Blog: http://Vincesko.ilcannocchiale.it

Scuola, Svizzera vs Italia

 

Ieri, Superquark [1] ha mostrato il caso della Svizzera, dove, quando dai test PISA [2] si sono accorti nel 2000 che il 20% degli alunni ha mostrato un rendimento insoddisfacente (e si erano classificati settimi), hanno ritenuto che fosse un dato inaccettabile e che si dovesse intervenire aiutando le famiglie meno abbienti ed hanno perciò deciso di potenziare la scuola primaria, periodo in cui il cervello del bambino assorbe più facilmente ciò che gli si insegna e si pongono le fondamenta dello sviluppo intellettivo, anticipandone l’inizio a 4 anni.

In Italia, si afferma nel servizio, classificatasi 24esima, hanno fatto, nel 2000, la stessa constatazione, ma non è successo nulla.

E qualcuno, per soprammercato,  ora dopo i test INVALSI [3] propugna classi differenziate per i bravi. 

E invece è semplice come fare 2+2 e lo scrivo da anni. Poiché le differenze – che appaiono strutturali - dei risultati tra l'Italia e gli altri Paesi OCSE e tra le Regioni, in particolare tra quelle del Centro-Nord e quelle del Sud, attestate dai test INVALSI sono determinate dal divario culturale tra le famiglie di origine degli alunni, è qui che occorre intervenire, attraverso un progetto educativo a domicilio [4] destinato alle mamme in gravidanza (ed ai padri) e nei primi 3 anni di vita dei bambini, periodo cruciale per lo sviluppo delle sinapsi. In subordine (è una proposta subordinata sia perché ovviamente i genitori sono esclusi, sia perché si comincia dai 3 mesi e non dalla gravidanza coinvolgendo la madre, sia perché si paga una retta epperciò privilegia le famiglie più abbienti), si deve potenziare la rete di asili nido. [5]

 
[1] http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html?day=2014-07-10&ch=1&v=388492&vd=2014-07-10&vc=1
[2] http://it.wikipedia.org/wiki/Programma_per_la_valutazione_internazionale_dell'allievo
[3 ] http://it.wikipedia.org/wiki/Test_INVALSI
[] N. 4 post sull’educazione:
Educazione dei figli, in famiglia, dalla gravidanza a tre anni
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2753847.html
L’istruzione è alleanza famiglia-scuola
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2753849.html
Il ruolo dell’educazione - in famiglia e a scuola - nella formazione di cittadini pensanti e felici: un approccio innovativo
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2752886.html
Questione femminile, questione meridionale, rivoluzione culturale e progetto educativo
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2580796.html
[5] Genitori e figli, il nido serve a tutti
Permette a mamme e papà di lavorare e in più ha un dimostrato effetto positivo sul futuro rendimento scolastico dei figli. Eppure, il numero di posti a disposizione è tra i più bassi d'Europa, e di politiche per l'infanzia neanche l'ombra.
02/07/2014
Simona Suardi
http://www.ingenere.it/articoli/genitori-e-figli-il-nido-serve-tutti
 

Articolo collegato:
 
VALUTAZIONE DELLE SCUOLE
Invalsi, il Sud migliora ma ancora troppi «aiutini» dei prof agli allievi
In matematica, i tecnici del Nordest uguali ai licei del resto d’Italia. Si riduce la forbice Nord-Sud alle elementari
di Valentina Santarpia
10 luglio 2014
http://www.corriere.it/scuola/medie/14_luglio_10/invalsi-buco-nero-professionali-ef0c2650-080e-11e4-9d3c-e15131ae88f3.shtml

 
 

Pubblicato il 11/7/2014 alle 16.48 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web