.
Annunci online

Risposta della BCE alla Petizione sulla BCE


In data 3 novembre 2014, presentai una petizione al Parlamento europeo sulla BCE.[*] Pubblico la risposta della Banca Centrale Europea (BCE) a questa mia petizione, che ho ricevuto tramite la Commissione Petizioni del Parlamento Europeo.

[*] Allegato alla Petizione al Parlamento europeo: la Bce non rispetta il suo statuto
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2821720.html  oppure 
http://vincesko.blogspot.com/2015/03/allegato-alla-petizione-al-parlamento.html 


EUROPEAN CENTRAL BANK

EUROSYSTEM

ECB-PUBLIC

DIRECTORATE GENERAL INTERNATIONAL AND EUROPEAN RELATIONS

Cecilia Wikström Chairwoman Committee on Petitions European Parliament 60, rue Wiertz B-1047 Brussels

Frankfurt, 14 March 2016  

Re: Petition No. 2401/2014 by V. (Italian) on the European Central Bank

Honourable Member of the European Parliament, dear Ms Wikström,

Thank you for your letter informing the European Central Bank about the Petition No. 2401/2014.

The ECB’s President regularly reports on the ECB's monetary policy and its other tasks at his hearings before the European Parliament’s Committee on Economic and Monetary Affairs (ECON), which take place quarterly. On these occasions he had the opportunity to explain in detail how the monetary policy measures adopted by the ECB were designed and implemented in order to meet the ECB's statutory objective and to answer to direct questions by Members of the European Parliament (MEPs) on the ECB’s actions. In addition, the ECB’s Annual Report is presented each year in the European Parliament by the Vice-President of the ECB in a dedicated session of the ECON Committee and by the ECB President on the occasion of a Plenary debate. For instance, the ECB President attended the EP Plenary on 1 February 2016 to discuss with all MEPs the Annual Report of the ECB for 2014 and the EP Resolution on it.[1] On this occasion the ECB President also answered MEPs’ questions on the ECB's monetary policy.[2]

Let me also add that in 2015, the ECB President answered in published replies to a significant number of written questions from MEPs on the ECB’s monetary policy measures, discussing their effects, their rationale, and the consistency with the ECB's statutory objective.[3] These topics were also widely discussed during the ECON meetings at the European Parliament, for instance on 15 February 2016. On this occasion, the ECB President clarified that all the ECB’s monetary policy measures, standard as well as non-standard, have been taken to serve the ECB’s primary objective of maintaining price stability, i.e. keeping inflation rates below, but close to, 2% over the medium term.

More specifically, on this occasion the ECB President explained that the horizon over which the ECB's primary objective can be reached “has gradually lengthened over the last two years", recently also as result of developments in the rest of the world outside the ECB's control.[4] While heacknowledged that “the same situation exists in the United States and almost the same situation in Japan”, he stressed that the fact that this represents a common challenge is not a good reason to abandon the ECB’s monetary policy strategy. In this respect, he stressed that the ECB is not "giving up” on its mandate, echoing what he said previously in the press conference following the January 2016 ECB Governing Council meeting on monetary policy.[5] This point was also reiterated by the ECB President in his latest press conference on 10 March 2016, when he said "we don't give up in our fight to bring inflation back to our objective''.[6]

Also on previous occasions, the ECB President had the opportunity to discuss in detail these issues with MEPs. For instance, on 12 November 2015 the ECB President answered a question by your colleague MEP Werner Langen, and clarified that “monetary policy has been very effective, and what we haveseen today is in a sense the outcome of the monetary policy decisions that have been taken all through this period of time and which intensified in June last year (...) So we have to continue, and our objective of an inflation rate which will go back to our objective, to the level of less than but close to 2%, is predicated on full implementation of our monetary policy".[7] On the same occasion, answering to another question by MEP Barbara Kappel, the ECB President further clarified that the ECB’s primary mandate is - I quote again - “price stability. Price stability for us means having an inflation rate below and close to 2%.That is why we use all these monetary policy Instruments. That is why we have the asset purchase programme in place. That is why we monitor closely all developments in the world economy that might postpone the achievement of our inflation target. ”

The ECB President had the opportunity to discuss with your MEP colleagues also the other issues raised by the Petitioner. For instance, on 22 September 2014, answering to a specific question by your colleague MEP Marco Valli, the President clarified that when the Governing Council of the ECB in taking monetary policy decisions, it considers “the citizens of Europe and I consider the objective we have of maintaining price stability, and of raising the inflation rate to dose to but below 2%. We consider growth and employment and we consider, especially, unemployment."

