.
Annunci online

Un riflesso condizionato ancora diffuso, anche nel PD

 
2 febbraio 2013   C’è un alieno nel corpo di Monti  Stefano Menichini
[…] Ieri Monti (forse per una questione anagrafica, come ha ironizzato Matteo Renzi) s’è voltato indietro e ha provato a schiacciare il centrosinistra riformista sulla foto d’archivio della scissione di Livorno. Un tale sproposito che lo stesso senatore a vita (elevato a tale rango, sia detto per inciso, da Giorgio Napolitano, a proposito di Pci) se l’è dovuto rapidamente rimangiare, come un Berlusconi qualunque.
La storia di secoli e decenni è lì da leggere,nessuno la può negare né rinnegare. Ma la storia politica utile, quella che serve a capire il presente, è molto più recente. […]
http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/139815/ce_un_alieno_nel_corpo_di_monti
 
Quello di Monti è un riflesso condizionato ancora diffuso, anche nel PD. Leggendo questo articolo, ho ripensato a questi altri due, da me commentati, prima in Circolo PD-Obama e poi su “Europa”:
 
Riporto quest'altro articolo pubblicato su L'Unità (interessanti i commenti dei lettori), che svela i sentimenti "di pancia" degli iscritti di un partito composito come il PD, sentimenti che è opportuno portare alla luce del sole ed, eventualmente, al dibattito di questo nostro circolo [il link de “l’Unità non è più attivo]:
Lettera dei nativi PD «Caro Bersani basta con la parola 'compagno'...»
http://www.unita.it/news/italia/100230/caro_bersani_basta_con_la_parola_compagno 
http://www.agoravox.it/Voi-del-Pd-non-siete-degni-di.html
 
Come prevedevo, perciò ho 'postato' ieri l'articolo de L'Unità, la questione è seria.
Oggi, la ripropone l'altro quotidiano del PD,  Europa.
Reitero qui il mio commento, che vi si può leggere in calce.

 
Editoriale   22 giugno 2010   Compagni,con chi ce l’avete?
La polemica aperta dall’intervento di Fabrizio Gifuni alla manifestazione del Pd rischia di degenerare e, cosa più grave, di risultare incomprensibile, assurda, fuori tempo e fuori luogo. Invece c’è una questione seria in ballo, un grumo di incomprensione e perfino di astio che non si scioglie facendo spallucce o liquidando tutto come l’ennesimo harakiri democratico.
La questione non dev’essere nell’uso della parola compagno in sé. Chi scrive l’ha usata, la usa, la userà sempre per salutare chi riconosce affine in un percorso di vita. Ma non è successo questo sabato. Non è successo solo che Gifuni, durante un bell’intervento, abbia salutato qualcuno come compagno, come prima di lui tanti altri in molti momenti della vita del Pd. È accaduto invece che Gifuni (uomo avveduto, non un passante) abbia voluto rimarcare l’uso della parola come atto liberatorio. E che la platea, cogliendo questo significato e questa volontà, abbia reagito con un’ovazione che era a sua volta una rivendicazione.
http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/119365/compagni_con_chi_ce_lavete
 
(da magnagrecia inviato il 22/6/2010 alle 17:14)
D'accordo, la questione è seria, e ripropone ed amplifica il problema posto dalla lettera dei cinque giovani dirigenti “nativi” del PD, pubblicata ieri da L'Unità «Caro Bersani basta con la parola 'compagno'...», col corredo di commenti dei lettori, poiché svela i sentimenti "di pancia" degli iscritti di un partito composito come il PD, sentimenti che è opportuno portare alla luce del sole e dibattere. Ma una parte dell'interpretazione è forse errata. Vale per me, ma credo valga anche per tantissimi altri che votavano PCI-PDS-DS, ed è un po' ipocrita far finta di non saperlo: ai comunisti (di vario genere, anche a quelli che come me votavano PCI in mancanza di meglio a sinistra, ad esempio un P.S. di stampo europeo) – l'ha scritto Eugenio Scalfari – non sarà mai sufficiente alcuna abiura o innovazione riformistica per essere accettati; ad essi si chiede semplicemente di scomparire, senza se e senza ma. E' questo che è inaccettabile e - come un tremendo, immane, ingiusto senso di colpa - lo rende insopportabile. Reso tale ancor di più da un sentimento - in buona parte ingiustificato, ma che purtuttavia trae origine dalla storia dei comunisti italiani  - di superiorità morale.
Come sempre per i problemi seri, solo affrontandoli con intelligenza e sincerità si riesce a depotenziarne o perfino annullarne la carica distruttiva e autodistruttiva.
 
