.
Annunci online

CURIOSITA' SESSUALI REPRESSE E SVILUPPO INTELLETTUALE/16

 

La ricerca
L'ansia da prestazione è rosa
Ansia da prestazione per una italiana su cinque. Lo rileva il sondaggio «Le italiane e il sesso», presentato a Firenze e condotto a Roma, Milano e Napoli su 600 donne tra i 18 e i 50 anni, di cui il 26% single
 
FIRENZE - Ansia da prestazione per una italiana su cinque. Lo rileva il sondaggio «Le italiane e il sesso», presentato a Firenze al Congresso della Federazione di Sessuologia Scientifica (FISS) congiunto con la Società della Contraccezione (SIC) e condotto a Roma, Milano e Napoli su 600 donne tra i 18 e i 50 anni, di cui il 26% single. Il problema è poco noto: se il 95% conosce quella al maschile, solo il 38% sa che l’ansia da prestazione può presentarsi anche nel gentil sesso. È invece uno dei nuovi nemici della coppia, con la routine (65%), lo stress (51%) e il timore di deludere il partner (48%). «Più a rischio sono quelle donne che soffrono di cicli mestruali abbondanti, che possono causare anemia, e di forti sbalzi ormonali. La pillola anticoncezionale può essere un valido aiuto, in particolare quella bio, Klaira, specifica per risolvere questi disturbi - spiega il prof. Salvatore Caruso, presidente della Fiss e co-presidente del Congresso - Inoltre non bisogna sottovalutare gli effetti dannosi di stili di vita sempre più maschili, che si riflettono anche sulla libido: in particolare l’abitudine al fumo, il consumo di alcolici e il superlavoro».
Le donne intervistate rivelano una maggioranza abitudinaria e fedele, con il 59% che mantiene un numero di rapporti invariato nell’ultimo anno e il 61% che ha avuto in questo periodo un solo partner. La paura di restare incinta frena il desiderio per un’italiana su 3, tanto che il 72% rinuncerebbe ad un’avventura occasionale se non adeguatamente protetta, anche nei confronti delle malattie sessualmente trasmissibili. «La rapida crescita della pillola » bio « è un segnale positivo» - aggiunge la prof.ssa Vincenzina Bruni, docente dell’Università di Firenze e presidente del comitato scientifico del Congresso -. E' trascorso un anno dalla sua introduzione nel nostro Paese e già registra un vero boom: le italiane coprono da sole il 30% del consumo europeo. L’ansia da prestazione si manifesta nella donna come un blocco della risposta sessuale, con un meccanismo più psicologico e introspettivo che fisico, tanto che riesce comunque a portare a termine il rapporto, ma vivendo un senso di disagio. «Per risolvere il problema, a prescindere dall’intervento medico, è fondamentale il dialogo con il partner, per condividere le difficoltà e migliorare l’intimità - spiega Caruso - Una strategia efficace è anche una dieta sana, riposare un numero adeguato di ore (otto per notte, perchè l’ansia basale aumenta quando c’è carenza di sonno) e praticare ogni giorno un po' di movimento fisico, che facilita l’eccitazione».
 
Secondo il sondaggio, i principali fattori che possono favorire l’intesa sono la confidenza (86%), l’ironia e la complicità (72%) e la giusta atmosfera (65%). Ma il 15% delle italiane attualmente non ha una vita sessualmente attiva e l’11% non ha avuto nessun partner nell’ultimo anno. Purtroppo, è scarsa l’attenzione alla propria salute riproduttiva cui dedica moltissime cure solo il 10%. Una su 2 (48%) la ritiene abbastanza importante mentre il 15% ci pensa decisamente poco. «Resiste anche la diffidenza nei confronti degli anticoncezionali, in particolare quelli ormonali - commenta il prof. Gianfranco Scarselli dell’ospedale di Careggi -. I benefici sulla salute sono invece ampi e superano largamente i possibili rischi, ad esempio come terapia per problemi diffusi come i cicli abbondanti o la dismenorrea ma anche malattie come il dolore pelvico cronico, la policistosi ovarica e l’endometriosi, che colpisce 3 milioni di donne nel nostro Paese».

07 ottobre 2010 (ultima modifica: 11 ottobre 2010)
 
http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/2010/7-ottobre-2010/ansia-prestazione-rosa-1703902999961.shtml
 
 
 
Puntate precedenti:
 
post/1-Freud “La morale sessuale ‘civile’ e il nervosismo moderno”
 http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2558195.html
 
post/2-Freud “Aforismi e pensieri”
 http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2589675.html
 
post/3-De Bernardi “Il diritto all’innocenza”
 http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2591160.html
 
post/4-Il VdS “La scoperta della sessualità”
 http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2592702.html
 
post/5-card. Scola
 http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2593987.html
 
post/6-Precocità e disinformazione sessuale
 http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2595765.html
 
post/7-Belardelli “Il sesso migliora con l’età, per le donne il picco a 40 anni” http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2596985.html
 
post/8-Tamburini “Sessualità, aspetti psico-evolutivi”
 http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2597394.html
 
post/9-La Hunziker e i maschi italiani: «Sono immersi nei tabù»
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2598135.html
 
post/10-Il sesso ok? Circa 10 minuti, poi il cervello pensa ad altro
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2614532.html
 
post/11-Sesso all’estero, ma di segno opposto
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2615556.html
 
post/12- Dal bacio rubato all'amore in auto, il 'manuale' del sesso secondo gli 'ermellini'
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2616254.html
 
post/13-Test: Equilibrismi d'amore, misura la parità di coppia
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2617205.html
 
post/14-Salute: emicrania da sesso, come evitare il ‘mal di testa del traditore’
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2618892.html
 
post/15-Quando l’amante è la zia
 http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2619722.html
Sfoglia febbraio        aprile
temi della settimana

governo monti germania imposta patrimoniale berlusconi banca d'italia riforma delle pensioni fornero bce debito pubblico sviluppo intellettuale commissione europea crisi economica pd curiosita' sessuali economia renzi bersani pensioni ue fake news sessualità



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0