.
Annunci online

Eliminare l’Euro o ridurre lo strapotere della Germania?

 
Perchè e come l'euro va eliminato
di Domenico Moro
Lunedì 14 Aprile 2014
http://www.sinistrainrete.info/index.php?option=com_content&view=article&id=3598:domenico-moro-perche-e-come-leuro-va-eliminato&catid=44:europa&Itemid=82
 
“La Bce, al contrario, ha come suo compito esclusivo il controllo dell’inflazione
“questo comporterebbe mettere in discussione l’architettura dell’euro”.
 

Articolo molto interessante. Ma mi permetto di fare alcune osservazioni.

1. Non è vero che la BCE ha il compito esclusivo del controllo dell’inflazione. Essa ha anche quello di sostenere le politiche economiche generali dell’UE:

“L’obiettivo principale del Sistema europeo di banche centrali [...] è il mantenimento della stabilità dei prezzi.”
Inoltre, “fatto salvo l’obiettivo della stabilità dei prezzi, il SEBC sostiene le politiche economiche generali dell’Unione al fine di contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell’Unione definiti nell’articolo 3 del Trattato sull’Unione europea.”

Il problema è che la Germania, oltre ad avere uno strapotere economico, industriale e commerciale, ha anche uno strapotere nell’interpretazione e nell’applicazione dei trattati.

Faccio rilevare che, nel sito della BCE, c’è stata una modifica recente e del link e del testo relativo alle funzioni. Riporto integralmente la nuova e la vecchia versione (ormai introvabile): la differenza tra le due versioni è costituita dall’aggiunta, negli obiettivi, del periodo che comincia con “L’UE si pone diversi obiettivi…”, nel quale – non a caso - viene enfatizzata anche per l’UE l’esigenza della stabilità dei prezzi. 

Nuova versione:

Funzioni
Le funzioni del Sistema europeo di banche centrali (SEBC) e dell’Eurosistema sono definite dal Trattato sul funzionamento dell’Unione europea e specificate dallo Statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea. Lo Statuto figura come protocollo allegato al Trattato.
In genere, il Trattato sul funzionamento dell’Unione europea fa riferimento al SEBC e non all’Eurosistema, essendo stato redatto in base all’assunto che tutti gli Stati membri dell’UE avrebbero adottato l’euro. L’Eurosistema è formato dalla BCE e dalle banche centrali nazionali (BCN) degli Stati membri dell’UE la cui moneta è l’euro, mentre il SEBC comprende la BCE e le BCN di tutti i paesi dell’UE (articolo 282, paragrafo 1, del Trattato). La distinzione fra Eurosistema e SEBC continuerà a essere necessaria finché vi saranno Stati membri dell’UE che non hanno adottato l’euro.
Obiettivi
L’articolo 127, paragrafo 1, del Trattato sancisce che
“L’obiettivo principale del Sistema europeo di banche centrali [...] è il mantenimento della stabilità dei prezzi.”
Inoltre, “fatto salvo l’obiettivo della stabilità dei prezzi, il SEBC sostiene le politiche economiche generali dell’Unione al fine di contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell’Unione definiti nell’articolo 3 del Trattato sull’Unione europea.”
L’UE si pone diversi obiettivi (articolo 3 del Trattato sull’Unione europea), fra i quali lo sviluppo sostenibile dell’Europa, basato su una crescita economica equilibrata e sulla stabilità dei prezzi, su un’economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale. Pertanto, la stabilità dei prezzi non è solo l’obiettivo primario della politica monetaria della BCE, ma anche un obiettivo dell’intera Unione europea. Il Trattato sul funzionamento dell’Unione europea e il Trattato sull’Unione europea stabiliscono una chiara gerarchia diobiettivi per l’Eurosistema, rimarcando come la stabilità dei prezzi sia il contributo più importante che la politica monetaria può dare al conseguimento di un contesto economico favorevole e di un elevato livello di occupazione.
Funzioni fondamentali
In base all’articolo 127, paragrafo 2, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, i compiti fondamentali da assolvere tramite l’Eurosistema sono:

         definire e attuare la politica monetaria per l’area dell’euro
         svolgere le operazioni sui cambi
         detenere e gestire le riserve ufficiali dei paesi dell’area dell’euro (gestione di portafoglio)
         promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento.
Ulteriori funzioni
        Banconote: la BCE ha il diritto esclusivo di autorizzare l’emissione di banconote all’interno dell’area                  dell’euro.
         Statistiche: in collaborazione con le BCN, la BCE acquisisce le informazioni statistiche necessarie ad              assolvere i compiti del SEBC dalle autorità nazionali, oppure direttamente dagli operatori economici.
         Stabilità finanziaria e vigilanza prudenziale: l’Eurosistema contribuisce alla regolare conduzione delle                politiche delle autorità competenti in materia di vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e di stabilità del            sistema finanziario.
         Cooperazione a livello internazionale ed europeo: la BCE intrattiene relazioni operative con istituzioni,              organi e consessi, all’interno dell’UE e a livello mondiale, negli ambiti di competenza dell’Eurosistema.
http://www.ecb.europa.eu/ecb/tasks/html/index.it.html

