Blog: http://Vincesko.ilcannocchiale.it

PNRR, le maldestre manine di prestigiatore contro il superamento dei divari Nord-Sud


Recovery Plan, numeri e percentuali al Sud diventano un balletto per colpa dei soliti furbetti
Fare confusione in questi casi è la cosa migliore per confondere le carte ed ecco che nei conti ci sono progetti già finanziati
PIETRO MASSIMO BUSETTA | 17 APR. 2021 20:13 | 1
https://www.quotidianodelsud.it/laltravoce-dellitalia/le-due-italie/economia/2021/04/17/sudismi-di-pietro-massimo-busetta-recovery-plan-numeri-e-percentuali-al-sud-diventano-un-balletto-per-colpa-dei-soliti-furbetti/

 

L’ho scritto subito (https://www.quotidianodelsud.it/laltravoce-dellitalia/gli-editoriali/politica/2021/04/13/leditoriale-di-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-morire-di-propaganda/ ) che il 40% al Sud di Draghi e ancor più di Franco (che è settentrionale, come la gran parte dei ministri del governo Draghi) è una fregatura e, come la ripartizione decisa dal precedente governo Conte2 a trazione asseritamente meridionale, non rispetta i criteri stabiliti da Bruxelles.

Che le cose sarebbero andate storte, lo scrissi già dopo aver letto la lista dei ministri: “Voi pensate che, con tutti questi ministri settentrionali, al Sud arriveranno i soldi che gli spettano? Che, per la verità, manco col governo Conte2, pieno di ministri meridionali, arrivavano.” (https://www.quotidianodelsud.it/laltravoce-dellitalia/gli-editoriali/politica/2021/02/12/leditoriale-di-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-il-ritorno-del-cavaliere-bianco/ ).

Qui ci devono essere le solite manine ministeriali, per la verità piuttosto maldestre, perché non sono i furbi presidenti di Giunta regionale dellEmilia Romagna e del Veneto a redigere il PNRR.

Il Quotidiano del Sud dovrebbe indagare su queste manine e chiederne conto a Franco, che è quello che ora dirige la redazione del piano, visto che non lo fa la semitosta ministra per il Sud, la salernitana Carfagna, che speravo fosse un po più tosta del siciliano Provenzano, del napoletano Amendola e del pugliese Boccia, ministri del governo Conte2.

Le risorse del PNRR, secondo l’UE, devono servire per ridurre i divari territoriali, e basta un piccolo calcolo economico per stabilire che questo si ottiene soltanto se il tasso di variazione medio annuo del PIL del Mezzogiorno è maggiore di quello del Nord e nella misura congrua e per un numero congruo di anni: non bastano certamente i 6 anni del PNRR a colmarlo, ma ci vogliono 52 anni se la differenza di tasso medio annuo è pari a +1%, 26 anni se è pari al +2%.

 

Post collegati:

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e il monarca Giuseppe Conte
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2871228.html oppure
https://vincesko.blogspot.com/2020/12/il-piano-nazionale-ripresa-e-resilienza.html

PNRR, l’immobilismo del Governo Conte è figlio naturale dell’incompetenza
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2871425.html oppure
https://vincesko.blogspot.com/2020/12/pnrr-limmobilismo-del-governo-conte-e.html  

PNRR, la strategia dei tre passi prioritari
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2872106.html oppure
https://vincesko.blogspot.com/2021/02/pnrr-la-strategia-dei-tre-passi.html

 

**********

https://vincesko.blogspot.com/2021/04/pnrr-le-maldestre-manine-di.html

Pubblicato il 19/4/2021 alle 11.26 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web