.
Annunci online

S&P’s declassa l’Italia a BBB-

 
I TEMPI DELLE RIFORME
Italia declassata, non possiamo rassegnarci a finire sempre in castigo
Manca pochissimo per essere considerati un Paese le cui emissioni di titoli sono «spazzatura». Si temono i decreti attuativi del Jobs Act
di Daniele Manca
6 dicembre 2014
http://www.corriere.it/economia/14_dicembre_06/italia-declassata-non-possiamo-rassegnarci-finire-sempre-castigo-2b4aa32a-7d13-11e4-878f-3e2fb7c8ce61.shtml
 
Le AGENZIE DI RATING sono da tempo un problema molto serio. In questa guerra in atto tra l'infima minoranza di ricchissimi (ben rappresentati e guidati dalla "cupola" delle 9 più grandi banche) e tutti gli altri, le agenzie di rating svolgono il ruolo di loro utili idioti ben retribuiti. Il presidente della BCE Mario Draghi, nonostante lo avesse indicato come rilevante da presidente del Financial stability board, non ha risolto il problema delle agenzie di rating. Neppure la Commissione Europea, che, nel 2013, su iniziativa soprattutto di Leonardo Domenici, relatore del Parlamento Ue sul regolamento sulle agenzie di rating,[1] ha emanato una modifica al regolamento del 2009, in particolare per quanto riguarda la valutazione dei debiti sovrani, che è stato solo un primo passo.[2] Si è anche parlato più volte di creare un’agenzia di rating europea, ma la sua costituzione è rimandata al 2016. Non è la prima volta che Standard&Poor's ci declassa perché non variamo le c.d. riforme strutturali, sorvolando sull’obiezione che esse non possono che produrre i loro effetti nel lungo termine; poi quando le variamo, ci declassa perché le riforme strutturali produrranno i loro effetti solo nel lungo periodo. Logica stortignaccola davvero sospetta. Non so quanto sia attendibile, ma ho letto che la speculazione finanziaria USA starebbe preparando per fine anno o inizio del prossimo un secondo attacco contro l’Euro; come ventila qualche analista, questa mossa di S&P's è tesa a condizionare preventivamente le mosse di Draghi.
 
Se si approfondisce un po’ la materia si vede, per fare qualche esempio, che le c.d. “agenzie” non sono Enti pubblici, ma società private di consulenza finanziaria, che esprimono (per loro stessa ammissione) semplici pareri, e lo fanno secondo criteri discrezionali che si rifiutano di esplicitare e che variano tra le diverse società di rating. Insomma, pare ci sia una forte componente politica e discrezionale, inficiata da conflitti di interesse (commistione tra controllati e controllanti). La confusione è alimentata da Autorità pubbliche, che nelle norme che regolano gli investimenti di certi fondi obbligano a investire o disinvestire in base ai rating espressi da tali società.[3]
 
[1] Agenzie rating, Domenici sempre più urgente regolamento Ue
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/economia/2012/11/15/Agenzie-rating-Domenici-sempre-piu-urgente-regolamento-Ue_7800162.html

[2] UE: entrate in vigore norme più severe per le agenzie di rating del credito.
a cura di Giorgiana Grazioli  16-07-2013
http://www.amministrazioneincammino.luiss.it/?p=20128

L'Europa è più severa con le agenzie di rating
di Chiara Bussi  17 giugno 2013
http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2013-06-17/leuropa-severa-agenzie-rating-064025.shtml   

[3] Tutto quello che non è stato volutamente detto sulle società di rating
06-12–2014  Antonio Maria Rinaldi
http://www.formiche.net/2014/12/06/che-stato-volutamente-detto-sulle-societa-rating/


Post e articoli collegati:

La Procura di Trani, Deutsche Bank e Mario Seminerio, il terzo più “stupido” d’Italia
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2846378.html  oppure 
http://vincesko.blogspot.com/2016/05/la-procura-di-trani-deutsche-bank-e.html

S&P paga 1,5 miliardi di dollari per chiudere indagine rating gonfiati
di Marco Valsania3 febbraio 2015
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-02-03/sp-paga-15-miliardi-dollari-chiudere-indagine-rating-gonfiati-151638.shtml

Perché si tace sull’importantissimo processo a Trani contro le agenzie di rating che hanno provocato all’Italia un enorme danno finanziario?
di Mario Lettieri* e Paolo Raimondi**
Giovedì 19 Marzo 2015
http://www.sinistrainrete.info/articoli-brevi/4868-mlettieri-e-praimondi-.html

Processo rating, la procura chiede di condannare S&P e gli analisti
A Trani si chiede la condanna per manipolazione del mercato: 3 anni e mezzo milione di multa al responsabile per l'Europa e gli specialisti del debito
20 gennaio 2017
http://www.repubblica.it/economia/2017/01/20/news/processo_rating_la_procura_chiede_di_condannare_s_p_e_gli_analisti-156447276/ 

Trani, tutti assolti nel processo per il rating italiano
Il Tribunale ha assolto dall'accusa di manipolazione del mercato cinque tra analisti e manager dell'agenzia Standard & Poor's e la stessa società. Le accuse riguardavano il taglio al giudizio italiano
30 marzo 2017
http://www.repubblica.it/economia/finanza/2017/03/30/news/trani_tutti_assolti_nel_processo_per_il_rating_italiano-161789180/

Inchiesta sul rating, lo sfogo del pm di Trani: “Mi hanno lasciato da solo. La verità resta sullo sfondo”
A meno di 24 ore dalla sentenza di assoluzione, il sostituto procuratore Michele Ruggiero affida alla bacheca Facebook le sue riflessioni: "Pensare che i consulenti hanno lavorato gratis"

31 marzo 2017
http://bari.repubblica.it/cronaca/2017/03/31/news/trani_inchiesta_rating_sfogo_su_facebook_pm_michele_ruggiero-161850878/


Riporto un mio precedente commento esplicativo sul tema, pubblicato nel blog di Carlo Clericetti su Repubblica.it:


Ad integrazione del mio commento precedente, allego un altro mio precedente commento nel blog di Carlo Clericetti sul tema del declassamento dell’Italia da parte delle società di rating, con La storia dei rating sull'Italia dal 1995 al 2011:




Sfoglia novembre        gennaio
temi della settimana

sessualità economia imposta patrimoniale ue bersani berlusconi fake news sviluppo intellettuale banca d'italia renzi curiosita' sessuali germania bce pensioni elsa fornero crisi economica educazione pd draghi debito pubblico



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1417197 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0