 

Vecchia versione:

Le funzioni del SEBC e dell’Eurosistema sono definite dal Trattato che istituisce la Comunità europea e specificate dallo Statuto del Sistema europeo di banche centrali (SEBC) e della Banca centrale europea (BCE). Lo Statuto figura come protocollo allegato al Trattato.
Il Trattato fa riferimento al “SEBC” e non all’“Eurosistema”, essendo stato redatto in base all’assunto che tutti gli Stati membri dell’UE adotteranno l’euro. Fino a tale momento sarà l’Eurosistema a svolgere le funzioni stabilite dal Trattato.
Obiettivi
“L’obiettivo principale del SEBC è il mantenimento della stabilità dei prezzi”.
Inoltre,“fatto salvo l’obiettivo della stabilità dei prezzi, il SEBC sostiene le politiche economiche generali nella Comunità al fine di contribuire alla realizzazione degli obiettivi della Comunità definiti nell’articolo 2” (articolo 105, paragrafo 1, del Trattato che istituisce la Comunità europea).
Gli obiettivi dell’UE (articolo 2 del Trattato sull’Unione europea) sono un elevato livello di occupazione e una crescita sostenibile e non inflazionistica.
Funzioni fondamentali
In base al Trattato che istituisce la Comunità europea (articolo 105, paragrafo 2)le funzioni fondamentali sono:
         definire e attuare la politica monetaria per l’area dell’euro
         svolgere le operazioni sui cambi
         detenere e gestire le riserve ufficiali dei paesi dell’area dell’euro (si veda gestione di portafoglio)
         promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento.
Ulteriori funzioni
         Banconote: la BCE ha il diritto esclusivo di autorizzare l’emissione di banconote all’interno dell’area                  dell’euro.
         Statistiche: in collaborazione con le BCN, la BCE acquisisce le informazioni statistiche necessarie per              lo svolgimento dei propri compiti dalle autorità nazionali competenti, oppure direttamente dagli                        operatori economici.
         Stabilità finanziaria e vigilanza prudenziale: l’Eurosistema contribuisce alla regolare conduzione delle                politiche perseguite dalle autorità competenti in materia di vigilanzaprudenziale sulle istituzioni                        creditizie e di stabilità del sistemafinanziario.
         Cooperazione a livello internazionale ed europeo: la BCE intrattiene relazioni operative con istituzioni,              organi e consessi in seno all’UE e al di fuori dell’UE, negli ambiti di competenza dell’Eurosistema.
http://www.ecb.int/ecb/orga/tasks/html/index.it.html 


2. Io non so se è possibile l’uscita dall’Euro (propendo per il sì), ma in alternativa o nel frattempo occorrerebbe cercare di adottare alcune misure, forse più facili dell’uscita dalla moneta unica, anche se anch’esse di difficile realizzazione:

a) all’interno:

- cancellare l’obbligo costituzionale del pareggio di bilancio, anche se nell’articolo si parla di “equilibrio” e non di “pareggio” [1] ed esso va considerato in termini strutturali, cioè al netto del ciclo economico (ma anche su questo punto qualche funzionario UE ciurla nel manico [2]);

- apprestare alcune contromisure contro il fiscal compact; [3]

- varare un piano taglia-debito pubblico con un prelievo straordinario sulla ricchezza della metà del decile più ricco delle famiglie; [4]

- continuare la revisione della spesa pubblica, finalizzata non ad una sua riduzione, ma ad una sua riqualificazione.

b) all’esterno:

- modificare e far rispettare, prevedendo delle sanzioni analoghe alla procedura d’infrazione per deficit eccessivo (maggiore del 3%), dal 6% al 3% il limite del surplus commerciale; [5]

- mutualizzare la quota di debito pubblico che supera il 60% attraverso l’emissione di Eurounionbond, secondo la proposta Prodi-Quadrio Curzio, che contempla il conferimento a garanzia dell’oro e di azioni di aziende pubbliche. [6]

 
[1] Art. 81 Cost.
http://www.senato.it/1025?sezione=127&articolo_numero_articolo=81
[2] Una previsione europea difficile da accettare
Stefano FantaconePetya Garalova e CarloMilani
http://www.lavoce.info/disoccupazione-di-equilibrio-fiscal-compact/
[3] Fiscal compact, piove, anzi diluvia, sul bagnato. Alcune contromisure
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2805158.html
[4] Piano taglia-debito per la crescita
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2792930.html
[5] GermaniasquilibrisurplusUe di Domenico Mario Nuti
Il surplus tedesco e gli squilibri europei
I paesi debitori sono stati forzati ad adottare misure di austerità, mentre i surplus tedeschi hanno contribuito a tenere depressa l’economia mondiale
http://www.sbilanciamoci.info/Sezioni/globi/Il-surplus-tedesco-e-gli-squilibri-europei-21039
[6] EuroUnionBond per la nuova Europa
di Romano Prodi e Alberto Quadrio Curzio
http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2011-08-22/eurounionbond-nuova-europa-201300.shtml
 

Articoli collegati:

