco, si trattava di un espediente (ancora più criticabile) per contribuire al rafforzamento patrimoniale delle Landerbanks e delle Casse di risparmio, cedendo loro quote dell'inoptato a prezzi vantaggiosi.
Una maniera elegante di ricapitalizzarle in barba alle regole ed allo spirito dei trattati in vigore...



Post e articoli collegati:


S&P’s declassa l’Italia a BBB-

Presso il piccolo Tribunale di Trani, è in corso l’importante processo contro Standard&Poor’s per i suoi rating negativi farlocchi contro l’Italia nel 2011.


Processo rating, la procura chiede di condannare S&P e gli analisti

A Trani si chiede la condanna per manipolazione del mercato: 3 anni e mezzo milione di multa al responsabile per l'Europa e gli specialisti del debito

20 gennaio 2017


Trani, tutti assolti nel processo per il rating italiano

Il Tribunale ha assolto dall'accusa di manipolazione del mercato cinque tra analisti e manager dell'agenzia Standard & Poor's e la stessa società. Le accuse riguardavano il taglio al giudizio italiano

30 marzo 2017


Inchiesta sul rating, lo sfogo del pm di Trani: “Mi hanno lasciato da solo. La verità resta sullo sfondo”

A meno di 24 ore dalla sentenza di assoluzione, il sostituto procuratore Michele Ruggiero affida alla bacheca Facebook le sue riflessioni: "Pensare che i consulenti hanno lavorato gratis"

31 marzo 2017


Riporto un mio precedente commento esplicativo sul tema, pubblicato nel blog di Carlo Clericetti su Repubblica.it:


Ad integrazione del mio commento precedente, allego un altro mio precedente commento nel blog di Carlo Clericetti sul tema del declassamento dell’Italia da parte delle società di rating, con La storia dei rating sull'Italia dal 1995 al 2011:



**********

http://vincesko.blogspot.com/2016/05/la-procura-di-trani-deutsche-bank-e.html



La religione neo-liberista


Che il neo-liberismo assomigliasse a una religione, lo avevo già dedotto da molto tempo frequentando siti neo-liberisti, tra cui NoisefromAmerika, al cui titolare (e sodali) contestai di essere una sètta di un credo fideistico “strano” al soldo dei ricchi.[1] Adepti che naturalmente proiettano l’accusa di manipolazione ideologica sugli appartenenti al campo avverso. Riporto, come esempio, questo breve, apparentemente ironico commento:

So bene che il trattino andrebbe omesso, ma io lo uso indifferentemente, e lo metto apposta per evidenziare la distanza siderale dal punto di vista morale tra il liberismo smithiano e il neo-liberismo, ideologia spietata al soldo dei ricchi-potenti-egoisti-crapuloni-bulimici.

Ti spiace? Contraddizione in termini, perché i neo-liberisti, dotati di cuore crudele, quindi consapevolmente, sono più simili, anzi peggio, dei feroci – e quindi inconsapevoli – impietosi squali. Entrambi i tipi di esemplare vivono in gruppi: gli squali in branchi; gli adepti del neo-liberismo in sètte, con delle regole strane…

Anche Jens Weidmann,[2] presidente della Bundesbank, ne fa parte, come tantissimi altri che occupano posizioni apicali di Istituzioni pubbliche capaci di incidere anche pesantemente sulla vita di centinaia di milioni di persone.

Occorre una guerra di liberazione, accompagnandola però con un’autocritica degli errori e delle esagerazioni che hanno costellato il campo keynesiano, come opportunamente riconosce il prof. Gustavo Piga, col quale concordo:

La prima risposta ha a che fare con quella che io chiamo la “questione ideologica”. La mia generazione di cinquantenni, oggi al potere in tutti i gangli delle amministrazioni nazionali e sovranazionali, si è formata nelle università al tempo in cui il verbo neo-classico aveva preso il sopravvento. Partito in sordina alla fine degli anni sessanta presso la scuola di Chicago, fu sospinto dai fallimenti evidenti negli anni settanta del modello keynesiano, applicato dalla classe dirigente di allora senza interrogarsi se l’intervento statale che Keynes perorava durante la Grande Depressione da crisi di domanda degli anni trenta fosse necessario in economie alle prese invece con problemi strutturali di offerta che cominciavano ad affliggere il benestante Occidente. […]

Oggi, come è avvenuto spesso nel corso della storia, il pendolo ritorna indietro, e una crisi da domanda simile a quella degli anni trenta richiede soluzioni simili a quelle persuasivamente argomentate da Keynes allora. Ma questa classe dirigente al potere oggi non riesce ad accettarle, troppo imbevuta di quello che allora era sapere ed oggi è mera ideologia”.


