.
Annunci online

Dialogo sulle colpe della Germania nella crisi economica dell’Eurozona

 
Riporto il dialogo che si è sviluppato a seguito della pubblicazione di questo mio commento (vedi Italia vs UE, dilettanti allo sbaraglio o ciurlatori nel manico
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2842039.html oppure
http://vincesko.blogspot.com/2015/12/italia-vs-ue-dilettanti-allo-sbaraglio.html ).
 

Dilettanti allo sbaraglio o ciurlatori nel manico.

Il modo peggiore per trattare con gli arroganti è l'acquiescenza, per cui è positivo che il ridiventato tosto Renzi – perché evidentemente sollecitato da poteri forti (banche ed ENI), non dai soliti poveri cristi finora massacrati impunemente - abbia ripreso il viso dell’arme con l’UE e la Germania.

Ma comunque non ci siamo affatto: è ridicolo "ventilare" l'ipotesi del ricorso alla Corte di Giustizia europea come se fosse un’arma letale, mentre è un atto normalissimo in una UNIONE di Stati di DIRITTO, usato da tutti i Paesi, perfino dalla Germania quando non può imporre le sue tesi attraverso la prona Commissione europea o il controllato Consiglio Europeo, come avvenne nel caso degli OMT (acquisti illimitati di titoli pubblici da parte della BCE).

Il problema, come si dice, è a monte e attiene allo strapotere della Germania sia nella definizione che nell'interpretazione ed applicazione delle regole, con la complicità di fatto del PSE, il cui capogruppo, indicato da Renzi, leader del partito maggiore nel Parlamento europeo, è ora l’italiano Pittella, uno dei responsabili della débacle dei socialisti nelle trattative per la formazione della Commissione europea, nella quale il PPE controllato dalla Germania, pur avendo preso pochi voti in più rispetto al PSE alle elezioni europee, ha 13 commissari oltre al presidente, mentre il PSE ne ha soltanto 8.

Occorre maggiore durezza, ora che si sono implementate le asserite salvifiche riforme strutturali che tanto piacciono ai neo-liberisti. Perché, ad esempio, l'Italia non pone sul tavolo con forza la violazione del limite del 6% (già sovradimensionato e fatto a sua misura) del surplus commerciale da parte della Germania, che tanti danni arreca e costringe gli altri Paesi ad aggiustamenti infiniti basati esclusivamente sulla deflazione dei salari e dei diritti?

La flessibilità concessa dall'UE all’Italia dello 0,1% (alla Spagna del popolare Rajoy, negli ultimi 3 anni, è stato concesso un rapporto deficit/Pil fino al 7%; un po’ meno alla Francia) è un pannicello caldo somministrato ad un malato grave; l'Italia, dopo aver perso, a causa della crisi esacerbata e resa lunghissima dalla famigerata austerità espansiva imposta dalla Germania, il 25% del suo apparato industriale, costretta nella camicia di forza del fiscal compact, esiziale in recessione poiché questa si autoalimenta, è destinata, checché ne dica il PdC Renzi, ad un inarrestabile declino.

Trattare con la, ad essa sottomessa, Commissione europea significa fare il gioco della Germania: è questa che va stanata! E lo può decidere e fare solo Renzi, se davvero è ridiventato tosto, rimuovendo se occorre dal loro posto i prudenti Padoan e Pittella.

L'attuale assetto incompleto dell'UE/BCE/Euro è squilibrato a favore della Germania, che è quella che ne trae i massimi vantaggi, a detrimento dei partners europei, in particolare quelli periferici. Altro che svenarsi per l'Europa, come raccontano con improntitudine i Tedeschi, diventati bravissimi interpreti del detto napoletano del chiagne e fotte! Segua l'Italia il suggerimento di politici ed intellettuali tedeschi: altro che litigare per un misero 0,2% di flessibilità, solo le minacce forti, come l'uscita dall'Euro, possono sortire qualche effetto con l'arrogante ed egoista Germania.

 
 
Luca B.
ben gli sta.
Quando era interesse del popolo se ne sono sbattutti e questa critica l'hanno chiamato populismo ed antipolitica.
Questa è l'europa per cui Renzi ha preso il 40%. Ce lo chiede l'Europa, di chi era lo slogan alle europee?
Ora che c'è da salvare le chiappe ai ruboschi e ai riva, per quanto mi riguarda possono tranquillamente schiantarsi nello stesso muro che hanno difeso, pagando l'ira di chi è stato truffato e gabbato.
 