 
Appendice (giugno 2010)
 
e ora mi date tutte le ragioni per non essere d'accordo io! E sul serio!
1) sono stato comunista molto di più di quanti lo erano perché iscritti al PCI. A me quella tessera non bastava e come tanti sono stato a sinistra del PCI se non contro il PCI, parte di un fenomeno globale che all'epoca io come tanti interpretavo come una degenerazione del comunismo. La storia ha dimostrato che o si risolveva quella degenerazione o il comunismo era fallito. Non si è risolta ed è fallito. A seguire io a differenza di tanti miei"compagni" non mi sono accontentato di dire che era fallito solo il "comunismo degenerato" ma ho preso atto del fallimento complessivo e ne ho indagato le cause. Qualcuno lo ha fatto nel PCI? Mai. La storia del PCI è ancora carica di tutti i tabù, dal Togliatti eroe delle democrazia italiana a Berlinguer santo e moralizzatore. Con quale diritto ora si fa l'ennesimo pianto greco dei poveri "compagni" costretti a vivere un "senso di colpa"? Il senso di colpa per definizione E' FIGLIO DELLA ASSENZA DI SENSO DI RESPONSABILITA'!!! Ad avere responsabilità non si sarebbe liquidato il PCI con un'operazione trasformista e ipocrita. Facendo spalluccie non si fa i conti con la propria storia. Il migliore dei riformisti DS non sa dire niente di più che "ormai il comunismo è superato dalla Storia". Veltroni sa dire che lui con la tessera del PCI in tasca quando si andava ancora a fare i viaggi in URSS, lui "non è mai stato comunista". E parlo di Veltroni, in fin dei conti quello tra di voi che considero più vicino a me.
Francamente avete rotto! Si. Fate i conti con la vostra storia! Non avete alcun diritto a presentarvi come gli eredi di una storia gloriosa. E sia chiaro non ce l'hanno nemmeno gli ex Democristiani. SIATE UMILI ENTRAMBI!
Per me posso stare con voi a patto di concepire il meglio nella vostra storia nell'essere stato gli uni il controaltare dell'altro. Il meglio della storia della DC è stato impedire che l'Italia finisse nelle mani di Togliatti per essere una specie di Jugoslavia o peggio finire come la Grecia dei Colonnelli. Il meglio della storia del PCI è aver raccolto la migliore intelligenza possibile contro lo sfacelo culturale e morale che è stata l'Italia democristiana, per non parlare delle stragi di stato ecc.
Poi però c'è il peggio! Ed il peggio è la sostanza di entrambi. Quindi tenetevi quel compagno per voi! La ragione per cui in Italia abbiamo ancora chi si chiama Rifondazione Comunista o chi come Vendola non sa ancora fare un passo decisivo siete voi ex DS. Condividete con loro lo stesso sentimento. Ma allora prendete il coraggio di farvi il vostro partito di reduci e datevi una ragione per cui nutrire nostalgia. Se filo rosso dev'essere cercatene un perché!
Al lavoro dunque compagni! Che a mettere la testa sotto la sabbia non ci guadagna nessuno.
Francamente incazzato.
Angelo
 VORREI AGGIUNGERE CHE QUESTO CIRCOLO SI CHIAMA OBAMA! Ed Obama è un anticomunista convinto, non gli passa nemmeno per l'anticamera del cervello di pensare che possa essere confuso con degli ex post neo o "non più per caso" comunisti.
Ecco voi volete diritto di cittadinanza per la parola "compagno"? D'accordo ma in cambio io voglio una chiara definizione del PD come partito anticomunista! Perché se così non è io me ne vado dal PD e con me dovrebbero andarsene tutti i sinceri democratici... francamente scoprire che siamo ancora a questo punto è deprimente.
 
