.
Annunci online

Lettera a Davide Colombo del Sole 24 ore su un suo articolo con qualche fake news sulle pensioni



Pubblico la lettera che ho inviato a Davide Colombo de Il Sole 24 ore di critica ad un suo articolo, nel quale ha esagerato gli effetti della riforma delle pensioni Fornero e obliterato completamente la riforma delle pensioni Sacconi.


Pensioni: riforma Sacconi e riforma Fornero

Da: v

10/01/2018 23:08


ALLA C.A. DEL DOTT. DAVIDE COLOMBO

P.C. DIRETTORE E CAPOREDATTORE


Egr. Dott. Colombo,

Sorprende che Il Sole 24 ore contribuisca alla DISINFORMAZIONE sulle pensioni e alla damnatio mamoriae della riforma SACCONI. Neppure nel citare l’adeguamento automatico all’aspettativa di vita (introdotto dalla L. 122/2010, art. 12, comma 12bis), viene menzionata la riforma SACCONI. E’ già successo in passato.


Premessa. Ricavo dalla relazione tecnica della legge: Sul piano metodologico si precisa che la valutazione degli effetti delle diverse disposizioni di cui ai commi da 1 a 20 non può che essere complessiva attesa la interazione tra i diversi istituti afferenti sia i requisiti di accesso sia il sistema di calcolo. 

Ardisco ipotizzare che questo avvenga anche tra le varie riforme (vedi appresso).


Citazione1. “Il contributo della riforma Fornero alla sostenibilità del sistema pensionistico […] Da sola questa riforma vale un terzo dei risparmi cumulati fino al 2060”.

No, meno di un terzo, poiché vi è compreso il DL 98/2011, riforma SACCONI.


Citazione2: “Se guardiamo dentro il famoso articolo 24 del Dl 201/2011 incontriamo sei voci principali di interventi cui corrispondono, in relazione tecnica, i risparmi anno per anno. Quest’anno le nuove regole sui pensionamenti anticipati (che superano il precedente schema di quote) valgono 10,9 miliardi, la nuova vecchiaia delle donne e il nuovo anticipo per gli autonomi 2,8 miliardi, il “pro-rata” contributivo 200 milioni, dalla perequazione vengono 4,7 miliardi e dalle nuove aliquote per autonomi e fondi speciali arrivano altri 1,5 miliardi. Totale 19,9 miliardi di minor spesa. Risparmi che l’anno prossimo salgono per arrivare attorno ai 22 miliardi nel 2020. Poi la curva scende, con risparmi attorno allo 0,8% del Pil nel 2030, per azzerarsi nel 2045, quando ai minori pensionamenti corrispondono assegni più pesanti”.

(a) Ok per le “quote”, abolite dalla riforma Fornero, ma “la nuova vecchiaia” riguarda soltanto le donne del settore privato ed è solo un’accelerazione dell’adeguamento a tutti gli altri deciso dalla riforma SACCONI (DL 98/2011) entro il 2026 (2023, considerando l’adeguamento automatico) http://tuttoprevidenza.it/wp-content/uploads/2014/03/Numero-30-settembre-2011.pdf;

(b) il blocco della perequazione recato dalla L. 214/2011, art. 24 (Fornero), che riguardava le pensioni superiori a 3 volte il minimo (i) è stato giudicato incostituzionale con la sentenza n. 70/2015; e (ii) aveva abrogato un analogo provvedimento di blocco della perequazione recato dal DL 98/2011 (L. 111/2011) del governo Berlusconi-Sacconi, meno severo, poiché il blocco riguardava le pensioni superiori a 5 volte il minimo, che forse avrebbe superato il vaglio della Corte Cost., com’era successo in passato per provvedimenti analoghi. Come dire? chi troppo vuole nulla stringe, ma se non fosse stato deciso il blocco dal Governo Monti-Fornero per fare cassa (come chiedevano insistentemente l'UE e la BCE per evitare il default, che era una balla, smentita dalle cifre, per tacitare la loro coscienza sporca [1 o 2]), poi giudicato incostituzionale e quindi abrogato con conseguente restituzione (parziale) di quanto non erogato, sarebbe stato vigente ed efficace quello SACCONI.


Citazione3: “il “pro-rata” contributivo 200 milioni”.

Ecco, questo è il dato forse più clamoroso, poiché la vulgata, che ha fatto anch’essa quasi 60 milioni di vittime, è che la riforma Fornero abbia sostituito il contributivo al retributivo per tutti, mentre in realtà ha solo esteso, pro rata dall’1.1.2012, il metodo contributivo, introdotto dalla riforma Dini  nel 1995, a coloro che ne erano esclusi, vale a dire coloro che al 31.12.1995 avevano almeno 18 anni di anzianità contributiva.