Segnalo:


La scienza economica dominante come religione pubblica

di Nicolò Bellanca

Plasmando i nostri modelli mentali e le nostre azioni, l’odierna teoria economica dominante si rivela in grado di convertirci, operando come una religione pubblica. Senza tenere in adeguato conto questa sua capacità si capisce poco dell’affermazione planetaria del neoliberismo. Una riflessione a partire dagli ultimi libri di Mauro Gallegati



[1] Dialogo nel blog neo-liberista NoisefromAmerika su Keynes e dintorni


Dialogo n. 2 nel blog neo-liberista NoisefromAmerika: pensioni


Dialogo n. 3 nel blog neo-liberista NoisefromAmerika: pensioni


[2] Il bugiardo e imbroglione Jens Weidmann e la massima di Goebbels


Appendice


Tutto bello, tutto giusto. Le fallacie logiche, prima che tecniche, del neo-liberismo sono evidenti e clamorose. I suoi sacerdoti sono nudi come il re nudo. Eppure le schiere degli adepti si assottigliano appena, rimangono quasi integre. Allora bisogna acquisire la consapevolezza che l’adesione al neo-liberismo, ideologia strampalata e spietata al soldo dei ricchi – il ceto dominante da 30 anni, ricchissimo, potentissimo (controlla i media, le università, i centri nevralgici del potere), bulimico e spietato – è un effetto; la causa determinante è, per solito, un’educazione troppo severa, autoritaria, castrante, la quale produce, da un lato, problemi col principio di realtà; da un altro, ottundimento dello spirito critico; da un altro, l’uso abituale della proiezione (psicologica); da un altro ancora, familiarità con la sindrome di Stoccolma; e, dall’altro, sado-masochismo. E, spesso, idiosincrasia personale per le regole, che però sono inclini irresistibilmente ad imporre agli altri. I neo-liberisti sono dei sado-masochisti, oltre che contrastare sui giornali e nei libri la loro religione algida, fallace e dalla sospetta spietatezza, bisognerebbe chieder loro – semplicemente – di farsi curare. E sommergerli con una corale, oceanica risata.



Post e articoli collegati:
 
Dialogo sul liberismo, il liberalismo, le banche, la speculazione, il comunismo ed altro
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2784613.html oppure 
http://vincesko.blogspot.com/2015/06/dialogo-sul-liberismo-il-liberalismo-le.html
 
Dialogo su debito pubblico, privatizzazioni, neo-liberismo, stato sociale
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2828129.html oppure
http://vincesko.blogspot.com/2015/08/dialogo-su-debito-pubblico.html

I tabù europei e la creatività dei grigi burocrati
Fabrizio Patriarca  17 maggio 2016
Fabrizio Patriarca esamina alcune proposte emerse di recente nell’ambito del progetto di completamento dell’Unione Economica e Monetaria e da esse trae spunto per sostenere che contrariamente a un diffuso luogo comune i “grigi burocrati” di Bruxelles e Francoforte sono in realtà dotati di notevole creatività. Essi, infatti, ad avviso di Patriarca trovano soluzioni creative in grado di mediare tra posizioni diverse senza toccare i “tabù” che sono all’origine di quelle divisioni. Però, le conseguenze di questa creatività sono spesso molto negative.
http://www.eticaeconomia.it/i-tabu-europei-e-la-creativita-dei-grigi-burocrati/
 
Dopo aver dato potere all’1% e impoverito milioni,il FMI ammette l’insuccesso del neoliberismo
di Ben Dangl – 1giugno 2016
http://znetitaly.altervista.org/art/20071  
 
Segnalo questo bel saggio di Luciano Pellicani, del quale vengono riportati ampi stralci, in particolare su Friedrich von Hayek, nel libro “Massoni” di Gioele Magaldi (v. UE, dirigenti illuminati o massoni reazionari? 1 oppure 2 ):

 
Così è fallito il modello neoliberista
Un saggio di Pellicani
Luciano Pellicani -  25 marzo 2013
http://www.reset.it/caffe-europa/cosi-e-fallito-il-modello-neoliberista-un-saggio-di-pellicani  


**********

http://vincesko.blogspot.com/2016/05/la-religione-neo-liberista.html



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. liberismo neoliberismo credo religioso

permalink | inviato da magnagrecia il 2/5/2016 alle 15:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia aprile        giugno
temi della settimana

germania economia bersani commissione europea ue riforma delle pensioni fornero debito pubblico bce sessualità banca d'italia pd renzi berlusconi imposta patrimoniale curiosita' sessuali governo monti crisi economica pensioni fake news bufale



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0