With respect to the ‘hierarchical order’ in the ECB’s objectives, on 15 June 2015, answering to a question by MEP Esther de Lange, the ECB President clarified that price stability is "a more all-encompassing objective than one might assume prima facie - in pursuing price stability we also know that our accommodative monetary policy affects unemployment positively, helps to narrow the output gap and supports economic recovery. So, in this sense, the pursuit of price stability comes together with objectives more closely related to the reai side of the economy".

Let me also add that the Treaty, which establishes a clear hierarchy of objectives for the Eurosystem, makes clear that ensuring price stability is the most important contribution that monetary policy can make to achieve a favourable economic environment and a high level of employment.[8] Article 127(1) of the Treaty on the Functioning of the European Union clearly defines price stability as the primary objective of the Eurosystem and of the single monetary policy for which it is responsible. While the Eurosystem shall also "support the general economic policies in the Union with a view to contributing to the achievement of the objectives of the Union" (including inter alia "full employment" and "balanced economic growth"), the Treaties clarify that this is "without prejudice to the objective of price stability".

Treaty provisions reflect the broad consensus that (i) the benefits of price stability are substantial, as maintaining stable prices on a sustained basis is a crucial pre-condition for increasing economic welfare and the growth potential of an economy, and (ii) the natural role of monetary policy in the economy is to maintain price stability, as monetary policy can affect real activity only in the shorter term, but, ultimately, it can only influence the price level in the economy.

Finally, Treaty provisions also imply that, in the actual implementation of monetary policy decisions aimed at maintaining price stability, the Eurosystem should also take into account the broader economic goals of the Union. In particular, given that monetary policy can affect real activity in the shorter term, the ECB typically should avoid generating excessive fluctuations in output and employment if this is in line with the pursuit of its primary objective.

I hope the above developments have highlighted enough the extent to which the ECB has already presented its views on the fulfilment of its mandate before the European Parliament and the MEPs.

Yours sincerely,
Gilles Noblet
Deputy Director General



[1]The text of the Resolution asadopted by the EP Plenary is available at http://www.europarl.europa.eu/sides/qetDoc.do?pubRef=-//EP//NONSGML+TA+P8-TA-2016-0063+0+DQC+PDF+V0//EN

[2] The ECB's accountability is however not the only source for the public to understand the ECB’s decisions. The ECB communicates to the public through a wide range of channels, which include regular press conferences after each monetary policy meeting of the Governing Council; the publication of the accounts of theGoveming Council’s monetary policy discussions; the publication of the Economic Bulletin every six weeks and of the Consolidated Financial Statement of the Eurosystem on a weekly basis. Finally, the members of the Executive Board regularly communicate with the public in the form of articles, interviews and speeches.

[3] In 2015 the ECB President replied to 179 written questions from MEPs. All the answers are available on the ECB’s website at

http://www.ecb.europa.eu/pub/pub/intco/html/index.en.html

[4]  See the full transcript of the 2016 meeting that is available on the European Parliament's website at: http://www.europarl.europa.eu/committees/en/econ/monetarv-dialoaue.html?tab=2016

[5] The text of the introductory statement to the press conference with Q&A is available on the ECB's website at: http://www.ecb.europa.eu/press/pressconf/2016/html/is160121.en.html

[6] The text of the introductory statement to the press conference with Q&A is available on the ECB’s website at:

http://www.ecb.europa.eu/press/pressconf/2016/html/is160310.en.html

[7] See thefull transcript of the 2014 meetings that is available on the European Parliament’s website at: http://www.europarl.europa.eu/committees/en/econ/monetarv-dialoaue.html?tab=2015


[8]                          See the section of the ECB’s website “Objective of monetary policy“ available at https://www.ecb.europa.eu/mopo/intro/objective/html/index.en.html 


 

***

 

(Traduzione:

Onorevole Membro del Parlamento europeo, cara signora Wikström,

Grazie per la sua lettera che informa la Banca centrale europea circa la Petizione n. 2401/2014.

