.
Annunci online

Dialogo tra Maurizio Sgroi e me su Jens Weidmann




Riporto la discussione tra Maurizio Sgroi e me su Jens Weidmann, presidente della Bundesbank, la banca centrale tedesca, svoltasi il mese scorso in calce a questo suo articolo:


07/10/2016

La versione di Weidmann sul futuro dell’EZ



Articolo troppo tenero con uno dei massimi responsabili dei guai dell’Eurozona, un “infame” (copyright Thomas Fazi https://www.socialeurope.eu/2016/10/renzis-anti-austerity-charade-and-the-truth-about-italys-deficit/), che ha sulla coscienza i milioni di morti e feriti (in senso figurato e non) vittime della crisi economica che attanaglia da 8 anni i poveri cristi dei Piigs. Un bugiardo matricolato che fa finta di non conoscere né i Trattati UE (in particolare il fondamentale art. 3 del TUE, che definisce ed esplicita l’intera “missione” dell’Unione Europea, di cui la BCE è solo un mero strumento e non certamente il dominus), né lo Statuto della BCE (in particolare l’art. 2-Obiettivi, al plurale!), del cui Consiglio direttivo è membro.


salve,
l’idea, o forse il bisogno, di personalizzare, di cercare un capro espiatorio, non appartiene alla cultura di questo blog. molto modestamente mi faccio portatore di una visione del mondo che crede sicuramente nelle responsabilità individuali, e questo mi accomuna al suo arcinemico, ma al tempo stesso ho una profonda consapevolezza della loro finitezza. non credo, insomma, che un uomo, e tantomeno un banchiere centrale più o meno tedesco, possa essere responsabile, come dice lei, dei mali dell’eurozona. capisco che possa risultare antipatico e sgradevole, ma weidmann non ha superpoteri, come non ce li ha nessuno. i grandi momenti della storia – così almeno la vedo io – sono costruiti dalle popolazioni. i singoli servono solo agli storici e ai giornalisti per creare punti di riferimento narrativi. perciò, se fossimo un filo più onesti con noi stessi, dovremmo prenderci ognuno la nostra parte di responsabilità in tutti i guai che sono capitati. e poi magari valutare caso per caso quelle degli altri. nel merito, però, non basandosi sulla suggestione.
Quindi, per usare le sue parole, non sono troppo tenere con weidmann, al quale semplicemente riconosco di essere a sua volta portatore di una visione – la si condivida o meno – sono troppo tenero innanzitutto con me stesso.
grazie per il commento


Salve,
Naturalmente, conosco il suo stile (che in parte apprezzo), ma questa volta trovo che ha esagerato, e continua ad esagerare. Lei è troppo colto per non sapere che ogni esagerazione è un indizio di coda di paglia per senso di colpa…
Innanzitutto, Weidmann non è il mio supernemico, termine peraltro poco confacente al suo stile.
Inoltre, se crede nelle responsabilità individuali, non dovrebbe glissare così facilmente su quelle personali – gravi – di Weidmann, che è solo il cane da guardia principale (assieme a Merkel e Schaeuble) degli interessi del blocco coeso (a differenza di noi Italiani, che amiamo dividerci masochisticamente) industriale-finanziario-commerciale tedesco.
Il quale Weidmann non è Superman, ma per quanto riguarda la politica monetaria dell’Eurozona, ci si avvicina, poiché, pur essendo soltanto 1/25 del Consiglio direttivo della BCE, ne è uno di coloro che l’ha determinata, nel caso di specie come frenatore.
E’ quindi imparagonabile con me o qualunque altro povero cristo (in senso lato) dell’Eurozona.
Lei sa meglio di me – e ne abbiamo giù discusso più volte in passato (cfr., ad es., 
https://thewalkingdebt.org/2015/03/12/il-qe-europeo-ovvero-il-trionfo-dellegemonia-monetaria/) – che la BCE ha varato il QE con ben 6 (sei) anni di ritardo rispetto alla FED e alla BoE, per non parlare della BoJ, e la colpa è di Jens Weidmann (come rappresentante della Germania). E questo al di là dell’efficacia del QE. E’ indifferente per lei?
Ci sono fior di economisti, a partire dall’ex governatore della Banca centrale di Cipro e ora professore al MIT, Athanasios Orphanides, ex membro del Consiglio direttivo della BCE, che hanno, invece, giudicato molto negativamente l’inerzia della BCE, per ubbidire alla Germania.
“Se passa la linea di Berlino sui bond, Eurolandia rischia la disintegrazione”
http://www.repubblica.it/economia/2015/01/20/news/se_passa_la_linea_di_berlino_sui_bond_eurolandia_rischia_la_disintegrazione-105353689/
Il loquacissimo presidente della Bundesbank è, infine, un bugiardo, come si evince da questa intervista, una delle tante che rilascia, in cui (similmente al presidente Draghi) oblitera sistematicamente il secondo obiettivo statutario o omette ad arte il termine “close” al target del sotto il 2% o nasconde che gli Stati sono vincolati dai parametri e sottoposti al controllo della Commissione:
“Weidmann: “Caro Draghi, acquistare titoli di Stato è un invito a indebitarsi. L’Italia sia responsabile””
http://www.repubblica.it/economia/2014/12/13/news/jens_weidmann_caro_draghi_sbagliato_acquistare_titoli_di_stato_un_invito_a_indebitarsi_l_italia_sia_responsabile-102771498/
Grave che un governatore di banca centrale sia un bugiardo.


