.
Annunci online

ANALISI QUALI-QUANTITATIVE - 16 - TRATTAMENTO ECONOMICO DEI PARLAMENTARI ANNO 2012

           

TRATTAMENTO ECONOMICO DEI PARLAMENTARI – ANNO 2012

 

                                                                                   Deputati                 Senatori

 

1. Indennità parlamentare.......................................5.246,97..[1]...........5.613,13 [2]

 

2. Diaria....................................................................3.503,11..................3.503,11

 

3. Rimborso spese....................................................3.690,00.................4.180,00 (2.500 al Gr. parl.)

    . Spese postali...................................................nessun rimborso........nessun rimborso

    . Spese telefoniche (all'anno).................................3.098,74.....................[3]

 

4. Spese di trasporto (autostr., treno, nave, aereo):.....gratis....................gratis

+ rimb. trim. da casa a aeroporto....< 100 Km...........3.323,70................1.650,00 [3]

                               “ …......> 100 Km...........3.995,10 [4]

 

5. Assegno fine mandato

    . versa mensilmente.................................................784,14.....................804,40

    . al termine riceve l'80% importo mensile lordo........80%....................... 80%

      indennità per ogni anno di anzianità

 

6. Assegno vitalizio

    . versa mensilmente una quota pari all’8,6%.........1.006,51.................1.032,51 (+ 258,13 per rev.)

    . e dopo almeno 5 anni di mandato riceve a

      partire dal 65°anno di età (riducibile fino al

      60° in relazione all'anzianità di parlamentare)

      dal 20 al 60% dell’indennità ……………………20-60%...................20-60%

      Dall’1.1.2012, si applica il metodo contributivo pro rata

Totale (1+2+3+4).....................................................13.918,10...............14.946,24

 

 

Fonte: Parlamento.it
http://www.camera.it/383?deputatotesto=4&conoscerelacamera=4
http://www.senato.it/composizione/21593/132051/genpagina.htm, ora sostituito da:
http://www.senato.it/1075?voce_sommario=61   

Note:

[1] Al netto della ritenuta fiscale di 3.719,00, della quota contributiva di 1.006,51 per l’assegno vitalizio, e delle ritenute previdenziali di 784,14 e assistenziali di 526,66; ma al lordo delle imposte addizionali locali.

[2] Al netto della ritenuta fiscale di 4.015,65, della quota contributiva di 1.032,51 per l’assegno vitalizio, e delle ritenute previdenziali di 804,40 e assistenziali di 540,26; ma al lordo delle imposte addizionali locali.

[3] Rimborso forfettario delle spese generali. "A decorrere dal 1° gennaio 2011 i Senatori ricevono un rimborso forfettario mensile di euro 1.650, che sostituisce e assorbe i preesistenti rimborsi per le spese accessorie di viaggio e per le spese telefoniche. L'importo è stato determinato dal Collegio dei Senatori Questori, nell'ambito del riordino delle competenze economiche dei Senatori, mantenendo invariato l'onere complessivo che gravava sul bilancio del Senato per i due rimborsi soppressi". E’ interessante rimarcare che l’importo di 1.650 al mese relativo ai senatori sostituisce, dall’1-1-2011, un “rimborso spese telefoniche” di 4.150 l’anno ed un “rimb. trim. da casa a aeroporto” di 15.379,37 se inferiore a 100 Km o di 18.486,31 se superiore a 100 Km.

[4] Il totale relativo ai deputati include un valore di tale voce risultante dalla media aritmetica tra il valore inferiore a 100 Km e quello superiore a 100 Km.

[5] Commissione per il livellamento retributivo Italia-Europa: Rapporto sulle attività svolte fino al 31 dicembre 2011

http://www.funzionepubblica.it/il-dipartimento/funzione-pubblica/notizie/2012/gennaio/02012012---comliv---rapporto-attivita-al-31-dicembre-2011.aspx

 

Trattamento economico dei parlamentari - Anno 2010 (e 2011)

http://partitodemocratico.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2567712 ; se il link non è più attivo, cliccare qui http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2565776.html


Articolo collegato:

Dimezzare il Parlamento? No, meglio gli stipendi
05.02.13
Valentino Larcinese
Il Parlamento deve rappresentare i diversi interessi e punti di vista che esistono nella cittadinanza. Per poterlo fare in modo adeguato non può essere troppo piccolo. E perciò dimezzare il numero dei parlamentari italiani sarebbe eccessivo. Per ridurre le spese, meglio tagliare i loro stipendi.
http://t.contactlab.it/c/1000009/3353/41700388/29818



Sfoglia dicembre        febbraio
temi della settimana

bce governo monti crisi economica fake news curiosita' sessuali riforma delle pensioni fornero bufale renzi commissione europea berlusconi banca d'italia debito pubblico pensioni ue bersani pd germania sessualità economia imposta patrimoniale



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0