.
Annunci online

Lettera a Il Messaggero su chi è l’autore dell’adeguamento automatico dell’età di pensionamento




Pubblico la lettera che ho inviato ieri al quotidiano Il Messaggero, dopo aver letto un suo articolo sull’adeguamento automatico dell’età di pensionamento all’aspettativa di vita, che, nonostante due mie lettere, continuano ad attribuire erroneamente alla riforma delle pensioni Fornero anziché alla riforma delle pensioni Sacconi. In questo caso, lo fanno anche riportando le parole di uno smemorato On. Roberto Giachetti.


Alla Redazione de Il messaggero, in particolare alla c.a. del Dott. Marco Conti

Traggo dal Vostro articolo di oggi, a firma di Marco Conti, “Pensioni, sfida di Gentiloni a Mdp: e ora la manovra rischia” “Obiettivo dei sindacati, Cgil in testa, è abbattere la legge Fornero - «che ci fece votare Bersani», ricorda Roberto Giachetti - se non fosse che «le risorse limitate» di cui dispone il Paese impediscono l'abolizione del meccanismo di allungamento automatico dell'età che a suo tempo votò anche FI”.

AvendoVi scritto già due volte (al direttore e al caporedattore Economia),[1] ri-ri-risegnalo che l’adeguamento dell’età di pensionamento all’aspettativa di vita NON è stato introdotto dalla riforma delle pensioni Fornero, che è una BUFALA che, per colpa della potentissima DISINFORMAZIONE berlusconiana, di tutti i media, dimentichi di ciò che scrivevano nel 2010 ((http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=104209)di politici smemorati, come l'On. Giachetti (che dimentica anche che il governo Monti fu un governo d’emergenza chiamato ad attuare le richieste ultimative della famosa lettera del 5/8/2011 della BCE, che includeva le pensioni, come contropartita dell’aiuto della BCE, v. il programma SMP di acquisti di titoli di Stato, implementato per l’Italia a distanza di 10 giorni - 22/8 - dall’approvazione della seconda, mastodontica manovra finanziaria estiva da parte del governo Berlusconi) e l'On. Salvini (che la riforma SACCONI la votò, assieme a tutta la Lega Nord, gliel’ho già scritto 2 anni e mezzo fa,[2] ma continua a minacciare l’esilio alla prof.ssa Fornero), di esperti di previdenza come Giuliano Cazzola, Oscar Giannino e Tito Boeri, di politici distratti e “congiuratori”, come il Sen. Maurizio Sacconi, l’On. Cesare Damiano e il Sen. Pietro Ichino (ho scritto loro già almeno 4 volte ed ho in preparazione l’ennesima email, v. ciò che scrivono nelle loro recenti newsletter), o il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, o sindacalisti oggettivamente un po’ mendaci nella questione del meccanismo automatico di adeguamento, come Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo (le cui confederazioni, delle quali erano alti dirigenti, nel 2010, furono “complici” dell’allora ministro del Lavoro Maurizio Sacconi ed ai quali ho già scritto almeno 3 volte; ciò, invece, che non si comprende affatto è perché sorprendentemente lo facciano anche Susanna Camusso e Maurizio Landini, poiché la CGIL fu l’unico sindacato che si oppose alla L. 122/2010, la prima manovra correttiva dopo la crisi della Grecia, di 62 mld cumulati), e della stessa coraggiosa millantatrice Fornero (gliel’ho scritto[3] e riscritto, ma continua a farsi intervistare senza rinviare i giornalisti al vero autore), è una BUFALA, dicevo, che circola da 6 anni, bensì dalla riforma delle pensioni SACCONI, con la L. 122/2010, art. 12, comma 12bis.

DL 78 del 31.5.2010, convertito dalla legge 122 del 30.7.2010, art. 12, comma 12bis:

(( 12-bis. In attuazione dell'articolo 22-ter, comma 2, del decreto-legge 1o luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, concernente l'adeguamento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico agli incrementi della speranza di vita, e tenuto anche conto delle esigenze di coordinamento degli istituti pensionistici e delle relative procedure di adeguamento dei parametri connessi agli andamenti demografici, a decorrere dal 1° gennaio 2015 i requisiti di età e i valori di somma di età anagrafica e di anzianità contributiva di cui alla Tabella B allegata alla legge 23 agosto 2004, n. 243, e successive modificazioni, i requisiti anagrafici di 65 anni e di 60 anni per il conseguimento della pensione di vecchiaia, il requisito anagrafico di cui all'articolo 22-ter, comma 1, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, e successive modificazioni, il requisito anagrafico di 65 anni di cui all'articolo 1, comma 20, e all'articolo 3, comma 6, della legge 8 agosto 1995, n. 335, e successive modificazioni, devono essere aggiornati a cadenza triennale, salvo quanto indicato al comma 12-ter, con decreto direttoriale del Ministero dell'economia e delle finanze di concerto con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, da emanare almeno dodici mesi prima della data di decorrenza di ogni aggiornamento. La mancata emanazione del predetto decreto direttoriale comporta responsabilità erariale. Il predetto aggiornamento e' effettuato sulla base del procedimento di cui al comma 12-ter.

