.
Annunci online

Italia-Costarica 0-1

 

Io ho giocato a calcio, da ragazzo, ero abbastanza bravo. M'intendo di calcio, so valutare un giocatore (e sono molto severo), o meglio, sapevo, perché prima seguivo molto di più, e senz'altro preferivo - e anticipai la “scelta”, prima che iniziasse la finale ripetuta dopo 2 giorni dell’Europeo ’68 in Italia [1] (ma non ricordo manco più i diversi giocatori che subentrarono); o al mondiale '70 in Messico [2] - il grande Rosato (scomparso pochi anni fa) all'autolesionista e mediocre Niccolai (che... per fortuna s'infortunò nella prima partita), o – al  mondiale '78 in Argentina [3] – il giovane Cabrini al più esperto Maldera, o il giovanissimo Paolo Rossi che giocava nel Vicenza e quindi non era sostenuto da un grande club (impressionante la sua prestazione come ala destra in una partita internazionale); e poi Dino Baggio, Donadoni e così via.

Quando ero a Milano (5 anni e mezzo, per lavoro), a S. Siro andavo poche volte: mi impressionarono solo 2 giocatori: Gigi Riva, soprannominato da Gianni Brera “Rombo di tuono”, e - pur essendo io un estimatore di Mazzola - Gianni Rivera, che giocava solo 20 minuti in una partita (l’infaticabile Giovanni Lodetti correva anche al posto suo), ma vedevi il gioco illuminarsi. Leggevo il grande Gianni Brera, che allora scriveva su Il Giorno e poi nel '76 passò a la Repubblica, e mi trovavo sempre d'accordo con lui, tranne in un caso: Dino Zoff, ch'egli definiva “il portierone” ed io, dal mondiale del '78 in poi in Argentina, “il mongoloide”.

Ma di tattica la penso come Gianni Rivera: non so un tubo. Sono rimasto ancora al portiere, 2 terzini, di cui uno fluidificante, 2 mediani, un centromediano, 2 ali, 2 mezzali e un centravanti. Anche se so per esperienza (negli ultimi anni, nel torneo aziendale, giocavo da regista) che la disposizione dei giocatori in campo è importante, ma se hai visione di gioco te ne accorgi e provvedi empiricamente.

Anche oggi mi intendo poco di tattiche di gioco, anzi meno di prima, ché le tattiche sono millanta, ma riesco ancora a valutare un giocatore, e sono sempre molto severo, poiché nel calcio amo la perfezione, almeno come aspirazione, e cerco di seguire i dettami di Brera, che, di ciascun giocatore, esaminava le caratteristiche fisico-atletiche (illuminante, in un tempo in cui si marcava a uomo, la sua considerazione sul baricentro in rapporto all’altezza e quindi la ripartizione tra brevilineo, normolineo e longilineo, ma aggiungendo che esistono dei normolinei di statura alta), tattiche, psicologiche e morali; riteneva lo stile, assieme ad altre qualità, una delle componenti della classe.

Ed allora mi capirete e forse mi scuserete se dico francamente che non ho apprezzato per niente certe scelte individuali dell’allenatore Prandelli nella partita Italia-Costarica (ma mi capitava anche prima). Mi riferisco, in particolare, al bradipo [4] Thiago Motta, al mediocre Abate, all’evanescente Cassano, che mai avrei convocato in Nazionale. Il primo a me sembra troppo lento fisicamente e mentalmente, inadeguato ai ritmi attuali. Il secondo a me pare un giocatore potenzialmente dotato, ma nei fatti un buon giocatore di serie B. Il terzo – lo confesso - non mi è mai piaciuto, sia per ragioni caratteriali sia per ragioni tecniche, anche quando era giovane e istintivamente faceva giocate di classe. Sottolineo istintivamente, poiché a me pare che egli accusi abitualmente una sorta di cesura tra raziocinio e gesto calcistico; fateci caso: capita spesso di vederlo lanciare la palla o triangolare, con sussiego da campione, scambiando, però, - come dire?- un avversario… per un proprio compagno. Ora, per giunta, è vecchio ed imbolsito.

Per quanto riguarda gli altri, dico questo:

- Col senno di poi, forse era meglio non far giocare Buffon, non al massimo della forma e quindi non sempre lucido e reattivo.

- Il mancino Chiellini, un leone come volontà ed impegno, non mi è mai piaciuto molto, ha per me 2 difetti: il meno grave è che, non avendo piedi “buoni”, pretende di fare i lanci lunghi ed è incapace di crossare; il più grave, come stopper, di essere (come scriveva Brera) unipede (ricordo che, prima della finale del campionato mondiale in Germania, [5] scrissi una lettera virtuale all’allenatore Lippi perché non schierasse l’altro unipede mancino Materazzi, perché avrebbe commesso un fallo da rigore su Henry, che l’avrebbe attaccato sul lato del piede destro, come in effetti successe, anche se non fu Henry ma Malouda).

- De Rossi, forse acciaccato, è diventato un giocatore normale, senza guizzi e tiri da fuori.  

- Barzagli a me piace, fin da quando giocava nell’Under 21 ed era sottovalutato perché non militava in una squadra di primo livello; personalmente ne... caldeggiai la convocazione in Nazionale A al posto dello sleale Materazzi, per me indegno di giocare in Nazionale.

- Marchisio è uno dei migliori, sia come impegno, sia per corsa, sia per acume tattico, sia per qualità dei passaggi, sia per stile, sia nell’inclinazione naturale a finalizzare, che dovrebbe essere la preoccupazione normale di ogni giocatore.

- Pirlo è un grande, ma contro il Costarica è stato inferiore alle attese; fisicamente mi sembra a posto, secondo me non è tranquillo, forse a causa della recente separazione dalla moglie.

- Mai visto prima Darmian, sul quale esprimo un giudizio complessivo positivo.

- Insigne, che conoscevo già appena appena, mi sembra un peperino potenzialmente utile alla squadra perché capace di saltare l’uomo, ma che rischia, come Giovinco ed altri giocatori minuti, di essere sistematicamente sovrastato fisicamente in campo internazionale.

- Balotelli, capace sì di grossi exploit quando è guidato dall’istinto, ma anche di errori madornali quando è costretto al ragionamento; grossi problemi di autostima.

- Infine Prandelli, che ne sa molto, molto più di me in fatto di tattica, credo meno di me in fatto di scelte individuali e di “lettura” della partita e conseguente gestione delle sostituzioni.

 

PS: Non avevo mai visto prima Immobile, non mi è piaciuto nello scorcio di tempo in cui è stato impiegato nella partita contro l’Inghilterra: o era in fuorigioco o era impreciso nei passaggi.

 

[1] http://it.wikipedia.org/wiki/Campionato_europeo_di_calcio_1968

[2] http://it.wikipedia.org/wiki/Campionato_mondiale_di_calcio_1970

[3] http://it.wikipedia.org/wiki/Campionato_mondiale_di_calcio_1978

[4] http://it.wikipedia.org/wiki/Bradypus

[5] http://it.wikipedia.org/wiki/Campionato_mondiale_di_calcio_2006

 

 

Post collegato:

Il giocattolo calcio
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2741511.html
 

 

 

Sfoglia maggio        luglio
temi della settimana

fake news sviluppo intellettuale commissione europea governo monti bersani banca d'italia pd italia economia curiosita' sessuali ue bce sessualità germania riforma delle pensioni fornero renzi berlusconi pensioni debito pubblico imposta patrimoniale



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1679800 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0