Salve,
L’uso del termine arcinemico si proponeva di essere ironico, ma evidentemente con poca fortuna. Non c’è nulla di male a vedere le cose diversamente. Lei crede che Weidmann abbia potere sulla Bce notevole io ne sono meno convinto. Tutto qua. I fatti sono che al momento la Bce sta facendo una politica che poco piace a molti tedeschi. In futuro vedremo.
Grazie per il commento


Salve,
No, mi spiace, i fatti sono, prima, quelli da me descritti sopra. E’ vero, ora la BCE sta facendo “una politica che poco piace a molti tedeschi”, ma, per ubbidire alla Germania di Weidmann, ha aspettato 6 anni, e causato migliaia di morti e feriti.


salve,
non ho nessuna intenzione né possibilità di mutare le sue opinioni. lei crede che senza le resistenze tedesche il QE sarebbe partito prima. forse ha ragione, forse no. io non lo so. non so neanche se le cose sarebbero state diverse se il qe fosse partito prima. sono perfettamente consapevole dei miei limiti cognitivi
in ogni caso, grazie per il commento


Salve,
Io non ho espresso opinioni, ma indicato essenzialmente fatti, che si possono ovviamente interpretare in vari modi, ma solo entro certi limiti. Uno di questi limiti – sono certo che stavolta non potrà che convenire con me – è che vi è dal punto di vista tecnico assoluta certezza che il QE sarebbe servito, non certamente ad influire da solo sul tasso d’inflazione portandolo al livello del suo “target”, ma, accrescendone la domanda, a ridurre i tassi d’interesse dei titoli di Stato già emessi (mercato secondario), sui quali peraltro si calcola il famoso (o famigerato) “spread”, “inducendo” anche un calo di quelli ai quali gli Stati dell’Eurozona avrebbero finanziato le nuove emissioni di debito pubblico (mercato primario). Con grande sollievo delle Casse pubbliche di questi Paesi e la conseguente minore necessità di tartassare i poveri cristi, sulle cui spalle, almeno in Italia, è ricaduto iniquamente, per scelta soprattutto del governo Berlusconi-Tremonti-Bossi (che ha varato manovre finanziarie per 267 mld cumulati su 330 nella scorsa legislatura, e le misure strutturali valgono tuttora), la gran parte dell’onere del risanamento dei conti pubblici.


**


PS: Ho commentato l’intervista di Weidmann nella parte degli Aggiornamenti di questo mio post (già riportato qua in passato) 

Allegato alla Petizione al Parlamento europeo: la Bce non rispetta il suo statuto



Post collegati:


Mario Draghi e Jens Weidmann


Dialogo con Vincenzo Comito sulla BCE, Draghi, Weidmann e il QE


Il bugiardo e imbroglione Jens Weidmann e la massima di Goebbels



**********




Sfoglia ottobre        dicembre
temi della settimana

fake news sviluppo intellettuale commissione europea governo monti bersani banca d'italia pd italia economia curiosita' sessuali ue bce sessualità germania riforma delle pensioni fornero renzi berlusconi pensioni debito pubblico imposta patrimoniale



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0