Blog: http://Vincesko.ilcannocchiale.it

Lettera a Luciana Patrizi, Ispettrice generale della RGS-IGESPES, sulla loro fake news sulle pensioni




Dopo il dialogo con Stefano Patriarca,[1] ho scoperto che anche la Ragioneria Generale dello Stato (RGS) ha commesso l’errore di interpretazione della norma pensionistica relativa alla modifica da triennale a biennale – decisa dalla riforma Fornero – dell’adeguamento automatico dell’età di pensionamento alla speranza di vita. Quindi, come preannunciato, ho ripreso la caccia per individuare il suo autore e, dopo le lettere all’Istat e a Stefano Patriarca, previa una laboriosa ricerca in Internet e telefonica, ho deciso di inviare questa lettera a Luciana Patrizi, Ispettrice Generale dell'IGESPES   (Ispettorato Generale per la Spesa Sociale), che fa parte della RGS e provvede ad elaborare periodicamente i rapporti sulla spesa pensionistica. Ad oggi, non ho ricevuto alcuna risposta.


Errata interpretazione della norma pensionistica relativa all'adeguamento automatico dell'età di pensionamento

Da:  v

12/2/2018  17:44


Gentile Dott.ssa Patrizi,

Nell'ambito della mia faticosa opera di controinformazione sulle pensioni cui ho deciso volontariamente di sobbarcarmi da sei anni, ai fini della redazione della mia ennesima “lettera circolare”, sto cercando di capire chi abbia per primo commesso l’errore di interpretazione della norma pensionistica relativa all’adeguamento automatico dell'età di pensionamento alla speranza di vita. Nel novero c'è, oltre alla RGS, perfino il Parlamento.

Traggo da Le tendenze di medio-lungo periodo del sistema pensionistico e socio-sanitario - Rapporto n. 18 - Nota di aggiornamento  (formato PDF - dimensione 1217 Kb) la seguente frase:

Le previsioni del sistema pensionistico scontano l’adeguamento su base triennale (biennale dal 2021) dei coefficienti di trasformazione e, con medesima periodicità, dei requisiti di accesso al pensionamento in funzione della speranza di vita”. (pag. 1).

Debbo supporre che Lei - o chi ha redatto il rapporto - non abbia letto la norma pensionistica di riferimento (L. 214/2011, art. 24, comma 13), altrimenti avrebbe facilissimamente dedotto che, contrariamente a ciò che scrivono quasi tutti, la periodicità dell’adeguamento automatico dell’età di pensionamento diverrà biennale a decorrere dal 2022.

13 Gli adeguamenti agli incrementi della speranza di vita successivi a quello effettuato con decorrenza 1° gennaio 2019 sono aggiornati con cadenza biennale secondo le modalita' previste dall'articolo 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 e successive modificazioni e integrazioni ((, salvo quanto previsto dal presente comma)). A partire dalla medesima data i riferimenti al triennio, di cui al comma 12-ter dell'articolo 12 del citato decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 e successive modificazioni e integrazioni, devono riferirsi al biennio.[…]

http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legge:2011-12-06;201~art24!vig=

Non mi pare ci possano essere dubbi su una norma di un’evidenza assoluta: la periodicità Sacconi è triennale, essa diventa biennale, in forza della riforma Fornero, relativamente agli “adeguamenti successivi a quello [triennale, 2019-2021] effettuato con decorrenza 1° gennaio 2019”, e cioè dal 2022.

Spero di esserLe stato utile o che Lei possa contraddirmi.

Cordiali saluti

V.


PS: Ritengo doveroso informarLa che pubblicherò questa mia lettera e la Sua eventuale, graditissima risposta nel mio blog.

  

________________________


Note:

[1] Dialogo con Stefano Patriarca, consulente economico del Governo, sulla sua fake news sulle pensioni



**********





Pubblicato il 17/2/2018 alle 16.23 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web