.
Annunci online

Tre misfatti quasi sconosciuti del fu governo dei tecnici

 
Tre misfatti quasi sconosciuti del fu governo dei tecnici
 
Come è noto ai frequentatori di questo blog, io sono un anti-montiano (ho scritto ben 7 post di critiche al governo Monti [1]), ma ho riconosciuto volentieri che le manovre da esso varate sono state molto più eque di quelle partorite dal duo di incompetenti Berlusconi-Tremonti. [2]
Ora vorrei aggiungere ai miei rilievi critici questi altri che concernono tre decisioni del governo Monti, che sono dei veri e propri misfatti, tanto gravi quanto quasi sconosciute (in particolare la seconda e la terza).
 
Aumento delle aliquote IRPEF.
Il primo misfatto, forse più noto, riguarda il mancato aumento delle aliquote IRPEF del 41 e del 43%, nell’ambito del decreto Salva-Italia (DL 201/2011), che avrebbe colpito i redditi dei ricchi e dei più abbienti. Mancato aumento che, a mio avviso, dipese dallo stop espresso da Alberto Alesina e Francesco Giavazzi (sicuri oggetto del provvedimento) in un editoriale apparso sul Corriere della Sera del 4 dicembre 2011. [3]
 
Risarcimenti per macrodanni.
Il secondo misfatto riguarda la modifica della tabella dei risarcimenti per macrodanni, a vantaggio delle società assicuratrici, varata poco prima che il governo terminasse il suo mandato. Ho ricavato questa notizia dalla newsletter dello Studio Cataldi:
RISARCIMENTI per i MACRO DANNI in RCA e MALPRACTICE - In extremis la scure del Governo Monti
http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_13350.asp
 
IVA sui capitali “scudati”.
Il terzo misfatto riguarda i capitali “scudati”, che, per volere del governo Berlusconi-Tremonti, poterono rientrare in Italia pagando appena il 5% d'imposta. Il governo Monti, facendo un grazioso regalo ai ricchi evasori, ha varato una norma apposita per impedire il recupero dell’IVA su tali capitali.
Ho ricavato questa notizia, che anche io ignoravo del tutto, dall’ultima newsletter (la n. 47 del maggio 2013) dell’europarlamentare dell’IDV Niccolò Rinaldi (la sottolineatura è mia): 
2. La vera battaglia dell'Europa: contro la grande evasione
Dei doveri del candidato si parla altrove - nei "bollettini" della mozione "Le ali del gabbiano".
La credibilità di un candidato si fonda anche sul lavoro svolto nelle Istituzioni, che va avanti senza soste. Anzi. Questa settimana in plenaria a Strasburgo abbiamo lanciato un'iniziativa europea di lotta ai paradisi fiscali (intervento in plenaria e comunicato). Non è materia nuova per me, visto che nel 2010 insieme a De Magistris, Uggias, Vattimo e Prodi, avevo confezionato un ricorso legale contro lo scudo fiscale del governo Berlusconi, che ha permesso il rimpatrio di 105 miliardi con la modica tassazione del 5%. Alla Commissione europea avevamo chiesto di verificare quella che a noi pare un'incompatibilità del provvedimento con le norme UE sul riciclaggio, l'IVA (che in parte é risorsa propria dell'UE, che non può essere sanata da un provvedimento nazionale), e la libertà di concorrenza (per chi ha evaso e rimpatria con una bazzecola è facile competere con chi ha tenuto i soldi in Italia pagandoci le tasse). Ci sono voluti due anni estenuanti di traccheggiamenti della Commissione, con pesanti interferenze politiche, per arrivare a una nostra parziale vittoria: la richiesta europea di recuperare l'IVA. Una richiesta d'inizio 2012 ignorata dai media, ma non dal governo Monti, che aggirò il dispositivo europeo che intimava di recuperare l'IVA sui capitali scudati (parliamo di una cifra fino a venti miliardi, mica poco), con un decreto che vincolava il pagamento dell'IVA, e senza penalità, di fatto solo in caso di accertamento fiscale. Una vergogna, una delle peggiori di quel governo. Nel complesso neanche l'Europa fu molto più onorevole. Ma quello che venne fuori è che l'UE non era attrezzata alla lotta contro l'evasione, ai paradisi fiscali, alle stesse furberie di alcuni governi. Non sono abituato a lasciare una cosa per strada, e persistiamo, e questa settimana abbiamo avviato un percorso che avrà i suoi tempi, ma che se messo sui giusti binari creerà un meccanismo formidabile contro i paradisi fiscali, evitando a monte il rimpatrio scudato dei capitali. Lo abbiamo già proposto oltre un anno fa nei Dieci punti per un governo europeo dell'economia, rispetto alla Svizzera: un accordo tra UE e Svizzera per la tassazione dei depositi bancari dei cittadini UE nella Confederazione, è capace di strappare condizioni molto migliori rispetto a quanto possano fare accordi bilaterali. Applicato anche ai paradisi off-shore, i rapporti di forza comincerebbero a cambiare.
http://www.niccolorinaldi.it/chi-sono/europee/1731-europea-47.html
 
