.
Annunci online

Lettera n. 7 a Maurizio Landini sulle sue false notizie sulla riforma Fornero




Pubblico la lettera che ho inviato, cinque giorni fa, al Segretario Generale della CGIL, Maurizio Landini, dopo aver ascoltato il suo intervento alla Festa Nazionale del Partito Democratico a Ravenna. E’ la settima che gli ho inviato finora, prevalentemente a seguito di suoi strafalcioni, sulle pensioni. Ieri ho telefonato alla CGIL di Roma per chiedere alla sua segretaria di stamparla e consegnargliela.


Lettera n. 7 a Maurizio Landini sulle sue false notizie sulla riforma Fornero

Da v

29/8/2019 14:06



ALLA C.A. DEL SEGRETARIO GENERALE MAURIZIO LANDINI (S.P.M.)



Egr. Sig. Landini,

Le ho scritto già in passato più volte, ma invano. Ci riprovo, sperando di essere più fortunato e che la Sua segretaria stampi e Le consegni questa mia settima lettera.

Ho ascoltato ieri, su Radio Radicale, il dibattito tra Lei e Andrea Orlando alla Festa Nazionale del Partito Democratico.

Lei ha affermato che riceve critiche severe nelle assemblee sindacali perché il PD ha approvato la riforma Fornero.

Poi ha criticato la riforma delle pensioni Fornero perché, secondo Lei, imporrebbe ai giovani il calcolo interamente contributivo, giudicandolo esagerato.

Ne deriva logicamente che sia il PD che la CGIL avrebbero tutto l’interesse a chiarire chi ha fatto che cosa in tema di pensioni.

Ed invece - errare è umano, perseverare diabolico - Lei continua a parlare di cose che non conosce bene, vittima come 60 milioni di Italiani, inclusi gli esperti, i ministri e i parlamentari, della potente DISINFORMAZIONE berlusconiana e del centrodestra. La riforma Fornero non c’entra (in questa come per altre misure che le vengono erroneamente attribuite), essa ha soltanto esteso, pro rata dall’1.1.2012, il metodo contributivo, introdotto dalla riforma Dini (L. 335/1995), a coloro che ne erano esclusi, vale a dire coloro che all’1.1.1995, avevano già 18 anni di contributi. Tutti relativamente anziani e ormai già in pensione.

A riprova, traggo dal mio libro “LE TRE PIU’ GRANDI BUFALE DEL XXI SECOLO” (di cui ho fatto omaggio a Lei e Ghiselli, ma pare che Lei sia sempre in giro e non abbia avuto il tempo di leggerlo):

Dall’analisi di RGS, risulta anche che il «pro-rata» contributivo fa risparmiare, a regime (2018), appena 200 milioni circa, che poi si riducono in breve fino a sparire:[175]

«Estensione del sistema contributivo pro-rata dal 1° gennaio 2012 (i valori di economia del 2018 sono sostanzialmente quelli di regime destinati a ridursi nel tempo in ragione dell'eliminazione delle pensioni interessate dalla misura).»

Ecco, questo è il dato forse più clamoroso, poiché la vulgata è che la riforma Fornero abbia sostituito il metodo contributivo al retributivo per tutti, mentre in realtà ha solo estesopro rata dall’1.01.2012, il metodo contributivo, introdotto dalla riforma Dini nel 1995, a coloro che ne erano esclusi, vale a dire coloro che al 31.12.1995 avevano almeno 18 anni di anzianità contributiva, quindi relativamente anziani e presumibilmente in massima parte (che non sono in grado di quantificare) oggi già pensionati. Come conferma RGS, ma già nella relazione tecnica del 2011 (pag. 48)[178]:

«buona parte dei lavoratori con almeno 18 anni di contributi al 31/12/1995 hanno già acceduto al pensionamento;».

La stessa RGS, a conferma della sopravvalutazione della riforma Fornero a scapito della ben più severa riforma SACCONI, ascrive alla riforma SACCONI – mai nominata da nessuno - un risparmio stimato al 2060 quasi DOPPIO di quello della riforma Fornero (cfr. il libro citato, cap. 2, par. 8).

In conclusione, osservo che Andrea Orlando ha dichiarato che la casa deve essere al centro delle proposte del PD. Sono d’accordo. Sono 10 anni che segnalo ai Segretari ed ai politici del PD che l’infrastruttura primaria è la casa, poiché è la casa che fa la differenza tra una vita economicamente sostenibile e la povertà, ed occorre implementare UN CORPOSO PIANO PLURIENNALE DI CASE POPOLARI DI QUALITA’, oggi drammaticamente pari a poco più di 550 mila alloggi popolari e ultrapopolari censiti (dimezzati rispetto a 10 anni fa, a seguito delle vendite), spesso fatiscenti, pari all’1,5% circa del totale degli immobili residenziali, contro 10, 20, 30 volte tanto negli altri Paesi UE (al primo posto c’è l’Olanda col 32%, ibidem, cap. 1, par. 7).

Cordiali saluti,

V.


Destinatari:



**********






Sfoglia agosto        ottobre
temi della settimana

pensioni riforma delle pensioni fornero curiosita' sessuali commissione europea germania debito pubblico ue bce crisi economica fake news bersani renzi governo monti economia sviluppo intellettuale imposta patrimoniale pd sessualità banca d'italia berlusconi



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0