Blog: http://Vincesko.ilcannocchiale.it

Lettera al Senatore Nicola Latorre

 
Pubblico la lettera che ho inviato ieri al Sen. Nicola Latorre, del PD.
 

Oggetto:

OCCORRONO VERITA’ E SEVERITA'.

Da:

Descrizione: http://posta-static.iol.it/cp/images/default/en/mail/smart/addcontact.gif

A:

<nicola.latorre@senato.it>Descrizione: http://posta-static.iol.it/cp/images/default/en/mail/smart/addcontact.gif

Data:

17/05/2013 10:02 


OCCORRONO VERITA’ E SEVERITA'.
 
Egr. Sen. Latorre,
 
Disapprovo le Sue dichiarazioni, in apparenza ovvie, in merito all’ineleggibilità del Sen. Silvio Berlusconi (anche se si tratti della sua nomina a senatore a vita, ipotesi semplicemente oscena, poiché contraddirebbe sia la prassi sia soprattutto la stessa lettera della norma costituzionale, che prevede venga concessa a chi “ha illustrato la Patria per altissimi meriti”, e mi sembra che non sia il caso di SB, che, anzi, semmai l’ha 'illustrata' alla rovescia, in negativo), che considero un ulteriore indizio a Suo carico.
 
Mi è capitato di prevedere qualche ora prima che succedesse, scrivendolo nel blog di Bracconi su Repubblica (cfr. http://vincesko.ilcannocchiale.it/2013/04/19/lagguato_dei_101_traditori_del.html), il rischio del tradimento ad opera di voi d’alemiani, inclini all’inciucio, e dei cattolici, inclini alla slealtà, gli stessi forse che poi hanno affossato la candidatura di Prodi (peraltro, ben 15 voti espliciti sono andati a D’Alema).
 
Va detto che la candidatura di Prodi era una scelta molto divisiva; ciononostante, quello che è inaccettabile è la vigliaccheria dei 101 traditori, che la mattina hanno approvato assieme agli altri grandi elettori ed applaudito con una standing ovation la candidatura al Colle di Romano Prodi e nel pomeriggio nel chiuso nell'urna l'hanno affossata, tradendo prima se stessi e poi il PD, e che per questo vanno stanati e cacciati dal PD.
 
Le confesso che a me, elettore del PD (di provenienza DS), non ha fatto piacere la Sua rielezione, quindi esprimo la speranza che Lei, se è stato uno dei 101 traditori, abbia un sussulto di dignità ed ammetta pubblicamente la Sua responsabilità e venga espulso dal PD.
 
Distinti saluti
 
PS: La informo che pubblicherò questa mia lettera e l’eventuale Sua risposta sia nel mio blog che sui media on-line.
 
 

Pubblicato il 18/5/2013 alle 9.47 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web