Citazione4: “Poi la curva scende, con risparmi attorno allo 0,8% del Pil nel 2030, per azzerarsi nel 2045, quando ai minori pensionamenti corrispondono assegni più pesanti”.

Invece la curva (duplice) della riforma SACCONI – mai citata da nessuno - è bella gagliarda fino al 2060.


Citazione5: “Da sola questa riforma vale un terzo dei risparmi cumulati fino al 2060, ovvero 60 punti di prodotto se si considerano anche gli effetti delle riforme varate dal 2004 in poi”.

Infine, evidenzio che dei ben 900 mld di risparmio stimato dall’RGS che le ultime quattro riforme, delle ben 7 (sette) riforme delle pensioni dal 1992, produrranno al 2060, soltanto meno di un terzo – tanto strombazzato dai media anche in questi giorni, è ascrivibile alla riforma Fornero, il che significa che gli altri 2/3 sono attribuibili alle altre 3 riforme (Maroni, 2004, il cui ‘scalone’ fu abrogato da Damiano; Damiano, 2007; e SACCONI, 2010 e 2011), quindi il grosso dei 2/3 e più, molto maggiore del meno di un terzo della riforma Fornero, è ascrivibile alla ben più severa riforma SACCONI, di cui però nessuno parla. Non sembra anche a Lei che ci troviamo di fronte a un caso di DISINFORMAZIONE generale tra i più macroscopici della storia italiana, analoghi - aggiungo - a quelli coevi delle manovre correttive della scorsa legislatura (l’81% dei 330 mld cumulati delle manovre finanziarie è stato deciso dal governo Berlusconi, distribuito in maniera scandalosamente iniqua, ma tutto viene imputato al 19% del governo Monti, più equo, cfr. il mio post duplice già allegato [1 o 2]) e degli obiettivi statutari e dei poteri/doveri della BCE, per colpa soprattutto dei media e di Voi giornalisti?

Cordiali saluti

V.


PS: Ho in corso un dialogo con Stefano Scarpetta, direttore Impiego, Lavoro e Affari Sociali dell'OCSE, dopo una sua intervista all'AGI. Sicuro di farLe cosa gradita, ché la può tenere come utile promemoria, riporto l'ultima parte della mia replica alla sua risposta:

[...] E che tenga conto in futuro – almeno come conoscenza della normativa pensionistica sottostante - della attuale, seguente situazione relativamente all’età di pensionamento vigente e ai suoi autori.

PENSIONI ANTICIPATE (ex anzianità)

L’età delle pensioni anticipate:

- degli uomini, è aumentata dal 2010 finora di 2 anni e 10 mesi (da 40 anni a 42 anni e 10 mesi) e, di questi, 1 anno e 10 mesi sono ascrivibili alla riforma SACCONI (da 40 a 41 anni + 1 mese se i requisiti maturano nel 2012 o 2 mesi se i requisiti maturano nel 2013 o 3 mesi se i requisiti maturano nel 2014 http://tuttoprevidenza.it/wp-content/uploads/2014/03/Numero-30-settembre-2011.pdf) + 10 mesi a causa dell’adeguamento automatico introdotto da SACCONI col comma 12bis dell’art. 12 della L. 122/2010 http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legge:2010-5-31;78~art12!vig=, e soltanto 1 anno alla riforma Fornero;

- delle donne, è aumentata di 1 anno e 10 mesi, da 40 a 41 anni nel 2010 (SACCONI) + 10 mesi a causa dell’adeguamento automatico introdotto da SACCONI, quindi l'incremento di 1 anno e 10 mesi è interamente dovuto a SACCONI.

Dal 2019:

- l'età di pensionamento degli uomini aumenterà a 43 anni e 3 mesi, e, di questi 3 anni e 3 mesi in più, 2 anni e 3 mesi sono pertinenti a SACCONI e soltanto 1 anno a Fornero [rectius1 anno e 3 mesi, o 1 anno e 9 mesi relativamente agli autonomi, sono di Sacconi (di cui 4 mesi in media di Damiano) e 2 anni sono di Fornero o 1 anno e 6 mesi relativamente agli autonomi];

- l'età di pensionamento delle donne aumenterà a 42 anni e 3 mesi, e l’incremento di 2 anni e 3 mesi è interamente dovuto alla riforma SACCONI [rectius: 1 anno e 3 mesi, o 1 anno e 9 mesi relativamente agli autonomi, sono di Sacconi (di cui 4 mesi in media di Damiano) e 1 anno o 6 mesi sono di Fornero].