link non più attivo, sostituito da:

Dopo l’adeguamento triennale del 2019, che varrà fino al 2021, la cadenza (a decorrere dal 2022), in forza della riforma Fornero, sarà biennale. Ma questo, in ogni caso, è solo un’accelerazione del meccanismo periodico introdotto da SACCONI nel 2010. Se l’aumento dell’aspettativa di vita è confermato in 5 mesi, per cui l’età di pensionamento sarà di 67 anni nel 2019 per tutti, la clausola di salvaguardia della riforma Fornero (67 anni nel 2021) sarà superflua.

Trattandosi di leggi, è facile verificare (a) che è la riforma SACCONI che porterà l’età di pensionamento a 67 anni, sia degli uomini (pubblici e privati), sia delle donne del settore pubblico, sia di quelle del settore privato (le uniche oggetto di allineamento graduale entro il 2018 a TUTTI gli altri da parte della riforma Fornero) in forza del meccanismo automatico; e (b) che la stessa legge Fornero (L. 214/2011, art. 24), che si “appropria” – reiterandole - di varie misure incisive della legge SACCONI (ad esempio l’aumento dell’età base di 1 anno, compensato dall’eliminazione della “finestra” di 12 mesi per tutti, introdotta dalla riforma Damiano - in media, 4 mesi - e aumentata dalla riforma SACCONI - 8 mesi -; riducendola – sempre la riforma Fornero - per gli autonomi da 18 a 12 mesi) cita più volte il meccanismo automatico facendo riferimento alla L. 122/2010, art. 12 (ad esempio ai commi 4, 6 e 12).

Per quanto riguarda, infine, i risparmi di spesa dopo le varie riforme delle pensioni dal 2004 (Maroni, 2004, il cui ‘scalone’ fu abolito da Damiano, Damiano, 2007, SACCONI, 2010 e 2011, e Fornero, 2011), sono stati dalla RGS (a) quantificati in ben 900 mld fino al 2060 “circa 60 punti percentuali di PIL, cumulati al 2060”; e (b) ascrittitagliando istituzionalmente la testa al toro della DISINFORMAZIONE sulle pensioni, per meno di un terzo del totale delle riforme dal 2011 [rectius: dal 2004, ndr] alla riforma Fornero.[4]

Spero, pertanto, vogliate fare una rettifica, come ha già fatto Repubblica,[5] e contribuire d’ora in poi alla chiarificazione sulle pensioni e su chi veramente ha messo le mani nelle tasche degli Italiani e causato la recessione.

Cordiali saluti,

V.


[1]

Tre casi di DISINFORMAZIONE generale tra i più macroscopici della storia italiana


Pensioni: notizie false (fake news)


[2] Lettera all’On. Matteo Salvini


[3] Lettera alla Professoressa Elsa Fornero su pensioni e manovre correttive


[4] LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2017 – Rapporto n. 18

Box 2.3 - Effetti finanziari del complessivo ciclo di riforme adottate dal 2004 (pag. 76)

Considerando l’insieme degli interventi di riforma approvati a partire dal 2004 (L 243/2004), si evidenzia che, complessivamente, essi hanno generato una riduzione dell’incidenza della spesa pensionistica in rapporto al PIL pari a circa 60 punti percentuali di PIL, cumulati al 2060. Di questi, circa due terzi sono dovuti agli interventi adottati prima del DL 201/2011 (convertito con L 214/2011) e circa un terzo agli interventi successivi, con particolare riguardo al pacchetto di misure previste con la riforma del 2011 (art. 24 della L 214/2011).


[5] Pensioni, dopo una mia lettera Repubblica rettifica una notizia falsa che circola sui media da sei anni


PS: Fate girare la notizia tra i redattori.



Destinatari:


(n. 50 destinatari)



**********





Sfoglia ottobre        dicembre
temi della settimana

bersani sessualità pd ue renzi berlusconi crisi economica fake news curiosita' sessuali pensioni educazione bce sviluppo intellettuale economia debito pubblico banca d'italia germania imposta patrimoniale monti draghi



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1314429 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0