Il presidente della BCE riferisce regolarmente sulla politica monetaria della BCE e gli altri suoi compiti nelle sue audizioni dinanzi alla Commissione del Parlamento europeo sugli Affari Economici e monetari (ECON), che si svolgono ogni tre mesi. In queste occasioni ha avuto modo di spiegare in dettaglio come le misure di politica monetaria adottate dalla BCE siano state progettate e realizzate in modo da soddisfare l'obiettivo statutario della BCE e di rispondere alle domande poste dai Membri del Parlamento europeo (MEP) sulle azioni della BCE. Inoltre, la relazione annuale della BCE è presentata ogni anno al Parlamento europeo dal Vice-Presidente della BCE in una sessione dedicata della commissione ECON e dal presidente della BCE in occasione di un dibattito plenario. Per esempio, il presidente della BCE ha partecipato alla EP plenaria il 1° febbraio 2016 per discutere con tutti i deputati la relazione annuale della BCE per il 2014 e la risoluzione del PE su di essa. In questa occasione il presidente della Bce ha anche risposto alle domande dei deputati in materia di politica monetaria della BCE.

Vorrei inoltre aggiungere che, nel 2015, il presidente della BCE ha risposto per iscritto a un numero significativo di quesiti scritti da deputati sulle misure di politica monetaria della BCE, discutendo i loro effetti, la loro logica, e la coerenza con l'obiettivo statutario della BCE. Questi temi sono stati ampiamente discussi nel corso delle riunioni ECON presso il Parlamento europeo, per esempio il 15 febbraio 2016. In questa occasione, il presidente della BCE ha chiarito che tutte le misure di politica monetaria della BCE, standard e non standard, sono state adottate per adempiere l'obiettivo primario della BCE di mantenere la stabilità dei prezzi, vale a dire mantenere l'inflazione su livelli inferiori ma vicino al 2% nel medio periodo.

Più specificamente, in questa occasione il presidente della Bce ha spiegato che l'orizzonte sul quale l'obiettivo primario della BCE può essere raggiunto "si è progressivamente allungato nel corso degli ultimi due anni", di recente anche in conseguenza degli sviluppi nel resto del mondo al di fuori del controllo della BCE. Mentre ha riconosciuto che "la stessa situazione esiste negli Stati Uniti e quasi la stessa situazione in Giappone", ha sottolineato che il fatto che questo rappresenta una sfida comune non è una buona ragione per abbandonare la strategia di politica monetaria della BCE. A questo proposito, egli ha sottolineato che la BCE non sta"rinunciando" al suo mandato, facendo eco a quanto ha detto in precedenza nella conferenza stampa dopo la riunione del gennaio 2016 del Consiglio direttivo della BCE in materia di politica monetaria. Questo punto è stato ribadito dal presidente della BCE anche nella sua ultima conferenza stampa del 10 marzo 2016, quando ha detto "noi non rinunciamo alla nostra lotta per riportare l'inflazione al nostro obiettivo”.

Anche in altre occasioni, il presidente della BCE ha avuto l'opportunità di discutere in dettaglio questi problemi con gli eurodeputati. Per esempio, il 12 novembre 2015 il presidente della BCE ha risposto ad una domanda del vostro collega deputato europeo Werner Langen, e ha chiarito che "la politica monetaria è stata molto efficace, e quello che abbiamo visto oggi è in un certo senso il risultato delle decisioni di politica monetaria che sono state prese per tutto questo periodo di tempo, e che intensificammo nel giugno dello scorso anno (...) Quindi, dobbiamo continuare, e il nostro obiettivo di un tasso di inflazione che torni al nostro obiettivo, al livello inferiore, ma vicino al 2%, si basa sulla piena attuazione della nostra politica monetaria". Nella stessa occasione, rispondendo a un'altra domanda dell'europarlamentare Barbara Kappel, il presidente della BCE ha ulteriormente chiarito che il mandato principale della BCE è - cito ancora- "la stabilità dei prezzi. La stabilità dei prezzi per noi significa avere un tasso di inflazione al di sotto e vicino al 2%. E' per questo che usiamo tutti questi strumenti di politica monetaria. Questo è il motivo per cui abbiamo il programma di acquisto di asset in corso. E' per questo che seguiamo da vicino tutti gli sviluppi nell'economia mondiale che potrebbero posticipare il raggiungimento del nostro obiettivo di inflazione."

