Blog: http://Vincesko.ilcannocchiale.it

Lettera n. 2 all’Ufficio Affari Giuridici del Quirinale sull’errata interpretazione di RGS e DG Previdenza di norme delle Riforme Fornero e Sacconi: comunicazione dell’esito negativo




Nel febbraio e nell’ottobre 2018, avevo trasmesso via pec, per conoscenza, anche al Presidente della Repubblica le mie due Lettere alla Ragioneria Generale dello Stato e alla Direzione Generale Previdenza sulla loro errata interpretazione di norme pensionistiche relative all’adeguamento alla speranza di vita.

Si tratta di errori riportati anche in leggi approvate dal Parlamento e promulgate dal Presidente della Repubblica.

In data 4 marzo 2019, ho ricevuto la risposta di un funzionario del Segretariato Generale del Quirinale (Ufficio per gli Affari giuridici e le Relazioni costituzionali), con la quale mi ha informato che “questo Ufficio ha sottoposto quanto da Lei rappresentato al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, per l’esame di competenza”.

Gli ho dovuto, però, riscrivere, per invitarlo a scrivere direttamente ai due alti dirigenti, data la loro autonomia stabilita dalla Riforma Sacconi nellemanare il decreto direttoriale relativo alla speranza di vita.

Essi, però, hanno ripetuto l’errata interpretazione nel loro decreto direttoriale del 5 novembre 2019.

Ho allora scritto loro una terza lettera pec, e poi ho telefonato prima a RGS e al Ministero del Lavoro, ma non sono riuscito a interloquire, poi alla Direzione Generale Previdenza (il cui numero diretto compare nel suo sito). Con essa ho avuto un’interlocuzione durata quasi tre mesi, perché il funzionario incaricato della risposta era spesso assente.

In data 11 febbraio, l’ho trovato. Ma l’esito è stato una non risposta. Ne ho informato il Quirinale. Riporto il testo della mia lettera pec.


Errata interpretazione di norme pensionistiche da parte del Ragioniere Generale dello Stato e della Direttrice Generale Previdenza: esito interlocuzione con la Direzione Generale Previdenza.

mercoledì 12 febbraio 2020 - 14:30


                                                         SEGRETARIATO GENERALE QUIRINALE

                                                         Ufficio per gli Affari giuridici

Oggetto: Errata interpretazione di norme pensionistiche da parte del Ragioniere Generale dello Stato e della Direttrice Generale Previdenza: esito interlocuzione con la Direzione Generale Previdenza.

Egregio Dott. Ferdinando Tufarelli,

In riferimento alla Sua cortese lettera pec del 4 marzo 2019 08:45 (rif. UAG 13.3 N. 114/2018), avente ad oggetto Invio esposto a min lavoro (Prot. SGPR201903040019993), e facendo seguito alla mia lettera pec del 4 marzo 2019 17:01, in cui Le ho rappresentato l’esigenza che Codesto Segretariato Generale scrivesse direttamente anche ai due alti dirigenti, data la loro responsabilità personale stabilita dalla Riforma delle pensioni Sacconi (L. 122/2010, art. 12, comma 12-bis), mi permetto di informarLa che:

(i) Avendo il Ragioniere Generale dello Stato, di concerto con la Direzione Generale Previdenza del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, ripetuto l’errata interpretazione della norma della Riforma Fornero (L. 214/2011, art. 24, comma 13) nel loro decreto direttoriale del 5 novembre 2019, ho scritto loro una terza lettera (pec).

(ii) Dopo tentativi analoghi fatti con il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali e con il Ragioniere Generale dello Stato, ho avuto per quasi tre mesi un’interlocuzione con la Direzione Generale Previdenza, ma il funzionario delegato per la risposta, il dottor Francesco Saverio Longo, che ha trovato anch’egli fondate le mie osservazioni critiche (“Lei non ha tutti i torti, ma perché nessuno se n’è accorto prima?”), purtroppo è stato spesso assente.

(iii) Gli ho ritelefonato ieri 11 febbraio: mi ha detto che la risposta era alla firma; poi, sentito il suo superiore (dottor Stefano Listanti, direttore della Divisione III), mi ha dato la seguente risposta: la sua direzione non può rispondere ad un privato cittadino e di rivolgermi all’INPS. Gli ho replicato che non ho titoli per rivolgermi all’INPS, peraltro estraneo alla questione e che si è adeguato solo successivamente alla interpretazione errataperché io sono già in pensione, mentre l’errata interpretazione (inizio della decorrenza della periodicità biennale, deciso dalla Riforma Fornero, relativamente agli adeguamenti “successivi a quello effettuato con decorrenza 1° gennaio 2019”; ed esclusione, dal calcolo, delle diminuzioni della speranza di vita, stabilita dalla Riforma Sacconi soltanto “in sede di prima applicazione”) impatterà negativamente sui pensionati futuri; e gli ho anche ribadito che le mie osservazioni erano state giudicate fondate dal Quirinale, che le aveva inoltrate, nel marzo 2019, con un esposto al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Ma è stato inutile.

(iv) E poi ho comunicato alla segretaria della Direttrice Gen., dottoressa Concetta Ferrari, l’esito e le ho chiesto di riferire alla dott.ssa Ferrari che, essendo l’errore ripetuto in tutte le leggi promulgate in materia pensionistica, incluse le leggi di bilancio, non avevo altra strada che l’invio di un’altra lettera pec alla Presidenza della Repubblica, per informarla della risposta.

(v) Intendo a breve rivolgere un appello al Presidente della Repubblica per la costituzione di un Comitato di studio e contrasto della DISINFORMAZIONE, che dopo aver mietuto in Italia 60 milioni di vittime è diventata mondiale, coinvolgendo anche l’OCSE, l’FMI e premi Nobel di Economia, relativa alle Manovre correttive dei Governi Berlusconi e Monti, alle Riforme delle pensioni Sacconi e Fornero e agli obiettivi e poteri-doveri statutari della BCE, alimentata, da quasi dieci anni, da tutti gli esperti e i professori universitari e oggetto quotidiano, le prime due, degli articoli e dei dibattiti dei media.

Tutti i soggetti coinvolti direttamente o indirettamente (tranne il dott. Longo, del quale non ho l’indirizzo email) sono destinatari p.c. della presente lettera.

La ringrazio e Le invio distinti saluti,

V.


Destinatari:

ufficio.affari.giuridici@pec.quirinale.it

CC segreteriaministro@pec.lavoro.gov.itsegreteriaministro@lavoro.gov.itmef@pec.mef.gov.it, segreteria.ministro@mef.gov.itrgs.ragionieregenerale.coordinamento@pec.mef.gov.it, ragioniere.generale@mef.gov.it, dgprevidenza@pec.lavoro.gov.itdgprevidenza@lavoro.gov.it, dgprevidenza.div3@pec.lavoro.gov.itdgprevidenzadiv3@lavoro.gov.it,



Post collegato

Replica alla risposta del Quirinale sulle errate interpretazioni della Ragioneria Generale dello Stato di norme pensionistiche



**********





Pubblicato il 19/2/2020 alle 11.44 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web