Blog: http://Vincesko.ilcannocchiale.it

Nota sul Rapporto annuale ISTAT 2014

 

Da anni, [1] ho evidenziato  che il responsabile della recessione economica italiana è stato il governo Berlusconi-Tremonti, che, a partire dalla crisi greca, ha varato, senza correttivi orientati alla crescita economica e senza aver dovuto salvare le banche, in particolare 3 manovre correttive lacrime e sangue (DL 78/2010, DL 98/2011 e DL 138/2011), addossate molto iniquamente soprattutto sui ceti medio-bassi ad alta propensione al consumo, per oltre 200 miliardi cumulati, e che hanno inciso, complessivamente, per 4/5 sull’intero ammontare delle manovre finanziarie varate nella scorsa legislatura, pari a 330 mld cumulati; mentre il governo Monti soltanto per 1/5 ed in maniera più equa.

Il rapporto annuale 2014 dell’ISTAT (v. tabb. 5.4/a e b) [2] conferma questo fatto, ignoto ai più, tra questi il conduttore della nota trasmissione su La7 “La Gabbia”, Gianluigi Paragone, che anche ieri sera, facendo riferimento in maniera incongrua proprio al Rapporto annuale 2014 dell’ISTAT, ha imputato a Mario Monti la responsabilità della recessione, anzi di aver distrutto l’Italia. [3]

Va anche notato che lo stesso rapporto ISTAT, nelle tabelle citate, non considera che gli effetti delle misure varate strutturali, quindi permanenti, non si esauriscono nei trienni successivi alla loro emanazione (come è prassi prevedere per le leggi finanziarie del governo), ma continuano anche dopo. 

Un’ultima annotazione riguarda l’attenzione del Rapporto al contrasto alle disuguaglianze (aumentate nel periodo di crisi, a dimostrazione ulteriore dell’iniquità delle manovre correttive berlusconiane-tremontiane), attraverso l’adozione del reddito di cittadinanza o misure similari (cfr. par. 5.3.1).

[1] Il lavoro ‘sporco’ del governo Berlusconi-Tremonti
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2747515.html
[2] ISTAT - Rapporto annuale 2014
http://www.istat.it/it/archivio/120991
[3] La7-La Gabbia “Rottama l’Europa!”
http://www.la7.it/la-gabbia/rivedila7/la-gabbia-29-05-2014-132548


Articoli collegati:
 
IL RAPPORTO ISTAT: BASSA CRESCITA CAUSATA ANCHE DA MANOVRE FISCALI RESTRITTIVE,
Milano, 28 maggio 2014
«In Italia sforzo record su conti
Ma ora bisogna agire sulla crescita
http://www.corriere.it/cronache/14_maggio_28/tram-bus-metro-servizio-peggiora-ma-biglietto-rincara-67percento-12-anni-29aeccb0-e62f-11e3-b776-3f9b9706b923.shtml
 
La recessione è finita, ma l'Italia rimane nella palude
Dal rapporto Istat 2014 emerge che solo 3 imprese su 10 aumentano occupazione e fatturato, oltre 6 milioni di persone potenzialmente impiegabili sono fuori dal mercato del lavoro, Mezzogiorno sempre più povero e "vecchio", disuguaglianza in crescita a dispetto delle politiche di redistribuzione. Nascite al nuovo minimo storico: 515 mila
di ROSARIA AMATO
28 maggio 2014
http://www.repubblica.it/economia/2014/05/28/news/rapporto_istat_2014-87416596/
 
Istat: nascite al minimo storico, pesa crisi, giovani in fuga
'6,3 mln di senza lavoro, oltre 1 mln over 50 cerca il posto'. E' la fotografia del nostro Paese nel 2013. In 5 anni via da Italia quasi 100 mila giovani
28 maggio 2014
http://www.ansa.it/sito/notizie/flash/2014/05/28/istat-nuovo-minimo-storico-nascite-515mila-bimbi-_4302a9b3-5dde-42c7-9217-bfd1292f52f2.html
 
Istat Rapporto Annuale 2014, l'austerity ci è costata 78 miliardi. Italia prima della classe negli anni della crisi
Pubblicato: 28/05/201410:45 CEST Aggiornato: 28/05/2014 12:10 CEST
Flavio Bini
http://www.huffingtonpost.it/2014/05/28/rapporto-annuale-istat_n_5402171.html
  
Camera dei Deputati - 28/05/2014
Rapporto Istat 2014 - "La situazione del Paese" Mercoledì 28 maggio: presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio è stato presentato il Rapporto annuale 2014 Istat "La situazione del Paese". E' intervenuta la Presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini. Ha presentato il Rapporto Antonio Golini, Presidente Istat. L'appuntamento è stato trasmesso in diretta sulla webtv della Camera. 
vai al video
http://www.camera.it/leg17/1132?shadow_primapagina=3781  

Perché il Sud sta soffocando
Riccardo Realfonzo - 09 Giugno 2014
http://www.economiaepolitica.it/index.php/mezzogiorno/perche-il-sud-sta-soffocando/


Pubblicato il 29/5/2014 alle 9.53 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web