[1] 1. Il governo Monti al capolinea (27/8/2012)
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2751835.html 

2. Il Prof. Monti e lo statuto dei lavoratori, manovra diversiva, in parte persino inconsapevole (15/9/2012)
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2753968.html

3. La macroscopica mistificazione pro-Monti e la slealtà dei democratici ‘montiani’ (2/10/2012)
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2756061.html

4. Fuoco incrociato, Grilli fucilato (3/10/2012)
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2756283.html 

5. Chi è nato tondo non può morire quadrato (20/11/2012)
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2762325.html

6. Il Prof. Mario Monti, il millantatore (4/12/2012)
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2764086.html

7. Il missionario Mario Monti (21/12/2012)
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2765922.html 

[2] Il lavoro ‘sporco’ del governo Berlusconi-Tremonti
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2747515.html

[3] TROPPE TASSE E POCHI TAGLI
Caro presidente no, così non va
4 dicembre 2011
http://www.corriere.it/editoriali/11_dicembre_04/alesina_giavazzi-presidente-cosi-non-va_0205d1da-1e50-11e1-b26c-4b15387dad1c.shtml

L’autore di questo post la pensa come me:

I ricchi che non si percepiscono come tali
http://www.borgorosso.org/2011/12/i-ricchi-che-non-si-percepiscono-come.html
 

Aggiornamento
 
http://www.niccolorinaldi.it/images/stories/rinaldi/attivitaparlamentare/SCUDO%20FISCALE%20e%20BANCA%20DITALIA.pdf

NB: Purtroppo, poiché Niccolò Rinaldi non è più europarlamentare, le sue utili newsletter non sono più accessibili. 



 

Sfoglia aprile        giugno
temi della settimana

renzi sessualità sviluppo intellettuale monti ue bersani banca d'italia germania draghi psicologia debito pubblico economia imu berlusconi pd pensioni sesso curiosita' sessuali bce imposta patrimoniale



ultimi commenti
9/6/2017 10:00:22 AM
gui.manuele@gmail.com in Le proposte del Partito Democratico/3 - Fisco
"Finanziamenti a persone che hanno bisognoOfferta di prestito promozional per chiudere in bellezza ..."
1/17/2017 1:20:45 PM
magnagrecia in Dialogo breve tra il Prof. Andrea Ichino e me sulla dannosità degli asili nido
"Lo aspetto con interesse.Grazie del commento."
1/17/2017 10:52:54 AM
da _Giamba_ in Dialogo breve tra il Prof. Andrea Ichino e me sulla dannosità degli asili nido
"Ripromettendomi di mettere giù,quando avrò tempo,un intervento più dettagliato ed esaustivo sul ..."
1/7/2017 6:14:58 PM
Tommaso in M5S, dilettanti allo sbaraglio
"é arrivato Mosca .. ma vada via i ciap, ti e quella fogna del Pd"
7/29/2016 12:55:41 PM
magnagrecia in Lo spinello libero è una scelta comparativamente più razionale
"Papà rompicoglioni, eh? Grazie del commento."


links


archivio

Blog letto1082935 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0