 
Gatto P.
Cerchiamo di vedere il lato positivo: finalmente i nodi vengono al pettine. Finalmente, senza tanti giri di parole demagogici, sapremo se ciò che si dice sul conto della Germania padrona e dell'UE tiranna sono roba vera o solo ca22ate a uso e consumo di un poco di populisti, di volta in volta del m5s. pd e lega. Renzi è solo uno che tira la fune verso sè come fanno Kaczynski e Cameron. Si fanno portavoce di egoismi nazionali e basta ma restano comunque privi di idee su come uscire dalla crisi, che per questo usano tutti come strategia l'attacco alla Germania.
 
 
Vincesko
Gatto P., Eppure è semplice come fare 2+2: in recessione è necessaria un’espansione fiscale (aumento di spesa e/o taglio di tasse favorendo i redditi più bassi, ad alta propensione al consumo, per aumentare la domanda); in tempi di vacche grasse, il contrario. I Paesi dell'Eurozona non hanno più la sovranità economica di bilancio, devono stare nei limiti stabiliti dall'UE. Siccome la Germania non vuole, l’UE non consente politiche anticicliche, e da 7 anni la stragrande maggioranza dei Paesi EUZ è o in stagnazione o in recessione o, come l’Italia, in depressione economica. Dati questi vincoli, non soltanto Renzi ma neppure Mandrake potrebbe uscire dalla crisi.
 
 
Tiziano L.
Gatto P. Non è affatto vero che Renzi sia privo di idee, è da quando è al governo cioè 18 mesi che chiede di fare politiche espansive come gli Stati Uniti e non recessive come i dementi teutonici.
 
 
Gatto P.
Tiziano L., Se conoscesse almeno un concetto, quello di economia di scala, eviterebbe paragoni con gli USA. L'UE è formata da 28 economie senza un tesoro unico, non da un solo grande Stato.
Molti di questi 28 in passato hanno scialacquato pur sapendo che non potevano rifinanziare il debito. Per questo i debiti noi non li possiamo più fare: che ne sarebbe della stabilità, se ognuno si rimettesse a fare come gli pare? Poi non trova che sia è stupido attaccare un paese solo come se fosse il capro espiatorio degli altri 27?
 
 
Vincesko
Gatto P., Scusami, hai idee poche e confuse. Non sarò breve.
1. L’economia di scala c’entra come cavolo a merenda, o almeno solo per quanto attiene a certi tipi di spese, come quelle militari, in cui ci sono duplicazioni e quindi sprechi, per cui un esercito unico produrrebbe sicuramente dei risparmi di spesa.[1] Per altri aspetti no.

2. Infatti, è vero che l’UE è formata da 28 Paesi, ma per alcune materie, ad esempio proprio la politica di bilancio e fiscale, essi hanno ceduto la loro sovranità all’UE, quindi è come se fossero uno solo. Possono decidere le singole misure fiscali, ma a condizione che il limite del 3% del deficit venga rispettato. Di più, devono (dovrebbero ma la sua applicazione viene rinviata di anno in anno poiché anche i “deficienti” che comandano in UE si sono accorti che sarebbe devastante e insostenibile) rispettare il fiscal compact, quindi: a) non più limite del 3% del rapporto deficit/Pil, ma pareggio strutturale di bilancio; e b) riduzione di 1/20 all’anno del debordo rispetto al 60% del rapporto debito/Pil.

3. Che alcuni Paesi abbiano scialacquato, forse è vero, ma in ogni caso sono meno di quel che si pensa. E comunque non vi fa parte l’Italia, che tutti i milioni di ignoranti inscrivono nel novero degli scialacquatori, ma è falso, poiché negli ultimi 20 anni tranne due con Berlusconi essa ha sempre avuto un avanzo primario, cioè le entrate sono state superiori alle spese esclusi gli interessi passivi. Se ne deduce anche, come spiega la Banca d’Italia, che negli ultimi 20 anni il debito pubblico è cresciuto non per colpa della spesa primaria, che è globalmente in linea con i Paesi di confronto, ma esclusivamente degli interessi passivi (che per il 90% vanno a banche e investitori istituzionali italiani, 2/3, ed esteri,1/3), i quali sono cresciuti anche per l'incidenza della crescita abnorme dei tassi d'interesse a causa di una carente protezione da parte prima della Banca d’Italia (dopo il divorzio dal Tesoro) ed ora della BCE.

