.
Annunci online

La zavorra mentale che prolunga la crisi economica italiana

Ecco un bell’articolo, chiaro, intelligente e concreto, che spiega bene i nessi tra profilo anagrafico (W la rottamazione!) ed intellettivo dell’imprenditore e propensione all’innovazione anziché alla conservazione, alla valorizzazione del capitale umano anziché al suo sfruttamento giocando al ribasso, ed una politica industriale efficace che incentivi le produzioni a maggior valore aggiunto (che aumentano la “produttività” nella forma più virtuosa, non con lo sfruttamento “cinese” delle risorse umane), per reagire alla crisi nella maniera più idonea.

La scuola che servirebbe è quella che, nelle sue varie articolazioni e con gli strumenti che le sono propri, partecipa a questo sforzo collettivo ed asseconda il processo di mutazione collettiva prima culturale, poi tecnica ed organizzativa.

Dobbiamo crescere come popolo, cioè un insieme di individui uniti da un patto sociale, che trascende l’ambito familiare, e certe volte le soluzioni sono più semplici di quel che sembra, ma purtroppo si è creata una zavorra mentale di conservazione e resistenza al cambiamento (è la famiglia il luogo del “delitto”, è lì che bisogna intervenire; cfr. i genitori che s’interrogano sul mistero dei figli, e poi si scopre che dipende – chessò – “semplicemente” dalla carenza di amore e/o di disciplina congrua e/o dalla repressione delle loro curiosità sessuali, da piccoli) che c’impedisce di individuarle e metterle in pratica. E invece ci tocca soffrire, chissà per quanto tempo ancora...

 

competitivitàmercato del lavoropolitica industriale - di Andrea Ricci - 02/11/2012

Imprese da cambiare. Con la politica industriale 

Imprenditori più vecchi e meno istruiti che nel resto d’Europa, imprese più piccole e a bassa tecnologia, incentivi al precariato e non agli investimenti. La politica industriale dovrà fare i conti con queste ragioni del declino italiano

http://sbilanciamoci.gag.it/Sezioni/italie/Imprese-da-cambiare.-Con-la-politica-industriale-15255

  

Post collegati:

La globalizzazione non è un gioco equo

http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2760049.html

 

 

Sfoglia ottobre        dicembre
temi della settimana

fake news sviluppo intellettuale commissione europea governo monti bersani banca d'italia pd italia economia curiosita' sessuali ue bce sessualità germania riforma delle pensioni fornero renzi berlusconi pensioni debito pubblico imposta patrimoniale



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0