Alcune riflessioni sull’euro
di Andrea Baranes
Giovedì 24 aprile 2014
http://www.sinistrainrete.info/index.php?option=com_content&view=article&id=3623:andrea-baranes-alcune-riflessioni-sulleuro&catid=44:europa&Itemid=82

Parigi e Berlino litigano sull'euro. Ma è compito della Bce occuparsi del cambio?
di Riccardo Sorrentino  5 maggio 2014
http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-05-05/parigi-e-berlino-litigano-euro-ma-non-e-compito-bce-occuparsi-cambio--155512.shtml 

L’euro, la lira e il falso mito della sovranità
02.05.14
Lorenzo Bini Smaghi
http://www.lavoce.info/euro-lira-falso-mito-della-sovranita/

Euro e Austerity: la tenaglia che ci stritola
Vladimiro Giacchè
Giovedì 08 Maggio 2014
http://www.sinistrainrete.info/index.php?option=com_content&view=article&id=3668:vladimiro-giacche-euro-e-austerity-la-tenaglia-che-ci-stritola&catid=44:europa&Itemid=82
 
Joseph Stiglitz: "L'euro un errore, ma non si può tornare indietro"
Roberta Carlini
06 maggio 2014
http://espresso.repubblica.it/affari/2014/05/06/news/joseph-stiglitz-l-euro-un-errore-ma-non-si-puo-tornare-indietro-1.163912

Sopravviverà l'euro? Analisi del suo futuro
Joseph Stiglitz
20/05/2014
http://www.eguaglianzaeliberta.it/articolo.asp?id=1739

In economia Obama surclassa la Merkel e l'Eurozona perde mille miliardi l'anno
E' il risultato di uno studio condotto da un professore di Berlino: con le politiche espansive americane, l'Europa sarebbe già uscita dalla crisi. L'austerity, invece, continua a minacciare la ripresa. Nonostante le politiche di tagli, il debito del Vecchio continente è anche aumentato
di Maurizio Ricci
24 maggio 2014
http://www.repubblica.it/economia/2014/05/24/news/eurozona_eurobaromtro-86973547/
 
Euro, quelli che ‘se ne usciamo ci sarà la corsa agli sportelli’ (Diritto di replica)
di Alberto Bagnai
Giovedì 22 Maggio 2014
http://www.sinistrainrete.info/index.php?option=com_content&view=article&id=3715:alberto-bagnai-euro-quelli-che-se-ne-usciamo-ci-sara-la-corsa-agli-sportelli-diritto-di-replica&catid=44:europa&Itemid=82 

Lo spettro della deflazione e la BCE
Enrico Sergio Levrero* - 16 Maggio 2014
http://www.economiaepolitica.it/index.php/europa-e-mondo/lo-spettro-della-deflazione-e-la-bce/

Non è un paese per #noeuro
Pubblicato da keynesblog il 27 maggio 2014 in EconomiaEuropaibtItalia
http://keynesblog.com/2014/05/27/non-e-un-paese-per-noeuro/

Il vero "bail-out"? Quello della Germania
Scritto da Thomas Fazi on 21 Giugno 2014
“Che conclusioni possiamo trarre da questi dati? Prima di tutto che sarebbe il caso di smetterla di dire che la Germania ha “sborsato molti soldi” per salvare le povere economie della periferia, quando in realtà è accaduto esattamente l’inverso”.
http://www.scenariglobali.it/europa/675-il-vero-bail-out-quello-della-germania.html

Euro sì-Euro no: ecco i veri effetti sull'Italia
L'impatto dell’euro su commercio estero, inflazione, spread e produttività del sistema Italia
Paolo Manasse, Tommaso Nannicini, Alessandro Saia
20/12/2013
http://www.linkiesta.it/effetti-euro-italia

Paolo Savona: Europa democratica o abbandono dell’euro
19 - 11 – 2014 Edoardo Petti
http://www.formiche.net/2014/11/19/lalternativa-paolo-savona-europa-democratica-o-abbandono-delleuro/

Gli effetti di un’uscita dall’euro su crescita, occupazione e salari
Riccardo Realfonzo e Angelantonio Viscione - 22 gennaio 2015
L’analisi tecnica dimostra che hanno torto sia i catastrofisti sostenitori dell’euro senza se e senza ma sia gli ingenui teorici della moneta unica come origine di tutti i mali. L’euroexit potrebbe essere una strada per tornare a crescere, ma al tempo stesso cela gravi rischi, soprattutto per il mondo del lavoro. A ben vedere, tutto dipende da come si resta nell’euro e da come, eventualmente, se ne esce.
http://www.economiaepolitica.it/primo-piano/gli-effetti-di-unuscita-dalleuro-su-crescita-occupazione-e-salari/



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia euro ue germania

permalink | inviato da magnagrecia il 25/4/2014 alle 21:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia marzo        maggio
temi della settimana

imposta patrimoniale bce debito pubblico sviluppo intellettuale crisi economica germania pensioni riforma delle pensioni fornero bersani ue renzi berlusconi banca d'italia fake news sessualità economia curiosita' sessuali pd commissione europea governo monti



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0