Blog: http://Vincesko.ilcannocchiale.it

Il supposto scoop di QN sul caso dei due Marò

 
Premetto che io faccio il tifo per i due Marò e che secondo me la competenza a processarli è dello Stato italiano, ma questo non m’impedisce di conservare sulla vicenda la massima obiettività.
 
La settimana scorsa, QN-Quotidiano Nazionale ha diffuso la notizia,[1] rilanciata da quasi tutti i media, dell’autogol fatto dall’India, che avrebbe allegato agli atti depositati presso il Tribunale internazionale per il diritto del mare (Itlos), che doveva decidere esclusivamente sull’ammissibilità dell’arbitrato alla Corte dell’Aja, la prova documentale che i proiettili estratti dai corpi delle due vittime – i due pescatori del Saint Antony, Valentine Jelastine e Ajeesh Pink - erano più lunghi di quelli in dotazione ai marò.
 
Leggendo la notizia, mi è tornato subito in mente un articolo di Repubblica di qualche anno fa, che riferiva in esclusiva dell’inchiesta di un ammiraglio italiano. Mi sono messo a cercarlo in rete e l’ho trovato.[2]
 
Cercandolo, mi sono ovviamente imbattuto anche nella relativa voce di Wikipedia[3], che, oltre a riportare l’articolo predetto di Repubblica, contiene nelle note alcuni scritti interessanti, tra cui quelli di Matteo Miavaldi, che è un giornalista italiano che lavora in India per conto di un giornale cinese e che ha seguito assiduamente e accuratamente il caso fin dall’inizio (vedi al riguardo la voce Wikipedia, note 11 e 12). Da essa, ho anche appreso del ruolo svolto nella vicenda dal sedicente ingegnere Luigi Di Stefano, autore di un documento "tecnico" che scagiona i due militari dall'uccisione dei pescatori indiani. Il Di Stefano è un dirigente del movimento politico di estrema destra Casa Pound e pare essere la fonte sia di QN-Quotidiano Nazionale, sia de Il Giornale e altri organi di stampa di destra, che stanno fin dall’inizio portando avanti una campagna di stampa per la liberazione dei due Marò, propalando però anche notizie infondate o molto di parte.
 
Discutendone in rete con quelli che avevano postato l’articolo di QN per sostenere l’innocenza di Latorre e Girone, ho linkato l’articolo di Repubblica del 2013 ed osservato che il punto non era che noi dovessimo stabilire se sono stati Latorre e Girone, ma che, secondo la ricostruzione di Repubblica su fonte attendibile, i proiettili di calibro 5,56 mm, di produzione italiana, erano in dotazione alla Nato. E che, come si ipotizzò tre anni fa, possono essere stati esplosi da altri militari italiani di guardia alla nave (in totale erano sei), i quali avevano in dotazione armi con proiettili di quel calibro (Repubblica ne fa anche i nomi: i sottocapi Andronico e Voglino). I quali – rammento – sono stati ascoltati tutti come testimoni dal Tribunale indiano solo in videoconferenza, poiché l’Italia si oppose acché venissero escussi in India.
 
Approfondendo gli aspetti balistici, ho ricavato che, non essendo stato ancora celebrato il processo in India, sono noti finora soltanto i risultati dell’indagine eseguita dalla polizia dello Stato del Kerala, ma non quelli dell’inchiesta effettuata successivamente dalla polizia federale National Investigation Agency (Nia). A questo riguardo, allego due articoli, uno di Repubblica[4] e un altro di Matteo Miavaldi.[5]
 
 
[1] "I marò non usano quei proiettili". E c'è la truffa dei testimoni fotocopia
India, nelle carte depositate al Tribunale del Mare tutti i trucchi dell'accusa
di LORENZO BIANCHI
11 settembre 2015
http://www.quotidiano.net/maro-1.1288994
 
[2] Marò, la verità degli italiani su quei 33 minuti.
Il giallo: i fucili erano quelli di altri soldati
Il contenuto di una "inchiesta sommaria" prodotta pochi giorni dopo l'incidente sulla Enrica Lexie. I proiettili estratti dai corpi delle due vittime esplosi da armi che non erano di Latorre e Girone. La ricostruzione: segnali luminosi, prime raffiche in acqua e persone armate sulla barca. Così furono scambiati per pirati 
di MAURA GUALCO e VINCENZO NIGRO
06 aprile 2013
http://www.repubblica.it/esteri/2013/04/06/news/mar_la_verit_degli_italiani_su_quei_33_minuti_il_giallo_i_fucili_erano_quelli_di_altri_soldati-56043636/
 
Seconda parte dell’articolo d’inchiesta di Repubblica
http://www.repubblica.it/esteri/2013/04/07/news/mar_ecco_tutte_le_colpe_del_comandante_della_lexie-56103511/
 
[3] https://it.wikipedia.org/wiki/Caso_dell’Enrica_Lexie_e_dei_due_mar%C3%B2
 
[4] Marò, il giallo dei documenti presentati ad Amburgo. India potrebbe aver inviato una vecchia perizia con dati sbagliati sui proiettili
Una perizia successiva conferma la compatibilità tra il proiettile estratto e le munizioni in dotazione ai fucilieri italiani
11 settembre 2015
http://www.repubblica.it/esteri/2015/09/11/news/maro_i_proiettili_che_hanno_ucciso_i_pescatori_indiani_non_sarebbero_dei_fucilieri_italiani-122679444/
 
[5] Proiettili troppo lunghi, marò, somali e cingalesi: cosa non torna
Matteo Miavaldi
Mercoledì, 16 Settembre 2015
http://www.eastonline.eu/it/opinioni/elefanti-a-parte/proiettili-troppo-lunghi-maro-somali-e-cingalesi-cosa-non-torna
 
 
**********
 
http://vincesko.blogspot.com/2015/09/il-supposto-scoop-di-qn-sul-caso-dei.html
 

Pubblicato il 18/9/2015 alle 16.20 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web