.
Annunci online

Replica alla seconda risposta della DG Affari economici della Commissione Europea



Nello scorso mese di giugno inviai una lunga Lettera alla Commissaria europea Margrethe Vestager sui pregiudizi sull’Italia [o 2]. Alla quale è seguita la risposta della Direzione Generale Affari Economici e Finanziari della Commissione Europea, anche per conto della Commissaria Vestager [o 2] e poi la mia replica [1 o 2]. Ieri ho pubblicato la seconda risposta della DG Affari economici [1 o 2]. Oggi pubblico la mia seconda replica. 


Re: Ares(2019)5637574 - [Re] Follow to ECFIN Re: Ares(2019)5154481 - Lettera alla Commissaria Margrethe Vestager sui suoi pregiudizi sull’Italia

9/9/2019 18:35


Gentile Signora Aliénor Margerit,

La ringrazio per la Sua cortese seconda risposta, che in buona parte condivido (veda la mia lettera alla Commissaria Vestager, che richiamo integralmente). Mi permetta, però, alcune osservazioni su ciò che non condivido, anche perché mi sembra basato su una non completa conoscenza dei dati italiani, che investe anche 60 milioni di Italiani, inclusi gli esperti e i docenti universitari di Economia, premi Nobel di Economia e i principali giornali mondiali (incluso Le Monde), e costituisce un caso di studio di livello mondiale, e che perciò mi permetto di colmare.


1. Manovre finanziarie

So bene che alcuni Paesi da me citati sono stati sottoposti ad un programma di aggiustamento economico e l’Italia no, anzi è stata chiamata a pagare circa 100 mld per sostegni (o accollo di debiti) ad altri Paesi. Ma solo formalmente. Infatti l’Italia è stata colpita da una doppia recessione causata dalla politica economica prociclica imposta dall’UE, e discriminata rispetto ad altri Paesi (traggo i dati dal mio libro “LE TRE PIU’ GRANDI BUFALE DEL XXI SECOLO”):

Riepilogo delle manovre correttive (importi cumulati da inizio legislatura):

- governo Berlusconi-Tremonti 266,3 mld (80,8%);

- governo Monti 63,2 mld (19,2%);

Totale 329,5 mld (100,0%). 

a valere per il quadriennio (Berlusconi) o triennio (Monti) successivi all’emanazione delle manovre correttive, ma le misure cosiddette strutturali (cioè permanenti) vigono tuttora.

Come attesta l’ISTAT, relativamente al periodo 2008-2012, le politiche economiche sono state divergenti: 

«L’Italia – scrive l’ISTAT - ha registrato nei cinque anni considerati (2008-2012) un avanzo primario cumulato pari a circa il 5,4 per cento del Pil 2012, contro un disavanzo medio del 7,4 per cento nell’area dell’euro. La Germania ha conseguito un avanzo primario, pari a 4,7 punti percentuali di Pil, mentre la Francia ha conseguito un disavanzo primario per 7,4 punti percentuali. Eccezionali livelli di disavanzo si sono registrati in Irlanda (59 punti percentuali di Pil), Spagna (35 punti percentuali) e Grecia (30 punti percentuali»; [38]

c) una politica fiscale divergente rispetto a tutti gli altri Paesi: «Nel confronto complessivo, si evidenzia il grande sforzo di consolidamento fiscale compiuto dall’Italia nel periodo della crisi: il nostro è stato l’unico paese della Uem a non aver attuato nel complesso politiche espansive, presentando effetti cumulati restrittivi per oltre 5 punti di Pil. Nell’area dell’euro l’impatto è risultato espansivo per 13 punti di Pil, in Francia per 14 e in Germania per 6.»;[38]

Il grosso delle manovre è stato implementato nel periodo 2010-2011, dopo la crisi della Grecia, in gran parte su pressione dell’UE (Commissione, Consiglio e BCE) esercitata in particolare sul Governo Berlusconi, che, sebbene abbia ubbidito quasi in tutto, fu costretto alle dimissioni. 

Tabella n. 3 - Valori delle cinque manovre correttive 2010÷2012

Governo Berlusconi: DL 78/2010, DL 98/2011 e DL 138/2011; Governo Monti: DL 201/2011 e DL 95/2012 (milioni di euro)

DL

2010

2011

2012

2013

2014

TOTALE

%

DL78/2010

36

12.131

25.068

25.033

-

62.268

22,8

DL98/2011

-

2.108

5.577

24.406

49.973

82.064

30,1

DL138/2011

-

732

22.698

29.859

11.822

65.111

23,8

Tot.Gov.B.