Il Presidente della BCE ha avuto l'opportunità di discutere con i vostri colleghi MEP anche le altre questioni sollevate dal firmatario della petizione. Per esempio, il 22 settembre 2014, rispondendo ad una domanda specifica del vostro collega eurodeputato Marco Valli, il presidente ha chiarito che, quando il Consiglio direttivo della BCE prende decisioni di politica monetaria, tiene presenti "i cittadini europei e io tengo presente l'obiettivo che abbiamo di mantenere la stabilità dei prezzi, e di aumentare il tasso di inflazione vicino ma sotto il 2%. Teniamo presenti la crescita e l'occupazione e teniamo presente, in particolare, la disoccupazione".

Per quanto riguarda l''ordine gerarchico' negli obiettivi della BCE, il 15 giugno 2015, rispondendo ad una domanda dal deputato Esther de Lange, il presidente della BCE ha chiarito che la stabilità dei prezzi è "un obiettivo più onnicomprensivo di quanto si possa pensare a prima vista - nel perseguire la stabilità dei prezzi sappiamo anche che la nostra politica monetaria accomodante colpisce la disoccupazione positivamente, aiuta a ridurre il divario dell'output gap e sostiene la ripresa economica. Quindi,in questo senso, il perseguimento della stabilità dei prezzi viene insieme con obiettivi più strettamente legati all'economia reale".

Vorrei inoltre aggiungere che il Trattato, che stabilisce una chiara gerarchia di obiettivi per l'Eurosistema, rende chiaro che garantire la stabilità dei prezzi è il contributo più importante che la politica monetaria può dare per ottenere un ambiente economico favorevole e un elevato livello di occupazione. L'articolo127 (1) del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea definisce chiaramente la stabilità  dei prezzi come obiettivo primario dell'Eurosistema e della politica monetaria unica di cui è responsabile. Inoltre, l'Eurosistema "sostiene le politiche economiche generali nell'Unione al fine di contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell'Unione" (comprese tra l'altro, "la piena occupazione" e "una crescita economica equilibrata"), i trattati chiariscono che questo è "fatto salvo l'obiettivo della stabilità dei prezzi".

Le disposizioni del Trattato riflettono l'ampio consenso che (i) i benefici della stabilità dei prezzi sono sostanziali, come il mantenimento di prezzi stabili in maniera prolungata è una cruciale pre-condizione per aumentare il benessere economico e il potenziale di crescita di un'economia, e (ii) il naturale ruolo della politica monetaria per l'economia è quello di mantenere la stabilità dei prezzi, la politica monetaria può influenzare l'attività reale solo nel breve termine, ma, in ultima analisi, può influenzare solo il livello dei prezzi nell'economia.

Infine, le disposizioni del trattato implicano anche che, nella concreta attuazione delle decisioni di politica monetaria volte a mantenere la stabilità dei prezzi, l'Eurosistema deve anche tener conto dei più ampi obiettivi economici dell'Unione. In particolare, dato che la politica monetaria può influenzare l'attività reale a breve termine, la BCE tipicamente dovrebbe evitare di generare fluttuazioni eccessive del prodotto e dell'occupazione se questo è in linea con il perseguimento del suo obiettivo primario.

Spero che le considerazioni sopra svolte abbiano messo in sufficiente evidenza la misura in cui la BCE ha già presentato il suo punto di vista sulla realizzazione del suo mandato al Parlamento europeo e agli eurodeputati.

Cordiali saluti,

Gilles Noblet

Deputy Director General)

 

 

**********

 

http://vincesko.blogspot.com/2016/04/risposta-della-bce-alla-petizione-sulla.html

 

 


 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bce parlamento europeo petizione

permalink | inviato da magnagrecia il 18/4/2016 alle 18:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia marzo        maggio
temi della settimana

curiosita' sessuali bce banca d'italia fake news germania pd economia debito pubblico draghi ue imposta patrimoniale governo monti sviluppo intellettuale bersani sessualità pensioni renzi berlusconi riforma delle pensioni fornero crisi economica



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0