Sarò franco, as usual.
Tu sei sempre indignato. Raffaele La Capria sostiene che bisogna diffidare di chi s'indigna sempre.
Trovo il tuo 'post' incongruo, esagerato. L'esperienza mi dice che qualunque reazione incongrua, esagerata nasconde sempre una motivazione “sottostante”. Deduzione in parte confermata dalla sovrabbondanza di punti esclamativi e di lettere maiuscole, che rivela sempre un'esigenza di compensare un sentimento d'insicurezza. Confermata ancor di più dal tuo rifiuto della parola “senso di colpa”. Di che cosa “senti” di dover farti perdonare? Sono sicuro che hai (avuto) un cattivo rapporto con tuo padre. I sensi di colpa, detto in generale, sono solo il frutto di un'educazione troppo severa, colpevolizzante.
Il tuo 'post' è anche indirizzato male. Capisco che senti il bisogno di sfogarti, di sfogare la tua rabbia, ed hai bisogno di un bersaglio, e parli “a prescindere”, e insegui ed assecondi un tuo pregiudizio. Ma ragionare per pregiudizi non è mai segno d'intelligenza. Vedo anche che usi il “voi”. Ma visto che rispondi a me, debbo almeno presumere di essere anch'io tuo bersaglio. Io ho sempre stimato poco Togliatti (è un eufemismo); trovavo insopportabile Berlinguer quando ha posto - e soprattutto il modo in cui l'ha posta - la famosa “questione morale”; a differenza di Veltroni, visto che lo citi, non sono mai stato dirigente di nulla, sono stato anche tesserato per un anno (avevo già 33 anni), per fare qualcosa di utile (la prima cosa che ho fatto è stata quella di pitturare con altri 3 compagni - su 80 - ed a mie spese la sezione, indecente), ma ne sono scappato sia perché non avevo i requisiti per fare attività politica, sia perché tra compagni non si era leali e la preoccupazione maggiore di qualcuno era quella di mettere i bastoni tra le ruote. E mi sono messo a lavorare coi socialisti. Una  volta mi sono trovato nel gruppo di lavoro che andavo organizzando (che poi è diventata Commissione comunale) anche un fascista. Poi ho lasciato perdere per 30 anni, fino alla nascita del PD.
E per favore non mi parlare di rifondaroli, ché io (l'ho già scritto, discutendo con Vanishing) li definisco “ottusi” (= intelligentoni): praticamente una iattura.
Che cosa vuoi che sia “compagno”? Io personalmente non ho scheletri nell'armadio,  è una parola che non mi dispiace. Il tuo rifiuto di essa rimanda ad altro, facci una riflessione.
Parli proprio tu di pianto greco? Non fai altro che piangere e lamentarti (come il 90% degli Italiani). Ma stai tranquillo, lavora, rispetta gli altri e sii più tollerante, non fare il padre severo: il nemico è Berlusconi, non i compagni comunisti. 
Infine, Obama: propongo di mettere una sanzione pecuniaria a chi mette in mezzo a sproposito il nome di Obama. A me è simpatico, ma che c'entra Obama?
 
***
 
Sono non credente. Mi sono iscritto tardi al PCI (nel 1979) per una scelta non ideologica, ma concreta, pragmatica, e lo sono rimasto non per molto, sia per una mia "inadeguatezza" agli usi ed ai rituali politici, sia perché deluso dalla qualità dei compagni e della cultura politica del partito.
Mi è stato naturale tenere distinta la scelta politica da quella religiosa.
Poiché non ho storie o eredità da rivendicare, né ho scheletri nell'armadio, colpe da scontare, abiure da fare, non ho nessun problema ad usare il bell'appellativo di "compagno".
Senza denigrarlo o mitizzarlo, quindi, ma purché si accompagni ad una visione politica moderna, pragmatica, riformista, rivolta al futuro.
  

Sfoglia gennaio        marzo
temi della settimana

fake news sviluppo intellettuale commissione europea governo monti bersani banca d'italia pd italia economia curiosita' sessuali ue bce sessualità germania riforma delle pensioni fornero renzi berlusconi pensioni debito pubblico imposta patrimoniale



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0