36

14.971

53.343

79.298

61.795

209.443

76,7

DL201/2011

-

-

20.243

21.319

21.432

62.994

23,1

DL95/2012*

-

-

603

16

27

646

0,2

Tot.Gov.M.

-

-

20.846

21.335

21.459

63.640

23,3

TOTALE

36

14.971

74.189

100.633

83.254

273.083

100,0

  %

-

5,5

27,2

36,9

30,5

100,0


 *Minori spese per 20.326 milioni nel triennio 2012-14 sono compensate da minori entrate per 19.680.

(Fonte: elaborazione mia su dati del Servizio Studi della Camera o del Senato)


L’entità delle manovre fu in gran parte un effetto dei diktat UE, non la qualità delle misure – scandalosamente inique quelle del Governo Berlusconi – che contribuì ad aggravare e prolungare la crisi economica.


 2. Spread

Infatti, Lei ha ragione, lo spread esprime il rischio “percepito”, ma (i) per l’Italia è ingiustificato dai fondamentali, come confermano la sua notevole oscillazione, la comparazione con altri Paesi, la cui economia è molto più debole di quella italiana, il rating BBB delle screditate società di rating, inferiore di quattro gradi a quello del 2011, il giudizio del governatore Visco (v. lettera a Commissaria Vestager); (ii) e dipende anche, oltre che dai pregiudizi sull’Italia non suffragati da un’analisi dei dati e dalla cacofonia isterica di tutti, inclusi i Commissari UE, dal mancato scudo da parte della BCE alla speculazione finanziaria.


 3. Pensioni.

L’Italia, pur non facendo parte dei Paesi sottoposti a programmi di aggiustamento, quali Grecia, Irlanda, Spagna, Cipro e Portogallo, è stato l’unico Paese UE ad aver avuto non una ma ben due severe riforme pensionistiche: Sacconi (2010 e 2011), misconosciuta da quasi tutti (inclusi OCSE e FMI), e Fornero (2011); la Francia, soltanto ora, ma nessuno si permetteva di chiederne conto al presidente Sarkozy, il quale forse per senso di colpa si permetteva di irridere il PdC Berlusconi.

Dopo queste riforme, il sistema pensionistico italiano è giudicato unanimemente dagli esperti (incluse Commissione e BCE) tra i più severi e sostenibili in UE28.

Le pensioni costituiscono, per vari aspetti, anche nel confronto internazionale, LA SECONDA PIU’ GRANDE BUFALA, poiché la spesa pensionistica italiana include 50 mld di voci spurie (imposte, spesa assistenziale, TFR); al netto di tali voci, l’incidenza sul Pil scende dal 16% al 12%.

  

Conclusione

Sono d’accordo con Lei che molto l’Italia potrebbe e dovrebbe fare e che ci sono in Italia troppe resistenze culturali e di interessi potenti, ma io penso che aiuterebbe molto se la struttura UE contribuisse a sgombrare il campo dai pregiudizi, a individuare tali resistenze potenti (contrarie, ad esempio, ad una imposta patrimoniale sui ricchi, che hanno contribuito pochissimo al mastodontico risanamento dei conti pubblici) e a riformare ciò che non va nelle regole UE e nella loro applicazione, come è ormai riconosciuto anche da studiosi di orientamento ortodosso.

Le porgo i miei migliori saluti,

V.



**********




Sfoglia agosto        ottobre
temi della settimana

pensioni riforma delle pensioni fornero curiosita' sessuali commissione europea germania debito pubblico ue bce crisi economica fake news bersani renzi governo monti economia sviluppo intellettuale imposta patrimoniale pd sessualità banca d'italia berlusconi



ultimi commenti
4/10/2018 1:30:06 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Draghi ha detto che nel 2045 la spesa pensionistica sara' al 20%/PIL e non al 16%/PIL come previsto ..."
4/10/2018 1:00:55 PM
Gior in Lettera al Prof. Alberto Brambilla su un suo articolo con fake news sulla riforma Fornero
"Cosa ne dici di questo articolo? Fanno il confronto al ribasso sfruttando lo squilibrio ..."
3/27/2018 1:23:13 PM
Gior in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Sei evocato su Iceberg Finanza ..."
3/24/2018 4:20:09 PM
da magnagrecia in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"Salve,A Di Maio ho inviato più volte le mie e-mail p.c. Poi, visto che continuava a straparlare ..."
3/23/2018 10:30:25 PM
Pietro in Dialogo con Paolo Zani di Tuttoprevidenza sulle sue fake news sulle pensioni
"buonasera sig. V.scopro solo ora i suoi articoli sulle Pensioni e la sua battaglia per la verità ..."


links


archivio

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0