4. La causa della terribile crisi attuale – come sostengono da anni non solo Bagnai[2] ma anche il vice presidente della BCE Vitor Constancio e recentemente addirittura esponenti neoliberisti - non è stato il debito pubblico ma il debito privato. Invece la terapia feroce imposta dall’UE ha riguardato e riguarda i conti pubblici. In ogni caso, se si ha alle spalle una banca centrale degna di questo nome il debito pubblico non è un problema.

5. La crisi è nata negli USA che l’ha gentilmente passata all’Europa, ma gli USA ne sono usciti dopo un paio d’anni, grazie alla politica monetaria espansiva (tassi decrescenti e QE della FED) e soprattutto alla politica fiscale espansiva (il deficit ha raggiunto il 10% nel periodo peggiore della crisi, per poi calare gradualmente col diminuire della stessa); l’Eurozona – tranne la Germania - invece ne è afflitta da ben 7 anni, a causa della politica monetaria restrittiva della BCE (tassi accresciuti dalla BCE di Trichet nel periodo peggiore della crisi - decisione pazzesca -, rifiuto del QE fino al dicembre 2014, cioè con un ritardo di ben 6 (sei) anni!), imposta dalla Germania (vedasi l’opposizione strenua di Weidmann e sodali in seno al Consiglio direttivo della BCE ed il ricorso della Corte Cost. tedesca alla Corte di Giustizia europea contro gli OMT), e della politica fiscale restrittiva, imposta anch’essa dalla Germania.[3]

6. Ripeto, visto che non riesci a prenderne atto: l’unico Paese avvantaggiato dall’attuale assetto monco UE/BCE/Euro è la Germania; essa non è il capro espiatorio ma il carnefice e l’affossatore dell’UE, poiché rifiuta di contribuire alla riduzione degli squilibri strutturali (ben rappresentati dal suo enorme surplus commerciale infra UE), da essa stessa causati, sia grazie alla sua forza economica, sia grazie a pratiche scorrette e sleali verso i partner EUZ (dumping salariale, finanziato per giunta con soldi pubblici - che è vietato dalle regole UE - resi disponibili dal deficit eccessivo 2003-2005 preteso in violazione delle regole che aveva imposte a tutti).[2]

7. La tua renitenza ad accettare i dati oggettivi della realtà ha la stessa determinante psicologica della tua germanofilia, che è indubitabilmente frutto di un pregiudizio: positivo ma pur sempre pregiudizio.
 
 
[1] Analisi quali-quantitative/6/Spese militari
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2564326.html oppure  
http://vincesko.blogspot.it/2015/03/analisi-quali-quantitative6-spese.html
 
[2] BANCHE: NEL PANICO PURE LE ÉLITE, E BERLINO CI CONSIGLIA LA TROIKA
POSTED BY REDAZIONE - 24 DICEMBRE 2015
Oggi perfino il CEPR, vestale dell’ortodossia, scopre quanto avevamo scritto nel Tramonto dell’euro: il debito pubblico, con la crisi, c’entra poco. […]
Quando Renzi, insediandosi alla presidenza del semestre europeo, ha giustamente osservato che la Germania era stata la prima a sforare il parametro del 3% nel 2003, non credo sapesse il vero motivo di questa violazione: finanziare con oltre 90 miliardi di soldi pubblici l’abbattimento del costo del lavoro (tramite riduzione del cuneo fiscale e misure di sostegno ai redditi troppo “moderati” dalle riforme Hartz).
http://www.asimmetrie.org/op-ed/banche-nel-panico-pure-le-elite-e-berlino-ci-consiglia-la-troika/
 
[3] CHI È IL RESPONSABILE DELLA CRISI DELL’EUROZONA? IN BREVE: LA GERMANIA
Di Simon Wren Lewis, 13 dicembre 2015
http://vocidallestero.it/2015/12/18/chi-e-il-responsabile-della-crisi-delleurozona-in-breve-la-germania/
 
 
**********
 
http://vincesko.blogspot.com/2016/01/dialogo-sulle-colpe-della-germania.html
 
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ue germania crisi economica

permalink | inviato da magnagrecia il 10/1/2016 alle 15:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia dicembre        febbraio
temi della settimana

imposta patrimoniale bce debito pubblico sviluppo intellettuale crisi economica germania pensioni riforma delle pensioni fornero bersani ue renzi berlusconi banca d'italia fake news sessualità economia curiosita' sessuali pd commissione europea governo monti



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0