PENSIONI DI VECCHIAIA

L’età delle pensioni di vecchiaia:

- degli uomini, è aumentata dal 2010 finora di 1 anno e 7 mesi (da 65 a 66 anni e 7 mesi) e questo anno e 7 mesi in più sono dovuti quasi interamente alla riforma SACCONI (4 mesi in media alla riforma Damiano, L.247/07);

- delle donne del settore pubblico, è aumentata di botto di 6 anni e finora da 60 a 66 anni e 7 mesi, e i 6 anni e 7 mesi in più sono ascrivibili quasi interamente alla riforma SACCONI (tranne 4 mesi in media alla riforma Damiano);

- delle donne del settore privato, è aumentata da 60 a 66 anni e 7 mesi, e l’allineamento a tutti gli altri, previsto dalla riforma SACCONI entro il 2026, è stato accelerato dalla riforma Fornero entro il 2018;

- degli uomini e delle donne autonomi, la riforma Fornero ha eliminato il disallineamento di 6 mesi in più rispetto agli altri, che era contemplato dalla riforma SACCONI.

Dal 2019:

- l’età di pensionamento di tutti aumenterà a 67 anni, e questo ulteriore incremento di 5 mesi è dovuto interamente all’adeguamento automatico previsto dalla riforma SACCONI.

Ne consegue, senza ombra di dubbio, (i) che – in barba ai millanta disinformatori che anche in questi giorni impazzano (è proprio il caso di dirlo) su tutti i media italiani - l’età di pensionamento è stata allungata molto più dalla riforma SACCONI che dalla riforma Fornero; (ii) che la professoressa Fornero è una coraggiosa millantatrice e (iii) che quasi 60 milioni di Italiani sono da anni disinformati dagli ignoranti delle norme pensionistiche e ingannati colpevolmente dagli esperti previdenziali bugiardi che ascrivono tutto alla riforma Fornero, obliterando la ben più severa riforma SACCONI.


PPS: Allego:

Pensioni, la congiura del silenzio di sette noti esperti di previdenza contro Elsa Fornero

Pensioni, dopo una mia lettera Repubblica rettifica una notizia falsa che circola sui media da sei anni

Lettera a Marcello Sorgi su numero esodati e notizie false sulle pensioni

Lettera a Il Messaggero su chi è l’autore dell’adeguamento automatico dell’età di pensionamento



Pensioni: riforma Sacconi e riforma Fornero

Lettere al Sole (letterealsole@ilsole24ore.com)

11/1/2018 16:37

A:  v  


Risposta dal nostro giornalista Davide Colombo

Grazie della mail e soprattutto del tono ultimativo che utilizza. Fortunatamente  tra gli esperti di welfare (sono molti e variamente autorevoli) circolano più dubbi che certezze.



Re: Pensioni: riforma Sacconi e riforma Fornero

Da: v

11/1/2018 18:03


Grazie della cortese risposta. La piccola dose - mi pare - di tono "ultimativo" - in parte giustificata dalla terribile fatica di Sisifo alla quale mi sto volontariamente sobborcando da 6 anni per chiarire chi ha fatto che cosa in materia di pensioni, di manovre correttive e di obiettivi statutari BCE - era voluta e strumentale a provocare ed ottenere da un esperto come Lei risposte che colmassero i numerosi dubbi che laicamente coltivo in materia previdenziale, ambito in cui 6 anni fa ero del tutto ignorante.

Al di là di questo, se ha letto il mio primo articolo nel poscritto, lì ci sono prove documentali inoppugnabili sulla evidenza della DISINFORMAZIONE sistematica sulle riforme delle pensioni SACCONI e Fornero. 

Per i giornalisti, invece, a parte forse quelli facenti parte del potente sistema (dis)informativo berlusconiano, in generale propendo per l'ignoranza (dolo o ignoranza, l'effetto è il medesimo). Però, ho notato che, dopo aver saputo (un campione in questo è Massimo Giannini), sono quasi tutti inclini a farsi "ricatturare" dalla vulgata e continuare a dare voce a bugiardi e incompetenti come Salvini, che addirittura si candida a premier. Spero che Lei - che conta molto più di me - sia un'eccezione ed eventualmente convinca anche i Suoi colleghi.

In conclusione, visto che Le piace approfondire e verificare, Le regalo questo documento di 18 pagine in cui (sviluppando il post già allegato) ho ricostruito la vicenda politico-economica della scorsa legislatura, dove forse troverà notizie e nessi sorprendenti:

L'assassinio della verità, chi ha davvero messo le mani nelle tasche degli Italiani e causato la grande recessione

Cordialmente,

V.



**********




Sfoglia dicembre        febbraio
temi della settimana

economia imposta patrimoniale sviluppo intellettuale sessualità berlusconi crisi economica pd banca d'italia curiosita' sessuali fake news bersani bce educazione pensioni elsa fornero renzi ue germania debito pubblico draghi



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1388719 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0